Salta al contenuto

Scia - Segnalazione certificata di inizio attività per apertura di Centro Estivo

Scia Segnalazione certificata di inizio attività per apertura di Centro Estivo

SCIA -Segnalazione Certificata d'Inizio Attività- dei Centri Estivi organizzati durante le vacanze estive, nel tempo extrascolastico per i bambini/e e i ragazzi/e dai 3 ai 17 anni. Possono organizzare i Centri Estivi: Enti, Associazioni, Fondazioni, Società Sportive, Cooperative, ecc. e Soggetti pubblici o privati, in sede propria o in uso. Nei Centri Estivi i bambini/e e i ragazzi/e devono essere accolti senza alcuna discriminazione, e intrattenuti, durante l’intera giornata o parte di essa, con proposte diversificate in base all’età. I centri estivi  devono essere luoghi privilegiati, per la valorizzazione delle diverse potenzialità, per l’integrazione e la socializzazione, e devono promuovere una positiva azione di prevenzione da rischi di disagio legati alla solitudine.


A chi si rivolge

I soggetti privati che intendono durante il periodo estivo aprire Centri Estivi ricreativi per Bambini/e Ragazzi/e dai 3 ai 17 anni

Chi può presentare

i legali rappresentanti del soggetto che intende aprire il centro estivo.

Accedere al servizio

Come si fa

Occorre compilare l'apposito Modulo -Segnalazione Certificata di Inizio Attivita' (SCIA) per l'esercizio di attività di centro estivo anno 2022- prima dell’inizio del Centro Estivo. Il Modulo va compilato in tutte le sue parti e l’avvenuta presentazione costituisce già titolo necessario per l'apertura del Centro estivo. La SCIA e la documentazione allegata sarà trasmessa dal Comune al Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Azienda USL di Parma per consentire lo svolgimento delle attività di vigilanza di competenza.


Tempi e scadenze

Se successivamente alla presentazione della Scia e dei relativi allegati, in sede di controllo emergessero carenze dei requisiti e presupposti previsti dalle normative vigenti, il Comune, entro il termine dei 60 giorni dal ricevimento della SCIA, adotterà motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa, salvo che, ove ciò sia possibile, l’interessato provveda a conformare alla normativa vigente detta attività ed i suoi effetti entro il termine fissato dall’Amministrazione, in ogni caso non inferiore a 30 giorni. E’ fatta salva, comunque l’applicazione delle sanzioni penali previste dall’art.76del D.P.R. 445/2000 e dell’art.19 comma 6 della l.241/90 e s.m.i.

Modulistica

Ulteriori informazioni

Il Comune esercita l’attività di vigilanza e controllo, avvalendosi del S.O. Servizi per la Scuola per un controllo formale e della “Commissione per la Valutazione del possesso e del mantenimento dei requisiti di legittimazione dei fornitori” nominata dal Dirigente del Settore Servizi Educativi nei casi di grave inadempienza strutturale, dell’Azienda U.S.L. nonché di altri Organi deputati alle funzioni di vigilanza e controllo. Qualora venga accertata l'assenza di uno o più requisiti, gli organi di controllo invitano il soggetto gestore del Centro Estivo a provvedere al necessario adeguamento.

Ultimo aggiornamento

20-05-2022 12:05

Questa pagina ti è stata utile?