Interventi di assistenza economica a favore delle persone e famiglie

Sconti sui consumi

Di cosa si tratta?

Nell'anno 2019  per poter accedere al Contributo per lo sconto sui consumi  ed al reddito di solidarietà Comunale indirizzato alle persone anziane, sarà necessario rivolgersi all’assistente sociale che, se aventi diritto, formulerà un progetto personalizzato al fine di erogare quanto dovuto, utilizzando per gli importi i riferimenti espressi nella tabella  dell’art. 10 del regolamento.

Il Contributo per sconto sui consumi disciplina l’erogazione di risorse destinate a un sostanziale “sconto” sull’ammontare delle bollette di utenze conseguenti ai consumi per luce e gas per i normali usi abitativi.
Gli sconti sui consumi possono essere concessi alle persone residenti nel Comune di Parma in possesso dei requisiti di cui all’articolo 4 del Regolamento degli interventi di assistenza economica delle persone e famiglie che hanno un contratto di fornitura diretto o condominiale intestato al richiedente o persona appartenente al nucleo familiare del richiedente e residente nell’abitazione per cui è richiesto il contributo.
Il contributo per sconto sui consumi è previsto da un minimo annuo di € 500,00, per nuclei familiari composti da un solo componente, a un massimo annuo di € 1.150,00 per i nuclei familiari composti da 6 o più componenti, secondo gli importi indicati in Tabella A:
Il Contributo di norma è erogato sotto forma di sconto merceologico sulle bollette del Gestore per la fornitura di luce acqua e gas.
Qualora operino sul territorio comunale enti erogatori di luce, acqua e gas che non adottino lo sconto sui consumi quale forma di sostegno al reddito delle persone, è erogato al nucleo un contributo straordinario in sostituzione dello sconto merceologico concedibile.

Le quote di sconto vengono ridotte
del 20%:
a) agli inquilini di alloggi di edilizia residenziale pubblica;
b) a coloro che, per qualsiasi titolo o motivo, non sono tenuti al pagamento di alcun canone di affitto;
c) a chi, nell’anno precedente, ha beneficiato di agevolazione sul servizio idrico e/o del Bonus gas ed energia.
del 40%:
a) a nuclei potenziali beneficiari di RES, REI o Reddito Garantito Comunale. In caso il contributo in essere sia respinto o non concesso per l’anno in corso, l’importo sarà reintegrato.
La domanda va presentata agli sportelli polifunzionali del DUC (Centro Servizi al Cittadino) o/e nei 4 Poli Sociali Territoriali .Il cittadino richiedente deve compilare in ogni sua parte  la domanda contenente gli elementi necessari alla verifica dei requisiti per l’attestazione degli stessi..
L’operatore di sportello, se la pratica è completa, attesta che il cittadino ha dichiarato il possesso dei requisiti per la concessione, con il calcolo del beneficio. Successivamente all’attestazione verranno effettuati controlli  in maniera esaustiva sui requisiti fondamentali autodichiaratii ed a campione in misura non inferiore al 20% sui dati economico- patrimoniali dichiarati nella DSU.
Qualora da tali controlli emerga la non veridicità del contenuto delle autocertificazioni, si procederà all’annullamento del beneficio.

Quali sono i vincoli per l’accesso al servizio?

Il contributo è rivolto  ai cittadini del Comune di Parma in possesso dei requisiti previsti dal Regolamento degli interventi di assistenza economica a favore delle persone e famiglie che abbiano Contratto di fornitura diretto o condominiale intestato al richiedente o persona appartenente al nucleo familiare del richiedente e residente
I cittadini richiedenti devono avere i seguenti requisiti:
a)       Residenza nel Comune di Parma;
b)       Per i cittadini stranieri non appartenenti all’Unione Europea, il possesso di un titolo di soggiorno in corso di validità;
c)       ISEE del nucleo familiare uguale o inferiore a € 7.500,00;
d)       Patrimonio mobiliare del nucleo familiare, calcolato ai sensi del DPCM 159/2013 e successive modifiche ed integrazioni, al lordo della franchigia prevista, non superiore a 10 mila euro, ridotto a 8 mila euro per due persone e a 6 mila euro per persona sola;
e)       Patrimonio immobiliare, calcolato ai sensi del DPCM n.159/13, di valore inferiore o uguale a € 20.000,00, con esclusione dell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale, (compresa di una sola pertinenza) in cui risiede il nucleo familiare richiedente e ricompresa in una delle seguenti categorie catastali: A/2, A/3, A/4, A/5, A/6.
f)        Non possedere autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (con esclusione degli autoveicoli e motoveicoli per cui è prevista una agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità).
Motivi di esclusione
costituiscono motivi di esclusione e riguardano tutti i componenti il nucleo familiare, soggetti componenti la famiglia anagrafica (art. 3 DPCM 159/2013) e soggetti tenuti agli alimenti (art 433 del C.C.):
A.      ISEE superiore a  € 7.500,00;
B.       patrimonio mobiliare calcolato ai sensi del DPCM 159/2013 di valore superiore ad € 6.000,00 per persona sola, a € 8.000,00 per due persone e a € 10.000,00 per oltre due persone;
C.      patrimonio immobiliare calcolato ai sensi del DPCM 159/2013 di valore superiore a € 20.000,00, con esclusione dell’unità immobiliare adibita ad abitazione principale, (compresa una sola pertinenza) in cui risiede il nucleo familiare richiedente e ricompresa in una delle seguenti categorie catastali: A/2, A/3, A/4, A/5, A/6;
D.      possesso di uno dei seguenti beni mobili registrati:
1.       autoveicoli e/o motoveicoli immatricolati la prima volta nei 24 mesi antecedenti la richiesta (con esclusione degli autoveicoli e motoveicoli per cui è prevista un’agevolazione fiscale in favore delle persone con disabilità);
2.       camper e unità mobili, ad eccezione di quelli adibiti a uso abitativo;
3.       uno o più natanti o barche da diporto;
E.       manifesta incongruenza fra quanto dichiarato e il tenore di vita mantenuto dal richiedente;
F.       ogni caso di palese inattendibilità della situazione ISEE presentata, verificata da parte del Servizio competente.

Modulistica

Qual è la documentazione necessaria?

non obbligatorio Non obbligatori obbligatorio Obbligatori condizionale Obbligatori sotto condizione

  • 01 ) Copia fotostatica di bolletta/fattura dei consumi relativa all'anno in corso
  • 02 ) Copia fotostatica del documento di identità
    del firmatario - da presentare qualora la firma dell'intestatario non venga apposta alla presenza dell'addetto incaricato a ricevere la pratica

  • 03 ) Copia fotostatica del documento d’identità della persona che consegna la pratica
    da presentare qualora la domanda non venga consegnata dal firmatario

  • 04 ) Copia del Codice IBAN su cui effettuare i versamenti a mezzo bonifico bancario
    da presentare qualora si sia optato per il versamento a mezzo bonifico bancario

Modalità di presentazione

La domanda deve essere presentata entro il 30/11/2018, interamente compilata utilizzando l’apposito modulo:
- presso gli Sportelli Polifunzionali del Duc, Largo Torello De Strada, 11/A, Parma, 
- presso le sedi dei Poli Sociali Territoriali;

Qual è la tempistica del procedimento?


La domanda può essere presentata fino 30/11/2018 ed ha validità solo per l’anno solare.

Attestazione immediata se la pratica è completa della dichiarazione del possesso dei requisiti per la concessione da parte del cittadino, con il calcolo dello Sconto.
Il contributo viene liquidato in unica soluzione  se l’Ente erogatore del Servizio non è Iren spa così come se il pagamento dei consumi è domiciliato su conto corrente bancario. Negli altri casi è previsto il pagamento delle singole bollette secondo le modalità descritte nella Tipologia “Rimborso bollette”.

Data inizio validità : 22/03/2019
Ultimo aggiornamento : 22/03/2019
Numero Unico 0521 40521
BANNER_PORTALE WEBCAM 20140714
Logoonline
BOX Banner Campagna ER zanzara 4
box-ecoconsigli
banner300x250-1
se studi viaggi-banner
PARMA-FUTURO-SMART-BANNER-WEB-HOME-COMUNE
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014