Dal primo dicembre 2013 è attivo il Registro dei Testamenti Biologici per i cittadini di Parma. L’istituzione del registro, dove comunicare le proprie volontà per gli ultimi giorni di vita, era stato approvato dal Consiglio comunale nel settembre del 2013.

Un “testamento biologico” è una dichiarazione in cui si chiede cosa fare e non fare in caso di grave malattia o infortunio, cioè quali terapie sono gradite e quali si vuole non siano messe in pratica, ad esempio se si desidera essere mantenuti in vita da macchine o sistemi artificiali quando colpiti da mali invalidanti o se si finisce in coma.

Lo si scrive in anticipo, per quando ci si trovasse incapaci di esprimere il proprio diritto di acconsentire o non acconsentire alle cure.

Il Registro serve a “garantire la certezza della data di presentazione e la fonte della provenienza”.