L’Associazione culturale Parma Color Viola, impegnata nel promuovere la tradizione della Violetta di Parma in tutte le sue espressioni botaniche, olfattive, culturali e di costume, presenta alla Serra storica del Giardino Ducale la mostra Tina Gozzi “Viole d’artista”: una ventina di acquerelli che raffigurano soggetti floreali disegnati e colorati con straordinaria abilità.

All'inaugurazione, in programma venerdì 11 settembre alle ore 11.30, erano presenti l'artista Tina Gozzi, Carlo Pioli, Presidente dell'Associazione Parma Color Viola e Michele Guerra, Assessore alla Cultura del Comune di Parma.

Altre opere dell’artista saranno esposte alla Guardiola del Giardino Ducale e presso il negozio storico Parma Color Viola di Strada Repubblica.

L'esposizione, organizzata con il patrocinio e la collaborazione dell'Assessorato alla Cultura del Comune di Parma, rientra tra i progetti idonei di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020 + 21.

 

I bouquet di Tina, sono degli “umili” naturalia, raffinate curiosità naturali, disegnati e colorati constraordinaria abilità. Dispone i fiori nella parte del foglio in cui l’indirizza la sensibilità del momento, conumiltà. Poi il tempo si ferma, in un estenuante lavorio di mescolanza di toni, di liquide macchie di coloreposte con sicuri colpi di pennello. Tina restituisce la vita ai fiori rendendoli immortali sul foglio. Pertradizione il fiore reciso è simbolo della fugacità della bellezza e della vanità delle cose. Le viole sono coltequando le loro umili corolle, ingioiellate da gocce di rugiada, si stendono ai raggi del sole e così restano nelvaso per alcuni giorni per poi sfiorire. Tina comunica la bellezza della diversità, sfugge dalla monotoniadell’ordine, grida con entusiasmo alla vita. Se osservati attentamente i mazzi sono “disordinati”; a volte unaturgida foglia verde sconfina dagli steli e si pone a contrasto con la massa delle corolle indaco”.

Testo tratto da Le viole di Tina Gozzi di Giovanni Sartori (1 Marzo 2006).

 

Clementa Gozzi (Tina)

Nata a Viadana ha frequentato l’Istituto d’arte Paolo Toschi di Parma sotto la guida del Maestro Nando Negri. Ha poi conseguito le abilitazioni per l’insegnamento nelle scuole medie inferiori esuperiori. Ha seguito corsi di calligrafia e i corsi internazionali di incisione e litografia di Urbino. Da sempre si è dedicata alla pittura, attratta e incantata da tutto ciò che la natura offreall’affascinante sfera delle forme e dell’infinita varietà dei colori. Ancora giovanissima ha praticatol’apprendistato presso l’editore Franco Maria Ricci. Ha partecipato a numerosi concorsi e a mostre ottenendo svariati e lusinghieri riconoscimenti.