Salta al contenuto

L’Avviso Pubblico Morosità Incolpevole del Comune di Parma, ha la finalità di contrastare le situazioni di emergenza abitativa, evitando o rinviando l’esecuzione dello sfratto.

E' uno strumento a tutela dei cittadini e delle cittadine, sia che si tratti di proprietari di immobili sia che si tratti di affittuari in condizioni di morosità a causa di determinate situazioni così come elencate nel bando.

La partecipazione al bando offre all’inquilino due soluzioni:

  • poter mantenere la disponibilità dell'alloggio occupato mediante il pagamento delle morosità accumulate,
  • poter accedere ad una diversa soluzione abitativa utilizzando le risorse dell’avviso pubblico per il pagamento del deposito cauzionale o dei canoni di locazione anticipati, previsti dal nuovo contratto di locazione.

Ai proprietari, invece, il bando consente di rinegoziare i contratti di affitto, di rinunciare alla convalida oppure di rinviare l’esecuzione dello sfratto convalidato, avvalendosi delle risorse messe a disposizione dalla Regione Emilia Romagna e dal Comune di Parma.

A chi si rivolge

Il bando si rivolge agli inquilini che non sono più nelle condizioni di onorare il pagamento dell’affitto per le ragioni indicate nel bando, ed ai proprietari degli immobili che di conseguenza non vedono corrisposto regolarmente l’affitto.

Il richiedente, ossia l’inquilino, deve però dimostrare la perdita o la consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare che deve essere successiva alla data di stipula del contratto.

Chi può presentare

Possono presentare richiesta di contributo gli inquilini morosi incolpevoli residenti nel Comune di Parma che alla data di presentazione della domanda siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana, di un Paese dell’UE, ovvero per i cittadini extra UE possesso di un regolare titolo di soggiorno. Nel caso di permesso di soggiorno scaduto è ammissibile la domanda di contributo qualora sia stata fatta domanda di rinnovo;
  • avere un atto di intimazione di sfratto per morosità incolpevole con richiesta di convalida, oppure un provvedimento esecutivo di rilascio per morosità, oppure essere stato sfrattato, oppure avere un nuovo contratto di locazione da sottoscrivere a canone concordato. Possono accedere al beneficio anche gli assegnatari di alloggio di proprietà comunale destinatari di un provvedimento di sfratto in corso, qualora ricorrano le condizioni che definiscono la morosità incolpevole;
  • titolarità di un contratto di locazione di unità immobiliare ad uso abitativo regolarmente registrato e residenza nell’alloggio oggetto della procedura di rilascio da almeno un anno (sono esclusi gli immobili appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9);
  • non essere titolare (requisito richiesto a tutti i componenti del nucleo familiare) di diritti di proprietà, usufrutto, uso o abitazione su un alloggio ad uso abitativo sito nella provincia di Parma, di altro immobile fruibile ed adeguato alle esigenze del proprio nucleo familiare;
  • reddito ISE non superiore ad € 35.000,00 o valore ISEE non superiore ad € 26.000,00 (derivante da regolare attività lavorativa).

Accedere al servizio

Come si fa

Occorre compilare l’apposito modulo di domanda, redatto sotto forma di dichiarazione sostitutiva ai sensi del D.P.R. 445/2000, in distribuzione in formato cartaceo, presso lo Sportello Multifunzionale Casa, viale Bottego, 2/A, Parma e presso le sedi delle Associazioni/Sindacati degli inquilini.

Il modulo di domanda compilato e firmato dal richiedente, e nei casi previsti, anche dal proprietario, va consegnato dal richiedente (o delegato), unitamente ai documenti previsti, a partire da mercoledì 3 giugno 2020 – sino ad esaurimento delle risorse disponibili – presso:

Sportello Multifunzionale Casa, viale Bottego, 2/A – tel. 0521 215339

Orari di apertura: lunedì e giovedì 8.30-13.00 e 14.30-17.30; mercoledì 8.30-13.30 - martedì e venerdì: chiuso.

Cosa si ottiene

Per il proprietario la concessione di un contributo ristoro a seguito della rinuncia della convalida dello sfratto, ovvero del differimento dell’esecuzione dello sfratto convalidato:

  • Contributo massimo di 8.000 (euro ottomila) se rinuncia alla convalida dello sfratto.
  • Contributo massimo di 12.000 se rinuncia alla convalida e sottoscrive un nuovo contratto di locazione a canone concordato.
  • Contributo da 4000 a 6000 dipendente dai tempi concessi per il rinvio del provvedimento di rilascio dell’immobile, se lo sfratto è già stato convalidato. Il tempo concesso non potrà essere inferiore ai 6 mesi.

Per l’inquilino l’opportunità di poter usufruire dell’alloggio o del ristoro-deposito cauzionale in caso di nuovo contratto per una nuova locazione.

Dove rivolgersi
Sportello Multifunzionale Casa SMC

viale Vittorio Bottego, 2/A - Parma - 43100

Cosa serve

Unitamente al modulo di domanda compilato, occorre presentare i seguenti documenti:

  1. Copia fotostatica del documento di identità del firmatario (da presentare qualora la firma dell’intestatario non venga apposta alla presenza dell’addetto al ricevimento della pratica);
  2. Documentazione attestante la procedura di sfratto;
  3. Documentazione comprovante lo stato di inquilino moroso incolpevole;
  4. Copia del contratto di locazione regolarmente registrato;
  5. Copia attestazione ISEE in corso di validità ai sensi del DPCM 159/2013;
  6. Altra documentazione a conferma di quanto dichiarato in autocertificazione nella domanda.

Costi e vincoli

Vincoli

Per il proprietario:

aderire ad una delle diverse soluzioni previste dal bando.

Per l’inquilino:

essere in possesso di idonea documentazione attestante la situazione di morosità incolpevole.

Tempi e scadenze

Le domande si possono presentare durante tutto l’anno fino ad esaurimento delle risorse economiche assegnate. Avviso Pubblico del 3/06/2020

Devono essere compilate unicamente sui moduli predisposti dal Comune e presentate personalmente dall’interessato o da un suo delegato negli orari di apertura al pubblico allo Sportello Multifunzionale Casa.

A seguito delle verifiche effettuate sulle domande pervenute, la S.O. Rapporti con i Cittadini e Assegnazione Alloggi comunicherà al richiedente l’esito della valutazione.

Entro 10 giorni dalla data di ricevimento della suddetta comunicazione, il richiedente può presentare le proprie controdeduzioni.

Entro 30 giorni, la S.O. Rapporti con i Cittadini e Assegnazione Alloggi esaminerà le controdeduzioni pervenute e comunicherà la decisione definitiva in merito.

Allegati

Modulistica

Contenuti correlati

Welfare
Politiche sociali, abitative e assegnazione alloggi, per la famiglia, per l’accoglienza e l’inclusione, sostegno economico, progetti solidali.

Ultimo aggiornamento

21-09-2022 13:09

Questa pagina ti è stata utile?