Salta al contenuto

I rincari energetici determinati dal conflitto in Ucraina stanno mettendo a dura prova non solo le famiglie ma anche gli Enti Pubblici che si trovano a fronteggiare una situazione inedita con ripercussioni significative sui costi energetici.

L’Amministrazione, il Sindaco, Michele Guerra, e l’Assessore alla Sostenibilità Ambientale ed Energia, Gianluca Borghi, si sono attivati per adottare contromisure che permettano all’Ente di ridurre i consumi e quindi i costi energetici, ma anche di dare il buon esempio in linea con quanto previsto dalla normativa europea e nazionale vigente.

Soddisfazione è stata espressa dal Sindaco, Michele Guerra, che ha rimarcato: “Le contromisure adottate dal Comune sono il frutto di un lavoro trasversale coordinato dalla Direzione Generale che ha coinvolto tutti i settori e servizi dell’Ente. Le riduzioni dei consumi sono state attuate senza incidere sulla qualità dei servizi, A fronte di qualche sacrificio, sono previsti risparmi in bolletta per il Comune pari a 500 mila euro. I rincari energetici hanno imposto sacrifici alle famiglie ed anche il Comune vuole dare l’esempio assumendo comportamenti virtuosi. Un atto di responsabilità, quindi, improntato all’equilibrio tra la necessità di promuovere il risparmio energetico e quella di garantire il mantenimento della qualità dei servizi stessi”.

L’Assessore Gianluca Borghi ha sottolineato come “le contromisure adottate dal Comune, a fronte dei rincari energetici, abbiano anche una valenza ambientale importante. Parma è stata scelta tra le 100 città europee dalla Commissione Europa per raggiungere la neutralità carbonica al 2030. Le azioni messe in campo sono quindi adottate nel segno della sostenibilità e della responsabilità”.

Le misure messe in campo permetteranno all’Amministrazione risparmi in bolletta pari a circa 500 mila euro.

COMUNICATO STAMPA

Allegati

A cura di

Questa pagina è gestita da

Ultimo aggiornamento

30-11-2022 07:11

Questa pagina ti è stata utile?