Salta al contenuto

Io sono Pablo! Nessuno si è tirato indietro. Il Comune - Settore Partecipazione - la scuola Paolo Racagni, L'Ausl con la sua educativa di strada e diverse associazioni di promozione sociale vocate a bambini e ragazzi. Nel Polo sociale di via Marchesi l'hanno messo nero su bianco con la firma di un patto collaborazione che stipula un patto di mutuo aiuto tra istituzioni, rappresentanti dei cittadini e associazioni. Stretti intorno ad una serie di bisogni servizi e risposte generate da una cura condivisa, da interventi di co-progettazione da una voglia di coesione sociale.

"Sarà un “Laboratorio di Comunità” che favorirà la fiducia reciproca e la costruzione di una rete spontanea nella comunità" dice Ilenia Mazzara tra le più convinte sostenitrici del progetto e coordinatrice dei CCV di Quartiere insieme alla facilitatrice Michela Musile Tanzi "l’arredo mobile e removibile con cui sarà allestito ne consentirà l'utilizzo a giovani ed anziani, studenti universitari e famiglie sia per laboratori compiti, che per ore studio, che per formazione professionale e momenti aggregativi".

Una biblioteca, la possibilità di proiettare, una saletta per prendere un caffè o un the insieme, ma soprattutto tante energie da mettere in campo e voglia di conoscersi e di generare ascolto reciproco ed un sistema di appartenenza. "L'edificio di Via Marchesi ospita al primo piano anche il Centro per le Famiglie, aggiungere questo nuovo spazio significa amplificare il messaggio di un bene comune dedicato alla gente di questo quartiere, alla loro necessità, ritessere un tessuto sociale dopo che le generazioni sono cambiate e le culture e le provenienze si sono ampliate. Questo laboratorio è un esperimento anche in questo senso: da qui uscirà il Pablo di domani. " Commenta l'Assessora alla Partecipazione Daria Jacopozzi. In via Marchesi dunque prende vita una storia da scrivere che forse nessuno può indovinare, ma che ha tante realtà su cui contare. Le attività del “Laboratorio di Comunità” comprenderanno Laboratori compiti sia per bambini delle elementari che per i ragazzi delle scuole medie. Spazi di musica come linguaggio universale e interculturale e laboratori teatrali che saranno occasioni di potenziamento dell'autostima e del rispetto reciproco: sarà un luogo che offrirà ai ragazzi possibilità di superare il disagio giovanile. Ci saranno anche corsi di informatica, inglese ed italiano per stranieri. Io sono Pablo: condivide i problemi e offre opportunità. Lo farà in un quartiere che lo chiede da tempo e grazie a realtà con esperienza, competenza e tanto entusiasmo verso questo progetto. Gli aderenti a questo patto, siglato da i referenti insieme alla Dirigente del Settore Partecipazione Simona Colombo, sono Cultural-mente, l’AUSL Unità di Strada, Eidè, LiberaMente, Una stanza in più, l’ Istituto Comprensivo Primo Bocchi, l’ Associazione Tuttimondi e il Forum Donne Indipendenti e il CCV Pablo.

Ultimo aggiornamento

17-11-2022 10:11

Questa pagina ti è stata utile?