SCUOLA / 04.09.15

Nidi: Parma la meno cara in Regione

Da una indagine sui nidi di Cittadinanzattiva, seconda solo a Ferrara, e sotto la media nazionale.

Scuola_nido infanzia w - Copia

Ad affermarlo non è il Comune di Parma, ma una fonte assolutamente insospettabile: "Cittadinanzattiva".

Gli asili nido di Parma sono quelli che, in tutta l'Emilia Romagna, hanno la tariffa media più bassa dopo quelli di Ferrara.

Non solo, ma mandare un bambino all'asilo a Parma costa meno  anche rispetto alla media nazionale.

Facciamo parlare le cifre: l'indagine dice che la retta mensile media in Emilia Romagna è pari a 331 euro, contro i 311 euro di quella nazionale. E Parma, con 288 euro di tariffa media si piazza al secondo posto dietro soltanto a Ferrara  (244 euro mensili), mentre a Reggio  la retta mensile è pari a 345, euro, a Bologna 349 e a Forlì addirittura 410.

Quanto al numero dei posti disponibili nei nidi comunali, anche qui Parma, con 1.835 posti, risulta al secondo posto assoluto dietro Bologna (3.263 con un numero di abitanti più che doppio), comunque  più avanti rispetto ad altre città di analoghe dimensioni come Modena e Reggio Emilia.

Non è invece attendibile il dato relativo alle liste d’attesa  ( con una percentuale del 36% per la città di Parma) poiché si riferisce ancora all’anno 2012/ 2013 (come correttamente indicato nella ricerca), mentre la situazione è attualmente cambiata in modo positivo, tanto che nell'anno passato le liste  per i nidi si sono pressochè azzerate e sono rimasti 70 posti inutilizzati.

“Questa è una risposta positiva ai tanti attacchi  che nei mesi scorsi  correlavano il calo delle iscrizioni all’alto costo dei nidi – dichiara la vicesindaco Nicoletta Paci – La realtà è ben diversa, e questi dati confermano che si è voluto preservare il valore sociale del servizio, pur mantenendo gli equilibri economici del Comune con una riorganizzazione che ha cercato di evitare lo spreco di posti vuoti”

Restano confermati l’apprezzamento e la fiducia da parte delle famiglie di un servizio di qualità, come dimostrano le tante domande presentate anche quest’anno".