Salta al contenuto

Restituzione rimborso di pratiche sismiche

per autorizzazioni sismiche e depositi del progetto delle strutture

Qualora il Committente ritenga di aver commesso un errore nel versamento del rimborso forfettario per spese istruttorie di pratiche sismiche calcolato ai sensi della d.G.R. 1934/2018, ha facoltà di richiedere la restituzione motivata di quanto versato

A chi si rivolge

Committenti (pubblici e privati) in possesso di autorizzazione sismica o di deposito del progetto esecutivo delle strutture

Chi può presentare
  • Committente, se in possesso di firma digitale
  • Delegato del Committente munito di procura speciale e di firma digitale
Copertura geografica del servizio

Territorio del Comune di Parma

Accedere al servizio

Come si fa

Il Committente autocompila il modulo di richiesta di restituzione di rimborso forfettario per spese istruttorie di pratiche sismiche (RiS R.2) tramite l'applicativo on line collegandosi all'apposito canale digitale

Cosa si ottiene

Ricevuta di protocollazione della richiesta di restituzione di rimborso forfettario per spese istruttorie di pratiche sismiche

Canale digitale
Autenticazione

Accesso con SPID, CIE o CNS

Cosa serve

  • ricevuta del versamento di rimborso forfettario per spese istruttorie di pratiche sismiche per il quale si chiede la restituzione

Costi e vincoli

Costi
  • gratuito
Vincoli

Il diritto al rimborso si prescrive entro 10 anni dalla data di versamento

Tempi e scadenze

  • per la comunicazione di accoglimento della richiesta, 30 giorni dalla presentazione della stessa
  • per il materiale ottenimento del rimborso, 30 giorni dalla comunicazione di accoglimento della richiesta

Allegati

Modulistica

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

01-04-2022 09:04

Questa pagina ti è stata utile?