NOTIZIE / 06.09.18 / SCUOLA

Micca di Parma

Nei servizi per l’infanzia del Comune di Parma un pane a km 0 di grani antichi.

Micca di Parma 1

Micca di Parma, in conformità con la normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare ed in linea con quella nazionale in materia di qualità dell’offerta dei prodotti proposti all’interno della ristorazione collettiva scolastica, propone un prodotto a filiera corta ed a Km 0 (locale). Il progetto è stato presentato oggi sotto i Portici del Grano da Ines Seletti assessora all’Educazione ed Inclusione, daAnnalisa Fortini tecnico alimentare del Comune di Parma, da Gianfranco Soncini del Molino Soncini Cesare, da Roberto Reggiani tecnico dell’Azienda Sperimentale Stuard, dal Roberto Barani dirigente dei Servizi Educativi, da Lisa Bertolini responsabile del Servizio Nidi, da Rossana Allegri responsabile del Servizio Scuole d’infanzia e da Fiorenza Sarzi Braga direttore di Servizio Serenissima.

Varietà antiche di frumento con proprietà nutritive importanti per il benessere dei nostri bambini che vede il coinvolgimento delle filiere locali; un prodotto tracciabile ed eco-sostenibile, un prodotto caratteristico della nostra città, ecco cosa ci offre il progetto Micca di Parma. Da settembre in tutte le mense scolastiche delle scuole dell’infanzia ci sarà questo pane grazie al Molino Soncini Cesare, al supporto dell’Azienda Sperimentale Stuard e alla disponibilità della ditta Serenissima Ristorazione” ha introdotto l’assessora ad Educazione ed Inclusione Ines Seletti

Il progetto propone, in conformità con la normativa comunitaria in materia di sicurezza alimentare ed in linea con quella nazionale in materia di qualità dell’offerta dei prodotti proposti all’interno della ristorazione collettiva scolastica, un prodotto a filiera corta ed a Km 0 (locale) che da settembre verrà erogato nei servizi per l’infanzia del Comune di Parma in gestione alla ditta Serenissima Ristorazione.

Il Micca di Parma nasce nella nostra provincia da realtà molitorie e panificatrici locali con il coinvolgimento dell’azienda Sperimentale Stuard, che fornirà un supporto di consulenza per lo sviluppo e la sperimentazione in campo di varietà di frumenti antichi adatti al progetto, con obiettivi precisi di ridare nobiltà ad un prodotto locale, valorizzare la filiera e coinvolgere le realtà montuose e collinari della provincia.

Si tratta di un progetto di ricerca per l’impiego di antiche varietà di frumento nella panificazione con l’obiettivo di definire un percorso agronomico e tecnologico idoneo alla produzione della «Micca di Parma» ottenuto principalmente da farine di grani antichi con metodologie di panificazione di inizio secolo che prevedeva l’utilizzo di farina, acqua , sale e lievito madre.

L’integrazione verticale della fase agricola con quelle successive della produzione della farina e quindi del pane finito ha lo scopo di promuovere  la realizzazione di una filiera corta di un prodotto caratteristico della nostra città, così da poter rispondere alle nuove esigenze dei consumatori mediante l’offerta di un pane di alta qualità, “tracciato” ed eco-sostenibile.

Il prodotto, oltre ai valori “tecnici” quali la certezza dell’origine, la qualità organolettica, la sicurezza, risponde anche ai valori “etico-emotivi” quali il rapporto con il territorio, la produzione a km zero, la corretta remunerazione dei produttori agricoli, il rispetto dell’ambiente, il recupero di varietà di grano storiche e di metodi di panificazione tradizionali, una serie di scelte che comportano importanti benefici per la collettività.

Partecipano | Seletti Ines

Per poter commentare devi essere residente nel Comune di Parma e registrato sul portale!
Effettua il Login oppure Registrati
Numero Unico 0521 40521
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014