Opere in cemento armato e acciaio

Di cosa si tratta?

Tutte le opere di ingegneria civile che hanno elementi strutturali di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso, e a struttura metallica devono essere realizzate in modo da assicurare la stabilità e la sicurezza delle strutture e sulla base di un progetto esecutivo redatto da un professionista abilitato e regolarmente iscritto al proprio albo nei limiti delle proprie competenze.

Ai sensi dell'art. 65 del D.P.R. n. 380/2001, il costruttore, prima dell'inizio dei lavori, deve presentare, allo Sportello Unico del Comune nel cui territorio viene realizzata l'opera, la denuncia delle opere di conglomerato cementizio armato o a struttura metallica che intende realizzare in duplice copia, una delle quali verrà restituita con apposto il timbro attestante l'avvenuto deposito.

Nella denuncia devono essere indicati i nomi e i recapiti del committente, del progettista delle strutture, del direttore dei lavori e del costruttore.

Contestualmente alla denuncia prevista dall'articolo 65, il direttore dei lavori è tenuto a presentare presso lo Sportello Unico l'atto di nomina del collaudatore scelto dal committente e la contestuale dichiarazione di accettazione dell'incarico. Il collaudo deve essere eseguito da un ingegnere o da un architetto iscritto all'albo da almeno dieci anni che non sia intervenuto in alcun modo nella progettazione, direzione ed esecuzione dell'opera.

Anche le varianti che nel corso dei lavori si intendano introdurre rispetto al progetto originario devono essere denunciate, prima della loro materiale esecuzione, allo Sportello Unico nella forma e con gli allegati previsti per le nuove costruzioni.

Al momento del ricevimento della denuncia, lo Sportello Unico provvede alla registrazione dei dati presentati nella denuncia attribuendo un numero progressivo alla pratica; tale numerazione dovrà essere richiamata in tutti i successivi atti presentati.

Quando non esiste il committente ed il costruttore esegue in proprio, è fatto obbligo al costruttore di chiedere, anteriormente alla presentazione della denuncia delle opere di conglomerato cementizio armato o a struttura metallica, all'ordine provinciale degli ingegneri o a quello degli architetti la designazione di una terna di nominativi fra i quali sceglie il collaudatore.

Nei cantieri, dal giorno di inizio delle opere a quello di ultimazione dei lavori devono essere conservati gli atti relativi al progetto dell'opera e alla relazione illustrativa dalla quale risultino le caratteristiche e le qualità dei materiali utilizzati, entrambi firmati dal progettista.

A struttura ultimata, il direttore dei lavori deve redigere e consegnare una relazione in duplice copia esponendo:
- i certificati delle prove sui materiali impiegati;
- l'esito delle eventuali prove di carico, allegando le copie dei relativi verbali firmate per copia conforme;
- per le opere di conglomerato cemento armato precompresso, ogni indicazione inerente alla tesatura dei cavi e ai sistemi di messa in coazione.
Al momento del deposito della relazione a struttura ultimata è necessario fornire gli estremi della pratica relativa alla denuncia delle opere di conglomerato cementizio armato e a struttura metallica.

Tutte le costruzioni di conglomerato cementizio armato, normale o precompresso, e a struttura metallica la cui sicurezza possa interessare la pubblica incolumità devono essere sottoposte a collaudo statico. Al momento del deposito del certificato di collaudo è necessario fornire gli estremi della pratica relativa alla denuncia delle opere di conglomerato cementizio armato e a struttura metallica. Il collaudatore è tenuto a consegnare il certificato di collaudo in duplice copia.

In corso d'opera possono essere eseguiti collaudi parziali motivati da difficoltà tecniche e da complessità esecutive dell'opera, fatto salvo quanto previsto da specifiche disposizioni.

Struttura responsabile

Struttura: S.O. SISMICA-ENERGETICA
Referente: CARCELLI SILVANO

Responsabile del procedimento

Referente: BERTOLOTTI ENZO

Data inizio validità : 29/12/2017
Ultimo aggiornamento : 25/04/2018
Riferimenti normativi
  1. Legge 5 novembre 1971, n. 1086 Norme per la disciplina delle opere in conglomerato cementizio, normale e precompresso ed a struttura metallica.
  2. Decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno 2001n. 380 Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia.
  3. Circolare Cons. Sup. LL.PP. 14 febbario 1974, n. 11951, Istruzione per l'applicazione delle Norme per la disciplina delle opere di conglomerato cementizio armato, normale o precompressom e a struttura metallica.
Numero Unico 0521 40521
BANENR PUMS_2017
Logoonline
PARMA-FUTURO-SMART-BANNER-WEB-HOME-COMUNE
BANNER PORTALE TUTTE LE APP
BANNER_NIDI SCUOLEb
BANNER_VOTAZIONI-RSU-2018 (1)
BANNER_PORTALE WEBCAM 20140714
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014