NOTIZIE / 18.07.13 / CULTURA

Parma ospita la Pastasciutta antifascista per celebrare i 70 anni della fine del regime.

“Ho sentito tanti discorsi sulla fine del fascismo ma la più bella parlata è stata quella della pastasciutta in bollore” Alcide Cervi "I miei sette figli".
Ferraris int

Giovedì 25 luglio nel cortile della Biblioteca Civica l’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma, in collaborazione con l’Istituzione Biblioteche, l’Istituto Alcide Cervi di Gattatico e il Circolo Aquila Longhi, promuove la storica Pastasciutta antifascista.

Casa Cervi, da una ventina di anni circa, ospita questa iniziativa portando avanti una tradizione che vuole ricreare un momento di gioia e di festa in ricordo della storica pastasciutta di Campegine all'indomani della caduta del regime fascista  fissando nella memoria collettiva una data simbolica della nostra Storia. L’iniziativa è frutto dell’adesione del Comune di Parma alla proposta dell’Istituto Alcide Cervi di estendere, nel 70° anniversario della ricorrenza, la manifestazione a livello nazionale in quanti più comuni  possibili.

“Aderire all’iniziativa della Pastasciutta antifascista – ha sottolineato l’assessore alla Cultura Laura Maria Ferraris – è un modo per la nostra città di creare un legame tra le importanti realtà storiche del nostro territorio, soprattutto in occasione del 70° anniversario, e di far sentire la nostra vicinanza all’attività tutta del Museo Cervi, augurandoci che questo possa essere un inizio di collaborazioni sempre più strette”.

“Poter esportare la nostra “Pastasciutta” a Parma – ha continuato Paola Varesi, responsabile del Museo Cervi, Coordinamento Attività Museali e Patrimonio – ci rende molto orgogliosi.

L’aspetto fondamentale di questo momento simbolico è attualizzare i valori della Resistenza, quest’anno, in più, si è creata una “rete della Pastasciutta Antifascista”, che mette in evidenza la necessità delle nostre comunità di ritrovarsi in queste occasioni”. 

La serata sarà un’occasione conviviale di condivisione collettiva volta a celebrare attraverso musica, proiezioni, letture e cibo quella prima grande festa che vide, il 25 luglio del 1943, la famiglia Cervi riunirsi per preparare una semplice pastasciutta in bianco, frutto del duro lavoro dei campi e delle braccia di tante persone, da condividere insieme alla comunità per festeggiare la caduta del fascismo.

Il programma della serata è stato presentato questa mattina in una conferenza stampa nella quale erano inoltre presenti Paola Donati, direttore di Fondazione Teatro Due, che collabora al “Festival Teatrale - Premio Museo Cervi - Teatro per la Memoria”, e Gabriella Manelli, presidente provinciale ANPI Parma.

Programma:

 ore 20: ingresso pubblico accompagnato dalle musiche del Maestro Corrado Medioli.

Seguiranno i  saluti istituzionali e l’intervento dello storico Marco Adorni;

ore 20.30: inizio servizio ai tavoli (pasta offerta dal Circolo Aquila Longhi, extra e bevande a pagamento);

 dalle 22: letture AL DI LA’ DEL CONFINE a cura di Mariangela Dosi, con Michela Levi, Debora Pastori e Nicola Ferri, accompagnate dalla fisarmonica di Corrado Medioli.

 

 Mariangela Dosi è fin dalla sua prima edizione direttrice artistica, in collaborazione con l’Istituto Alcide Cervi, del Festival di Resistenza che si svolge, appunto, al Museo Cervi ogni anno da dodici anni.

Insegna regia teatrale all’Istituto d’arte Paolo Toschi di Parma. Da anni collabora con le scuole tenendo laboratori teatrali per alunni e per insegnanti, con centri culturali dirigendo corsi di teatro per bambini, per ragazzi e per adulti, e con le biblioteche facendo letture per l’infanzia.

 Corrado Medioli, fisarmonicista da 65 anni, ha cominciato a suonare lo strumento all'età di sei anni. Conosciutissimo in città ha suonato in tutto il mondo: Italia, Inghilterra, Francia, Germania, Danimarca, Svizzera, Pakistan, Yemen. Ha inciso cinque raccolte musicali e un’antologia, e partecipato come solista a concerti tenuti dall’Orchestra Arturo Toscanini di Parma e dall’orchestra sinfonica della Bbc, a Wembley, Londra.

Informazioni e Prenotazioni:

La pastasciutta è offerta dal Circolo Aquila Longhi, le bevande e gli extra sono a pagamento.

L’iniziativa è ad ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Per prenotazioni:

Tel. 0521/218.352

E-mail: progettieiniziative@comune.parma.it

 

 

Partecipano | Ferraris Laura Maria

Per poter commentare devi essere residente nel Comune di Parma e registrato sul portale!
Effettua il Login oppure Registrati
Numero Unico 0521 40521
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014