Riconoscimenti alle donne della Sanità

L’Assessora Paci ed il Sindaco Pizzarotti li hanno consegnati alle donne delle Aziende Sanitarie, dell’Ordine degli infermieri, dei Medici e dell’Università che hanno operato durante l'emergenza coronavirus.

rsz_2020_07_22_paci_sindaco_riconoscimento_donne_sanita_1.jpg

Un riconoscimento e un ringraziamento per le donne che operano nella Sanità. Non ci sono stati molti dubbi: un Premio per le donne della Sanità che hanno lavorato, curato, accudito, consolato nel periodo di emergenza appena trascorso era necessario. E poiché l’emergenza Covid ci ha privato delle consuete manifestazioni di Marzo, mese generalmente dedicato alle donne, il Comune di Parma ha pensato di conferire un riconoscimento alle donne dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria, dell’Azienda USL, dell’Ordine degli infermieri, dell’Ordine dei Medici, alle donne medico dell’Università di Parma che, nel periodo di emergenza sanitaria Covid-19, con competenza, professionalità e passione, hanno curato, consolato, sorretto, sorriso con gli occhi. A tutte loro il riconoscimento della città di Parma. Una motivazione che racconta di un lavoro prezioso di cui bisogna continuare a parlare perché se il desiderio è quello di guardare avanti, lasciare alle spalle dolore, fatica, stanchezza è, anche, importante fermarsi e valorizzare quanto è stato fatto e quanto è accaduto.

“Nessuna discriminazione al contrario. La volontà, però, è quella di sottolineare che c’è stato un grandissimo sforzo e che le donne ne sono state parte fondamentale e decisiva - ha commentato l’Assessora alle Pari opportunità Nicoletta Paci. Certo che donne e uomini hanno contribuito nella stessa maniera: ma come Assessorato alle Pari opportunità abbiamo il dovere di mettere in risalto le imprese femminili e il ruolo fondamentale che le donne esercitano nella società contemporanea. Mettere in risalto il loro apporto cerca di contravvenire all’idea che quello che si compie non provenga da donne che hanno opportunità di partenza e carichi di cura molto impegnativi (e, spesso, differenti) da quelli degli uomini”.

A ricevere la pergamena, nel corso di una cerimonia pubblica, che si è tenuta mercoledì 22 luglio 2020, alle 18, sotto i Portici del Grano, dalle mani del Sindaco Federico Pizzarotti e dall’Assessora alle Pari opportunità Nicoletta Paci, a nome di tutte le donne dell’ente rappresentato sono state.

Per l’Azienda Ospedaliero-Universitaria: Isabella Raboini, Dirigente delle Professioni Sanitarie - Area Infermieristica.

Per l’Azienda USL: Silvia Paglioli, Dirigente del Dipartimento Sanità Pubblica.

Per le donne medico dell’Università di Parma: Tiziana Meschi, Professoressa del Dipartimento di Medicina e Chirurgia.

Per l’Ordine degli infermieri: Marina Iemmi, Presidente dell’Ordine.

Per l’Ordine dei Medici: Mariangela Dardani Consigliera dell’Ordine.

Nel corso della cerimonia è stato letta la testimonianza “Silenzio” di Eleonora Agostinelli: un racconto di quelle giornate di una ragazza figlia di medici. Un’idea, quella del riconoscimento alle donne, che prende forma dal tavolo sulla medicina di genere voluto e costituito dall’Assessorato alle Pari opportunità del Comune di Parma, guidato dall’Assessora Nicoletta Paci: un tavolo composto da dottoresse dell’Azienda Usl, dell’Azienda Ospedaliera, da docenti dell’Università di Parma. Proprio dalle componenti del tavolo è emersa, come urgente, la necessità di riconoscere il lavoro svolto dalle mediche, dalle infermiere, dalle specializzande, dalle caposala, dalle mediche di base: un lavoro di grande importanza, svolto con turni massacranti, con la paura e l’apprensione per sé e i propri cari. Un riconoscimento che è un ringraziamento per tutte.