Salta al contenuto

Sono ostelli per la gioventù le strutture ricettive attrezzate prevalentemente per il soggiorno e il pernottamento per periodi limitati dei giovani e degli accompagnatori di gruppi di giovani.
Sono gestiti, di norma, da Enti Pubblici, Enti di carattere morale o religioso, Associazioni operanti, senza scopo di lucro, ai fini del turismo sociale e giovanile. Gli ostelli possono essere gestiti da altri operatori privati, previa convenzione con il Comune, che regolamenti le tariffe e le condizioni di esercizio.
Gli ostelli possono essere dotati di uno o più locali adibiti a cucina comune per la preparazione personale dei pasti da parte degli ospiti e possono essere costituiti da più immobili, definite "dipendenze", nelle immediate adiacenze della casa madre ad una distanza non superiore di m 100.
Possono altresì acquisire la classificazione di residenze dell'epoca le strutture assoggettate ai vincoli previsti dal Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 "Codice dei beni culturali e del paesaggio" ai sensi della Legge 6 luglio 2002, n. 137 che siano arredate prevalentemente con mobili dell'epoca a cui si riferiscono, fatti salvi impianti, dotazioni tecnologiche e servizi.
E' consentita la somministrazione di alimenti e bevande alle persone alloggiate, ai loro ospiti e a coloro che sono ospitati nella struttura ricettiva in occasione di manifestazioni e convegni organizzati. Agli stessi soggetti può essere effettuata la fornitura di giornali, riviste, pellicole per uso fotografico e di registrazione audiovisiva, cartoline e francobolli, gadget e souvenir.

Accedere al servizio

Come si fa

La Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA)/COMUNICAZIONE, deve essere presentata tramite Piattaforma Regionale Accesso Unitario accedendo al link sottostante.

Canale digitale

Cosa serve

Per una nuova apertura è necessario presentare una SCIA al Comune di riferimento. Anche l'eventuale somministrazione di alimenti e bevande al pubblico è soggetta alla preventiva presentazione della SCIA, ai sensi della Legge Regionale Emilia Romagna n. 14/03. In caso di subingresos, sospensione temporanea dell'attività o cessazione definitiva è necessario presentare una COMUNICAZIONE.

Costi e vincoli

Costi

Esclusivamente per la SCIA:
Diritti di Segreteria come da Piano Tariffario consultabile al seguente: https://www.servizi.comune.parma.it/it-IT/diritti-commercio.aspx

Per il pagamento dei diritti di segreteria collegarsi al sito https://pagopa.comune.parma.it e generare l’avviso di pagamento PagoPA corrispondente alla pratica da presentare o pagare direttamente online.

La COMUNICAZIONE è gratuita.

Vincoli

Deve essere esposta nella struttura la tabella prezzi.

E' necessario che i locali posseggano i requisiti minimi strutturali e di esercizio (servizi obbligatori) approvati dalla Regione Emilia Romagna con atto di Giunta Regionale n. 2186/2005.

La gestione dell'attività e dei singoli servizi  è effettuata anche tramite rappresentanti, purché gli stessi siano in possesso dei requisiti soggettivi richiesti dalla norma, per lo svolgimento dell'attività. Sussiste l'obbligo di esporre il marchio identificativo dell'ostello, esponendo all'esterno della struttura la targa con le caratteristiche e modalità approvate dalla Regione Emilia Romagna.

Tempi e scadenze

La SCIA e la COMUNICAZIONE sono immediatamente efficaci.

Contenuti correlati

Attività Economiche
Informazioni su commercio in sede fissa e su aree pubbliche, artigianato, pubblici esercizi, attività ricettive ed attività soggette ad autorizzazione di polizia amministrativa, manifestazioni temporanee e spettacoli viaggianti.
SUAPE
Domande, dichiarazioni, segnalazioni e comunicazioni concernenti l’esercizio di attività produttive e di prestazione di servizi.

Ultimo aggiornamento

21-09-2022 13:09

Questa pagina ti è stata utile?