Salta al contenuto

Patto per la Scuola 2022

Sottoscritto l'Accordo tra Comune di Parma e le Scuole Statali e Paritarie.

Data:

12-04-2022

Sottoscritto il Patto per la Scuola 2022 un Accordo tra il Comune di Parma, le Scuole Statali e Paritarie del primo e secondo ciclo e altri soggetti istituzionali del territorio (Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma, Università  di Parma, Ufficio IX sede di Parma - Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna, Provincia di Parma) finalizzato alla concertazione ed al coordinamento delle azioni e degli interventi di politica scolastica promossi dall’Amministrazione Comunale e a favorire la positiva integrazione con le politiche territoriali, sociali e sanitarie.

Questa mattina all’Auditorium della Casa della Musica il Sindaco Federico Pizzarotti, l’assessore all’Educazione Ines Seletti, l’Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma, l’Università di Parma, l’Ufficio IX sede di Parma - Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna, la Provincia di Parma e tutti i Dirigenti Scolastici hanno sottoscritto il Patto per la Scuola, strumento con funzione programmatoria delle relazioni tra l’Amministrazione Comunale e il sistema scolastico cittadino, in una logica di sviluppo che vada oltre le competenze meramente istituzionali dell’Ente Locale.
Il Sindaco ha sottolineato quanto il Patto sia uno strumento che unifica gli sforzi di tutti i soggetti che collaborano per la costruzione di un benessere dei bambini e delle bambine, dei dei ragazzi e delle ragazze: “Vi ringrazio per lo sforzo fatto nella costruzione di un Patto che ha obiettivi così importanti, unire le nostre forze e le competenze in un unico obiettivo è ciò che può fare la differenza. E’ un percorso di cura, di benessere che si può fare solo insieme”.
“E’ stato un lavoro intenso, un percorso di crescita, ricco di spunti e che ha unito le nostre forze. Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito alla buona riuscita. E’ una responsabilità firmare e esserci ma so che operare in sinergia porterà a ottimi risultati”, ha rimarcato l’assessore Seletti.
Università di Parma, Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma, Ufficio IX Ufficio Scolastico Provinciale e Provincia hanno collaborato nella stesura insieme a tutti i Dirigenti Scolastici: “Il percorso scolastico e di crescita educativa dei nostri ragazzi inizia dalla scuola primaria per poi arrivare all’Università - ha detto, Chiara Vernizzi, Delegata per l’Orientamento di Università di Parma -  e  avere chiari strumenti e risorse da offrire in un’ottica di collaborazione è di grande ricchezza”.

Il benessere educativo e il benessere sanitario vanno di pari passo seppur affrontino diverse sfaccettature della crescita del soggetto - ha detto Antonio Balestrino Direttore del distretto AUSL di Parma -. Con questo patto attuiamo un approccio collaborativo e integrato all’aspetto educativo nelle sue diverse forme. Per noi è importante l’aspetto della prevenzione e i contenuti del Patto ci vedono fortemente impegnati. Rinnoviamo la nostra collaborazione con la volontà di crescere insieme. Oggi sottoscriviamo un impegno formalmente che fa parte di una storia in un ambito interistituzionale”.
Aluisi Tosolini, in rappresentanza dell’Ufficio scolastico Provinciale, ha rimarcato: “E’ stato un confronto lungo, complesso realizzare il Patto. Abbiamo riconosciuto l’impegno comune di metterci a servizio della crescita egli alunni e degli studenti che richiedono una comunità educate innovativa, in ascolto e sicura”.
Una novità di questo nuovo Patto che ha durata quinquennale, è il coinvolgimento delle scuole secondarie del secondo ciclo: “L’elemento innovativo è l’aver incluso nella costruzione del Patto un partner fondamentale come le scuole secondarie del secondo ciclo. Sono un elemento importantissimo per intercettare preventivamente i bisogni dei ragazzi o le difficoltà. Gli ambulatori e le scuole ora sono strettamente collegati e di aiuto per evidenziare fattori di rischio e attivare azioni protettive per il benessere del bambino e dei ragazzi. Oggi siamo in grado di ascoltarci tra Istituzioni e la Neuropsichiatria è vista come un alleato”, ha detto Antonella Squarcia, Responsabile dell’Unità operativa di Psichiatria e Psicologia clinica Infanzia e Adolescenza Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma.
Anche la Provincia di Parma sottoscrive il Patto: “Ci occupiamo dei luoghi dove si costruisce il benessere degli studenti, ci siamo e lavoreremo con voi  per le funzioni che ci competono” ha chiuso la conferenza stampa Alessandro Tassi Carboni in rappresentanza della Provincia.
Il Patto promuove:

  1. la crescita del sistema educativo e formativo locale, in quanto strategico per lo sviluppo del sistema culturale e socio-economico cittadino;
  2. la valorizzazione del ruolo di raccordo e di co-progettazione svolto dal Comune quale interlocutore privilegiato del sistema scolastico cittadino nell’individuazione dei bisogni, nell’attivazione delle risorse interne ed esterne sia economiche che organizzative e nel coordinamento degli interventi;
  3. l’individuazione delle modalità di confronto al fine di definire i reciproci ambiti d’intervento, per competenza e responsabilità, riferiti alle diverse problematiche;
  4. la promozione di una maggiore integrazione tra le diverse scuole;
  5. la razionalizzazione delle relazioni e delle procedure; 
  6. l’ottimizzazione degli interventi ed il funzionale impiego delle risorse umane e finanziarie individuate nei bilanci dell’Amministrazione Comunale e delle Scuole, anche attraverso il miglioramento del flusso informativo tra le parti;
  7. l’adeguamento del sistema dei servizi scolastici ai bisogni e alle caratteristiche delle famiglie.

Contiene gli indirizzi programmatici, le politiche dell’inclusione, il miglioramento degli edifici scolastici e del loro sviluppo tecnologico.

A cura di

Questa pagina è gestita da

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

12-04-2022 13:04

Questa pagina ti è stata utile?