Banner1 Comune di Parma

Ti trovi in Home page>All’Università dell’osteria äd Medardo

All’Università dell’osteria äd Medardo

Stampa la notiziaCondividi su facebook
Salame 1

L’osteria può essere anche un punto privilegiato di osservazione e di analisi di caratteri e di   personaggi, come dimostra questo testo inedito di Giorgio Capelli che illustra come è possibile ritagliare un vero e proprio identikit psicologico giudicando le persone da … come tagliano il salame !

 

Al giὀron d’incὀ, pa strigӓr tut i problema che gh’ӓmma in tanti in-t-’al sarvél, i dizon che bisògna andӓr da un psicanalista, che d’na vita giusta al te darà al modél. Mi e socuànt amigh j’ém fat un cὀrs ӓd psicanalisi, all’ostaria dal véc’ Medardo, che in fat ӓd saver lézor in ti pensér, curiὀz cmé l’era al ne ghӓva miga dal riguardo. Freud al scjensè, la scritt ‘na mùccia ӓd libor, su ste argomént e pesant cmé dil predi par studjӓr a fὀnd la psiche umana, con anca dentor i so pensèr nascost pu segreti;

Al giorno d’oggi per distrigare e risolvere tutti i problemi che in tanti abbiamo nel cervello, dicono che bisognerebbe andare da uno psicanalista per farti capire il tuo modello di vita migliore Io e alcuni miei amici abbiamo fatto uno speciale corso di psicanalisi all’osteria del vecchio Medardo che in fatto di sapere leggere nei pensieri curioso com’è non aveva certamente nessun riguardo. Freud il padre della psicanalisi ha scritto innumerevoli libri su questo argomento ed anche molto corposi per studiare a fondo la psiche umana e indagare nella stessa i pensieri più segreti


I dizon cl’à studjè ‘na vita intrega, sia su d’j’òmmi che anca dònni un gràn muciὀn par capir mὀlt pu bén, còla che i ciamon “subcosciensa” la so vera e intima ragiὀn Mi che a j’ò fatt ‘na infinitè ӓd ricerchi in-t-l ‘ostaria ӓd Medardo e po anca ӓd Vigiὀn j’ò maturè un’ӓtra divèrsa teoria e pr’ésperiensa diréta a pens d’aver ӓd sicur ragiὀn. Dopa aver stròlghè tant’ani j’ò fat ‘na tesi par tirӓr il sòmmi dal comportament umàn soltant dopa aver guardè par tant témp cmé d’la genta divèrsa la taja al salàm a màn
 

Dicono che ha studiato una vita intera sia su dei pazienti maschili che femminili in grande quantità per capire molto bene quella che chiamano sub coscienza e svelarne i segreti e intima ragione. Io che ho fatto una infinità di ricerche all0osteria di Medardo e poi anche il quella di Vigiòn ho maturato un’altra diversa teoria e per esperienza diretta comprovata penso di avere ragione. Dopo avere analizzato tanti anni ho messo a punto una tesi per tirare le somme del diverso comportamento umano soltanto guardando attentamente e per tanto tempo come la gente taglia il salame a mano.
 

Sérchì ӓd stӓr atenti adésa, parchè sicurament vὀn ӓd sté personag’ al ve somigljӓrà, mi acsì av fagh gratuitament a tutti la vostra béla diagnosi che dopa po a portarì a ca Donca ascoltì : a ghé d’la génta cl’à taja ‘na fètta ӓd salàm cmé sal fus’ un bél fiὀr, cioè con ‘na delicatèssa e anca prudénsa, cmé s’in vrìson miga dӓrogh un dolὀr; Il tajon piàn piànén con ‘na sorta ӓd gràn rispét e con passjὀn , cuӓzi dirè con amὀr acsì la béla fètta cagh sӓlta cuìndi fὀra, la gh ’à cmé as diz al so giusst spesὀr.
 

Cercate adesso di stare attenti perché certamente qualcuno di questi personaggi vi assomiglierà così vi faccio gratuitamente a tutti la vostra analisi personale che potrete portare a casa. Dunque ascoltate : c’è gente che taglia la fetta di salame come se fosse un bel fiore cioè con una delicatezza e anche prudenza come se non volessero dargli nessun dolore.Lo tagliano piano piano con una sorta di gran rispetto con passione , quasi con amore così la bella fetta che ne risulta ha come si dice il suo giusto spessore.

A ghé inveci in gir d’la génta, cl’à taja al salàm cmé se la dròvis’ ‘na gròsa màsa, con ‘na fὀga e ‘na violensa, che molti volti la t’ porta fin a spacӓr anca l’àssa. La fètta la dovrìss esor par antiga nostrana tradisjὀn, soltant apéna un poninén gròsa , in manera che po cuànd at la pὀl bjasӓr, at gabbji l’impressjὀn che cuӓzi la t’ingoza. Po ghé d’la génta che i tajon in préssja sia al salàm, che la vìtta e anca il giornӓdi, jén coj che agh piӓz bombén solament al grass e in gh’àn miga dil bòchi fodrӓdi.

 

Ci sono poi dei personaggi che tagliano il salame come se adoperassero una grossa mazza con una foga e violenza che molte volte li porta a spaccare anche l’assa La fetta dovrebbe essere per antica tradizione soltanto appena un poco grossa in maniera che poi quando la mangi ti riempie tutta la bocca Poi c’è della gente che tagliano frettolosamente sia il salame che la vita e anche le giornate sono quelli un po grossolani che amano il grasso e non hanno dei gusti raffinati.
 

Ghè po chi personagg ch’j’én tirè tirè da mat cmé la pela d’un vèc’ tambor picén che in fnìsson pu ӓd sercӓr ӓd catӓr su tutt drè la pela dal salam ogni restant toclén. A ghé inveci coj che par ésor sarvisjévol i tajon sempor al salàm par tant témp ch’j’ӓtor il ringrasjon e i magnon su tutt e a lu povrètt négh resta Praticamént gnént le po coll ca manda un sac d’acident a ch’j’ӓtor e po trìstement anca a se stèss, parchè par tropa generositè e bél sentiment ӓd sarvissi, tutt ch’jӓtor i l’an fat fèss
 

Ci sono poi personaggi tirchi che sono tesi come la pelle di un vecchio piccolo tamburo e che non finiscono mai di cercare di ripulire ogni pezzo di pelle da ogni possibile residuo. Ci sono poi degli individui servizievoli che tagliono per tutti tante fette di salame per molto tempo gli altri lo ringraziano e mangiano tutto e al generoso individuo non rimane niente . E questi sarebbe poi quello che dopo manda tanti accidenti agli altri e poi in fondo anche a se stesso perché per troppa generosità e bel sentimento altruistica tutti lo hanno fatto fesso.

A ghe po anca dl’a genta cl’à taja in préssja intant che ti e ch’jӓtor j’én drè magnӓr se par cӓz at dè ‘na bela ociӓda in-t’-al so piat, at si par forsa oblighè a notӓr, Che lu al se prìmma ӓd tutt sarvì in abondansa e po al se tgnù tutt par lu la culèta mo con un gràn bèc ӓd férr al se lamenta po se ti tn’in vὀl par cӓz un’ӓtra fètta Scòrdӓmos miga ӓd cl’a genta nevrotica, cl’a taja al salam cmé si fusson di Samurai che agh manca solament che dopo un bel cὀlp sècc e deciz i sbràjon po banzai.
 

C’è poi una tipologia di gente che taglia in fretta intanto che tutti gli altri sono dietro mangiare e se per caso dai una occhiatina, vedrai che nel suo piatti sei costretto a notare che lui si è servito in abbondanza e si è tenuto anche l’ambito culetto; .ma ha l’ardire di lamentarsi se una persona per caso ne vuole un’altra fetta . Non dimentichiamoci della gente ansiosa e nevrotica che tagliano il salame come se avessero una spada da samurai e ci manca che dopo un bel colpo secco si mettano ad urlare il famoso Banzai.

E po a ghe coi indormintè e anca un po indolent che i tajon al salam piàn piàn che j’incomincion magari a tajӓrol incò e po i van avanti infin’ admàn e fi anca a ment anca a coj chil tajon dopa averol bel plè con plè con il so mani j’én chi tipo che i fantasticon sempor e i penson “ mo co agh sarà sotta al sotani ?” jo conossù anca coj che i tajon ‘na fètta drita e po cl’ӓtra tutta inclinӓda second cmé lagh pirla e il sensajὀn ch’j’àn miss su durant la giornӓda
 

Poi ci sono anche degli individui addormentati e anche un po indolenti che tagliano il salame molto piano che magari cominciano a tagliarlo oggi e vanno avanti fino a domani e fate anche attenzione a tutti quelli che lo tagliano dopo averlo ben pelato con le sue mani sono quei tipi fantasiosi che pensano sempre ad ogni momento cosa ci sarà sotto le sottane . Ho conosciuto anche quelli che tagliono alternativamente una fetta diritta e una molto inclinata a secondo di come la pensano e all’umore che hanno durante la giornata .

immaginì po che a ghe ӓd coj che il tajont tutt stort e cmé as diz sensa conisjòn che i venon po etichetè e definì da ch’j’ӓtor coj che i stàn bén in-t-la bӓrca di cojὀn e che in gh’an miga gnàn un brìz ӓd pasensia e po un minim ӓd luciditè parchè j’én ansiὀs sempor in préssja e in confusjὀn e i fan tutti il cosi a mètè Par fӓrla curta, cardìm, j’ò conoù e psìcanalizè pu genta mi da Medardo e da Vigiὀn che tut i psicanalista strolgasarvél ,psìcologh e specialisti e dotὀr dal tramlὀn.
 

Immaginate poi che ci sono anche delle persone che tagliano il salame tutto storto e senza cognizione che vengono poi etichettai e soprannominati quelli che stanno bene nella barca dei coglioni perché non hanno un briciolo di pazienza ed anche un minimo di lucidità ed è tipico degli ansiosi sempre di fretta e in confusione e che anno tutte le cose a metà. Per farla corta credetemi ho conosciuto e psicanalizzato più gente io da Medardo o da Vigiòn che tutti i vari psicanalisti e strizzacervelli specialisti o dottori più o meno bravi.

Insòmma chèra al me freud mi an vrìss miga umiljӓrot ma senta mi e crèdom dabὀn te t’si spréchè cӓra al mé òmm, e a tè pers un sac ӓd temp sὀra a tutt i to librὀn par capir al comportament e i problema ‘d’la maruga dj’òmm e vréria pa anca bén spiegӓr Bastӓva dӓrogh un’assa, un bél salàm,m, ‘na cortlénna e po dirogh “cal comicia a tajӓr “!.
 

Insomma caro il mio Scienziato Freud io non vorrei umiliarti ma ascoltami e credimi davvero hai sprecato un sacco di tempo studiando sopra i tuoi corposi libroni per capire intimamente il comportamento umano e la sua psicologia individuale e volerla spiegare bastava dare ai pazienti un’assa di legno un bel salame e poi dirgli …adesso lo cominci a tagliare

Giorgio Capelli, 2019

info:

Comune di Parma
Serviizo Biblioteche
V.lo S. Maria 5

allegati:

Ricerca:

Dialetto Biblioteche del Comune di Parma - V.lo Santa Maria 5, 43125 Parma (PR)