Art Bonus

Parma

Iniziativa per favorire il mecenatismo culturale

Grazie al decreto Art Bonus puoi contribuire a riqualificare i luoghi della cultura del nostro Comune e beneficiare di cospicue detrazioni fiscali.

Per il 2015 e il 2016 i cittadini e le imprese potranno fare donazioni dirette per la salvaguardia e la tutela di beni culturali pubblici, ottenendo in questo modo uno sconto fiscale da detrarre in tre anni.

 

Una grande opportunità per le imprese, ma anche un'occasione per ogni cittadino: contribuire al recupero o al miglioramento degli spazi/monumenti che l'Amministrazione Comunale ha scelto per riportare all'originario splendore parti significative della nostra città.

Quali interventi e a chi sono diretti

La legge di stabilità 2016 ha reso permanente l’Art Bonus, con un’agevolazione fiscale al 65% per le erogazioni liberali a sostegno di interventi a favore di:

a) Interventi di manutenzione, protezione e restauro di beni culturali pubblici;

b) Musei, siti archeologici, biblioteche e archivi pubblici; 

c) Spese di investimento per Teatri pubblici e Fondazioni lirico sinfoniche.

Per ulteriori approfondimenti consulta anche www.artbonus.gov.it e il D.L. 31 maggio 2014, n. 83, convertito con modificazioni nella Legge 29 luglio 2014, n. 106.

Risultano beneficiari del credito d’imposta:

  • le persone fisiche e gli enti non commerciali nei limiti del 15 per cento del reddito imponibile;

  • i soggetti titolari di reddito d’impresa nei limiti del 5 per mille dei ricavi annui.

Il credito è riconosciuto anche alle donazioni a favore dei concessionari e affidatari di beni culturali pubblici per la realizzazione d’interventi di manutenzione, protezione e restauro.

Calcola il tuo Art Bonus

Inserisci nella tabella i redditi/ricavi della tua attività, specifica se sei azienda o persona fisica e calcola

il tuo credito d’imposta.

Il Ministero dei Beni Culturali presenta Art Bonus a Parma

Il MIBACT, nell’intento di promuovere al meglio il progetto di ART BONUS, lo ha presentato in alcune città d’Italia, tra cui Parma. Così dichiara il sottosegretario ai Beni Culturali Francesca Barracciu: "Stiamo organizzando, insieme all’Anci, un mini Road Show in giro per l’Italia, che si concluderà entro la fine dell'anno - afferma Barracciu - con giornate informative dedicate proprio a far conoscere questo strumento fiscale ai cittadini, alle camere di commercio, alle associazioni locali".

Continua il sottosegretario: "Penso ad esempio agli 8 milioni di euro stanziati da due importanti istituti creditizi per il restauro dell’Arena di Verona, ma il concetto che vogliamo far passare è che - scandisce Barracciu - anche nei piccoli centri è possibile per i semplici cittadini diventare mecenati e contribuire alla salvaguardia del patrimonio culturale attraverso donazioni di ogni entità”.