FAMIGLIA E PERSONA / 29.04.19

Albo Comunale dei Comitati Anziani

Dal 29 aprile 2019 sono aperti i termini per la presentazione delle domande di ammissione all’Albo Comunale dei Comitati Anziani. 

nonni_anziani w

Il Settore Sociale del Comune di Parma, in conformità a quanto previsto dalla normativa vigente, comunica che dal 29 aprile 2019 sono aperti i termini per la presentazione delle domande di ammissione all’Albo Comunale dei Comitati Anziani, riconosciuti come tali dal Comune di Parma, costituiti ai sensi del Codice del Terzo Settore (D.lgs.117/2017 e s.m.i.) come libere forme associative, democratiche ed autonome, che si fondano sul volontariato, che svolgono attività senza scopo di lucro e che operano in piena autonomia dentro un quadro di contesto e di coordinamento comunale.

Il Bando e l’apposito modulo di domanda sono pubblicati su sito istituzionale del Comune di Parma all’indirizzo:http://www.comune.parma.it/comune/avvisi-pubblici/comitati-anziani-2019.aspx 

Le domande di iscrizione, in formato cartaceo, devono essere indirizzata al Settore Sociale – largo Torello de Strada n.11/A e spedite, secondo le modalità contenute nel bando, entro le ore 12.00 del 30.05.2019. Saranno, poi, valutate da apposita Commissione e l’Albo con relativo elenco dei Comitati Anziani ammessi verrà approvato con Provvedimento Dirigenziale. 

I requisiti di ammissione all’Albo Comunale per i comitati Anziani sono disciplinati nelle apposite Linee Guida e prevedono: l’iscrizione all’Albo delle libere forme associative del Comune di Parma e/o agli Albi previsti dalla normativa vigente; richiedono un numero di tesserati non inferiore a 50: non sono considerati ai fini del raggiungimento del numero minimo di tesserati coloro che sono iscritti anche ad altri comitati.

Tra i requisiti anche quello di avere organizzato attività rivolte a tutti i cittadini anche in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, in almeno tre dei seguenti ambiti:socializzazione, con un’apertura minima della sede di tre giorni a settimana e per almeno 15 ore settimanal; sociale/culturale (incontri di informazione medico-sanitaria e culturali di conoscenza della nostra storia, anche con visite guidate sul territorio, partecipazione a rappresentazioni teatrali, ecc.); momenti dedicati a bricolage, cucito, arte varia, corsi di lingua straniera, corsi musicali; eventi aggregativi (pranzi/cene, feste, gite); attivazione e realizzazione di progetti e di iniziative di comunità e/o di solidarietà sociale (ad esempio: trasporti solidali) e gestione di aree ortive associate al Comitato Anziani.