Il progetto dei Laboratori Famiglia prende forma nella primavera del 2009 con il fine di promuovere relazioni positive tra nuclei familiari, attraverso le quali giungere allo sviluppo di reti tra famiglie, cittadini e realtà associative di varia natura, nonché al concretizzarsi di esperienze di prossimità, anche con carichi di cura. Valorizzare l’esperienza familiare, riconoscendo la famiglia come protagonista attivo delle politiche sociali, anche grazie alla fruizione di spazi sociali animati dalle Associazioni di volontariato, con lo scopo di creare concrete occasioni di socializzazione per far sì che famiglie e individui non vivano esperienze di isolamento, contribuendo in maniera attiva al coinvolgimento di quelle persone in situazioni di assenza di legami con l’esterno e offrendo sostegno nei compiti di cura, educazione e conciliazione tra tempi di vita e di lavoro. Adottare una metodologia di rete, finalizzata al consolidamento delle relazioni esistenti e alla promozione e allo sviluppo di nuove relazioni tra persone, tra famiglie, tra organizzazioni.

I Laboratori Famiglia hanno l'obiettivo di:

  • promuovere il valore sociale della famiglia, risorsa essenziale per la progettazione di interventi attivati dall’associazionismo familiare, volti a creare connessioni tra famiglie, protagoniste attive delle politiche sociali e soggetti da supportare nei compiti educativi e di cura, nonché nella conciliazione dei tempi di vita e di lavoro;
  • favorire l’emergere di una nuova governance in cui tutti i soggetti di un territorio siano resi protagonisti attivi di un Welfare in cui il Comune, a cui è attribuita la capacità di promuovere relazioni sociali e, quindi, il benessere collettivo, coordini il coinvolgimento delle famiglie (e, quindi, delle associazioni familiari) nella co-progettazione di percorsi di risposta ai bisogni rilevati sul territorio;
  • adottare la metodologia di rete, volta al consolidamento di relazioni già in corso e allo sviluppo di nuove relazioni tra persone, gruppi, famiglie; si promuovono quindi tanto reti solidali primarie (tra famiglie e vicinato) quanto secondarie (tra organizzazioni ed istituzioni), per passare dalla dominante tendenza all’isolamento alla condivisione di risorse ed obiettivi, in una logica innovativa in cui l’Ente Pubblico implementi e tuteli la qualità e la quantità di relazioni.

Ad oggi, sono attivi nella città di Parma tre Laboratori Famiglia, dislocati in tre diverse realtà territoriali:

il Laboratorio Famiglia “Al Portico”

il Laboratorio Famiglia “In Oltretorrente”

il Laboratorio Famiglia “San Martino San Leonardo”

Il progetto Laboratori Famiglia è coordinato dall’Associazione LiberaMente in collaborazione con l’Associazione Culturalmente e Compagnia In...stabile e realizzato con il contributo del Centro per le Famiglie del Comune di Parma.