Al via il progetto Orientamente - conoscere e conoscersi per orientararsi al futuro

Un progetto per orientare ragazzi e ragazze nelle scelte della scuola, dell'università e del lavoro

Il progetto si articola in tre azioni: “Orientamento e promozione del successo formativo”, “Conoscere e conoscersi per orientarsi al futuro” e “Azioni di promozione per la parità di genere”. L'obiettivo è quello di coinvolgere circa 3.500 ragazzi delle scuole secondarie di primo e secondo grado di Parma e provincia per favorire un approccio consapevole alla scelta scolastica, universitaria e professionale, prevedendo azioni di contrasto alla dispersione scolastica e per incrementare il successo formativo.

Il Comune di Parma, capofila del progetto di ambito provinciale che ha coinvolto un’ampia rete di partner, si è aggiudicato un importante finanziamento su un bando della Regione Emilia-Romagna per la diffusione di una cultura dell’orientamento capace di favorire la costruzione di un progetto di vita degli studenti tra i 12 e i 19 anni.

 Come orientarsi nella moltitudine d'informazioni che i ragazzi e le ragazze hanno a disposizione? Come rispondere alle domande: “Quale scuola sceglierò? Cosa voglio fare da grande? Quale corso di laurea è Più adatto a me? Se sono una ragazza e voglio scegliere un percorso tecnico - scientifico avrò le stesse opportunità dei miei compagni?”. Per tentare di rispondere a queste domande, e a molte altre, il Comune di Parma ha presentato un progetto triennale sul bando regionale  “Invito a presentare operazioni orientative per il successo formativo po fse 2014/2020”.

 La progettazione, coordinata dal Settore Servizi Educativi del Comune di Parma, in collaborazione con i Settori Pari Opportunità, Welfare e Politiche Giovanili ha coinvolto un’ampia rete di partner  che da tempo lavorano sui temi dell’orientamento, dell’antidispersione e della promozione del benessere scolastico, tra cui l’Università di Parma, le Scuole secondarie di primo e secondo grado del Comune e della Provincia, gli Enti di formazione professionale, la Provincia di Parma, l’Ufficio Scolastico Provinciale, i Distretti di Parma, la Camera di Commercio, le Realtà del Terzo Settore e le Associazioni d’Impresa.

 

Le progettualità proposte, che si sono aggiudicate un finanziamento di 406.156,00 Euro per la prima annualità, prevedono 3 azioni: 

1)         ORIENTAMENTO E PROMOZIONE DEL SUCCESSO FORMATIVO gestita da enti di formazione accreditati per l’Istruzione e Formazione Professionale coordinati da En.A.I.P. Parma

2)         CONOSCERE E CONOSCERSI PER ORIENTARSI AL FUTURO gestita da Comune di Parma

3)         AZIONI DI PROMOZIONE PER LA PARITÀ DI GENERE gestita da Comune di Parma

 

Sono previsti interventi ed iniziative che raggiungeranno una platea potenziale di 3500 giovani: laboratori esperienziali, percorsi di orientamento individuali ed in piccolo gruppo, per un approccio consapevole alla scelta scolastica, universitaria e professionale, azioni di accompagnamento per il contrasto all’insuccesso e alla dispersione scolastica che si svilupperanno anche durante il periodo estivo, iniziative di marketing culturale, convegni ed eventi nell’ambito dell’orientamento, per  una diffusione della cultura tecnica e di una conoscenza del mercato del  lavoro locale, anche attraverso il coinvolgimento del tessuto imprenditoriale.

Sarà, inoltre, realizzato un Presidio di orientamento territoriale, un centro con funzione di coordinamento delle azioni che avrà sportelli aperti su tutto il territorio provinciale e che diventerà collettore delle istanze di orientamento in risposta alle chiamate e ai bisogni che emergono da parte dei ragazzi, delle famiglie e dei docenti. A servizio del presidio territoriale ci sarà un presidio virtuale, la piattaforma “Orientamente” del Comune di Parma (http://www.comune.parma.it/orientamente/it-), uno strumento che già ha integrato tutte le informazioni legate al sistema d’istruzione e formazione, alle notizie e agli eventi collegati. Il Presidio unico territoriale avrà anche funzione di monitoraggio per valutare l’abbandono scolastico e verificare gli impatti che le iniziative di orientamento avranno sulla tenuta delle scelte scolastiche e formative.

 

 Infine, un’azione del bando prevede iniziative finalizzate a contrastare gli stereotipi che vedono le ragazze scarsamente predisposte verso lo studio delle materie STEAM, al fine di avvicinarle alla tecnologia e al digitale e rinforzandone l’autostima e la fiducia nelle proprie scelte. Saranno quindi attivati laboratori esperienziali a tema sulle materie STEAM, svolti sia a scuola che presso l’Università di Parma, workshop dedicati alla parità di genere, alla didattica innovativa, alle tecnologie digitali (rivolti sia alle ragazze, sia agli insegnanti),  Hackathon scolastici  tra team di studentesse per individuare soluzioni a problemi sociali, visite guidate nei laboratori di ricerca industriale e nei Centri per l’Innovazione e laboratori formativi in ambito scientifico.