Patto dei Sindaci

Monitoraggi

Il monitoraggio costituisce l’attività di controllo degli effetti del PAES ottenuti in sede di attuazione delle scelte dallo stesso definite, attività finalizzata a verificare tempestivamente l’esito della messa in atto delle misure...

con la segnalazione di eventuali problemi, e adadottare le opportune misure di ri-orientamento.

Tale processo non si riduce quindi alsemplice aggiornamento di dati e di informazioni, ma comprende anche un’attività di carattere interpretativo volta a supportare le decisioni durante l’attuazione del piano.

Il PAES prevede, rispetto agli impegni assunti con la Comunità Europea, di predisporre concadenza biennale dall’approvazione del Piano un report di monitoraggio per verificare il grado di attuazione delle azioni e l’avanzamento dei risparmi rispetto agli obiettivi stabiliti per lariduzione delle emissioni di CO2.

Questa fase di monitoraggio permette di verificare l’efficaciadelle azioni previste ed eventualmente di introdurre le correzioni/integrazioni/aggiustamentiritenuti necessari per meglio orientare il raggiungimento dell’obiettivo.

Questa attività biennale permette di ottenere quindi un continuo miglioramento del ciclo Plan, Do, Check, Act(pianificazione, esecuzione, controllo, azione).

Il ruolo dell’Amministrazione Comunale

Il monitoraggio avviene su più fronti: da un lato è necessario monitorare gli andamenti dei consumi comunali, e quindi delle emissioni, nel tempo tramite una costante raccolta di dati;dall’altro risulta utile verificare l’efficacia delle azioni messe in atto dal Comune, tramite indagini e riscontri sul campo. In entrambi i casi l’Amministrazione Comunale ricopre quindi un ruolo di fondamentale importanza, vista la vicinanza con la realtà locale.

La raccolta dati

Così come già svolto per la redazione del BEI e del MEI, per poter monitorare l’evolversi delpiano emissivo comunale è necessario disporre di anno in anno dei dati relativi ai consumi:↘ elettrici e termici degli edifici pubblici↘ del parco veicolare pubblico↘ di gas naturale dell’intero territorio comunale↘ di energia elettrica dell’intero territorio comunaleL’Amministrazione Comunale dovrà quindi continuare a registrare i consumi diretti di cui è responsabile e richiedere annualmente i dati dei distributori di energia elettrica e gas naturale,in modo tale da avere sempre a disposizione dati aggiornati.

Il monitoraggio dei consumi non direttamente ascrivibili al Comune è garantito dall’accessoalle banche dati regionali come ad esempio INEMAR.

 

Il monitoraggio delle azioni

Relativamente alle azioni individuate nel Piano d’Azione l’Amministrazione Comunale dovrà documentare il più possibile nel dettaglio le misure e le iniziative effettuate.

Per quanto riguarda le azioni sul patrimonio pubblico, il monitoraggio risulta essere di semplice attuazione, in quanto l’amministrazione comunale, essendo diretta interessata, sarà al corrente dell’entità dei progetti approvati.

Inoltre sarà possibile effettuare un controllo sullaloro efficacia, valutando i risparmi energetici effettivamente conseguiti, deducibili dal monitoraggio effettuato sui consumi di edifici pubblici, illuminazione pubblica e parco veicolare pubblico anche grazie agli strumenti già sviluppati dagli uffici comunali.

Le azionipuntuali o di promozione volte a ridurre le emissioni dovute al settore residenziale dovrannoinvece essere valutate a diversi livelli.

Ad esempio, non solo sarà necessario valutare la partecipazione dei cittadini agli incontri di sensibilizzazione e informazione organizzati dal Comune, ma sarà anche indispensabile accertare se gli incontri abbiano portato a risultati tangibili, attraverso campagne di indagine o simili.

Allo stesso tempo è fondamentale che l’Amministrazione Comunale mantenga il dialogo con glistakeholder locali, avendo così modo di verificare l’attuazione delle particolari azioni individuate nel PAES per tali soggetti ad esempio tramite incontri annuali.

Resta comunque sempre necessario in ultima analisi interpretare gli andamenti dei consumi edelle emissioni , per verificare se le azioni attivate stiano producendo gli effetti previsti dalPAES in termini quantitativi.

Inoltre il MEI consente di individuare l’eventuale incremento diemissioni legato all’evoluzione del territorio e delle variabili demografico - economiche(eventuali aree di espansione previste negli strumenti di programmazione urbanistica).

documento generico (2)

>> Delibera CC 198/2017 Presa datto della relazione di Monitoraggio PAES e dello stato di avanzamento delle azioni al 31 dicembre 2015 (226 KiB)
Delibera CC 198/2017 Presa datto della relazione di Monitoraggio PAES e dello stato di avanzamento delle azioni al 31 dicembre 2015

>> monitoraggio azioni paes - 2017 vdef (1,75 MiB)
monitoraggio azioni paes - 2017 vdef

Numero Unico 0521 40521
Tag Cloud Notizie
  • 37 notizie contengono il tag ambiente
  • 27 notizie contengono il tag controlli conferimento rifiuti
  • 28 notizie contengono il tag inceneritore
  • 108 notizie contengono il tag Iren
  • 36 notizie contengono il tag polizia municipale
  • 230 notizie contengono il tag raccolta differenziata
  • 123 notizie contengono il tag Raccolta porta a porta
  • 50 notizie contengono il tag rifiuti
  • 33 notizie contengono il tag tariffazione puntuale
  • 21 notizie contengono il tag zanzara tigre