Salta al contenuto

Individuato il responsabile del danneggiamento del portone del Duomo

Polizia Locale in azione. Grazie ad un'accurata attività di indagine ed all'esame del sistema di videosorveglianza si è risaliti al colpevole.

Data:

08-04-2022

Polizia Locale: individuato il responsabile del danneggiamento dei portali del Duomo e del Battistero. Il corpo di Polizia Locale è intervenuto prontamente per risalire ai fatti che sono avvenuti il 6 aprile verso le 21 circa. I danni sono ingenti e riguardano i cinque portali della Cattedrale, le tre porte del Battistero, le quattro porte dell’Abbazia di San Giovanni, le due porte della Farmacia di San Giovanni e una porta di accesso del Seminario in Via Cardinal Ferrari.

Con l’ausilio delle immagini della videosorveglianza di sicurezza urbana del Comune di Parma, gli esperti della Polizia Locale sono riusciti a ricostruire tutti i passaggi degli imbrattamenti, che hanno riguardato anche altre parti del Centro Storico. Da ieri pomeriggio, il personale del Nucleo Problematiche del Territorio e della Proiezione esterna del Corpo di Polizia Locale è sulle tracce del soggetto responsabile, che è una vecchia conoscenza delle forze di Polizia per fatti di danneggiamento analoghi compiuti nel corso dello scorso anno.

Soddisfazione è stata espressa dall’Assessore alla Sicurezza, Cristiano Casa, che ha dichiarato: “Si tratta di un vero e proprio sfregio alla città che sta facendo soffrire ed al tempo stesso arrabbiare i parmigiani, ma anche i turisti. Infatti mentre stamattina stavo guardando l’intervento di pulizia al portale del Battistero, dolore e rabbia erano i sentimenti che mi accomunavano ai tanti parmigiani e visitatori della nostra città che si fermavano. Il soggetto è stato individuato. Ancora una volta l’opera della Polizia Locale è stata impeccabile. Prima nell’analisi delle immagini del sistema di videosorveglianza presente nella zona e poi nell’individuare il soggetto responsabile che già conoscevano per altri fatti. Ora lo stanno cercando e, ne sono certo, verrà presto trovato e arrestato. Ciò che però dispiace di più è che questo, come altri reati, poteva essere evitato. Sarebbe bastato, come dico da 10 anni, che chi commette reati gravi contro le persone o, come in questo caso, contro il patrimonio, non possa essere messo nelle condizioni di continuare a girare per le strade delle nostre città. Per questo però deve intervenire il governo con leggi adeguate. Prima lo fa e meglio è per tutti”.

Il comandante del Corpo di Polizia Locale di Parma, Michele Cassano, ha spiegato: “Abbiamo iniziato da ieri una caccia all’uomo di colui che le immagini della videosorveglianza urbana ci restituiscono come il possibile responsabile dei gravi danneggiamenti. Naturalmente il soggetto è incappucciato ma avendolo da poco identificato per il reato di invasione di proprietà, siamo quasi certi che sia il medesimo responsabile. Se gli indizi saranno confermati, denunceremo uno straniero del Bangladesh già deferito all’autorità giudiziaria per reati di deturpamento, imbrattamento e danneggiamento di beni di valore storico e artistico, oltre che di ricettazione”.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

08-04-2022 13:04

Questa pagina ti è stata utile?