Comunicati Stampa

09.07.15 / BILANCIO

TASI e IMU, sgravi per 3,5 milioni

Parma, 9 luglio 2015.


Nonostante le difficoltà di chiusura del bilancio di previsione 2015 e la costante riduzione dei trasferimenti da parte del Governo centrale, il Comune estende gli sgravi fiscali per TASI e IMU, introducendo nuove agevolazioni per famiglie numerose e i cittadini possessori di abitazione danneggiate dall'alluvione dell'ottobre scorso.

Lo ha comunicato l'assessore al bilancio Marco Ferretti in una conferenza stampa in Municipio, annunciando anche l'imminente arrivo in Consiglio Comunale del bilancio 2015, approvato ieri dalla Giunta municipale. Da domani il documento contabile sarà a disposizione dei consiglieri ed entro al fine del mese si concluderà il lungo impegnativo iter dell'approvazione in Consiglio Comunale.

“I tagli dello Stato per 20 milioni di euro ci hanno costretto ad un faticoso e impegnativo lavoro di razionalizzazione della macchina comunale, che ci ha portato a recuperare circa 12 milioni di euro, ma lo abbiamo fatto – ha sottolineato ancora Ferretti – senza ridurre i servizi educativi e il welfare, che insieme comportano una spesa di oltre 70 milioni di euro. L'operazione si completerà con il previsto stanziamento di 8,2 milioni da parte dello Stato a copertura parziale del fondo IMU – TASI. A questo punto – ha concluso l'assessore – abbiamo raschiato il fondo del barile, per il futuro non ci resta più nulla da razionalizzare senza intaccare i servizi ai cittadini”. 

Ferretti ha quindi trattato il tema degli sgravi: “Nonostante le difficoltà a chiudere il bilancio – ha sottolineato – abbiamo deciso di andare incontro ai nostri cittadini residenti, che fin dalla gestione commissariale sono stati chiamati a pagare il massimo delle aliquote fiscali previste. Vogliamo dare un segnale in controtendenza, introducendo ulteriori sgravi per le famiglie con tre o più figli a carico, e esentando dal pagamento della seconda rata TASI gli alluvionati che hanno subito danni documentati per oltre 500 euro. Per tutto il resto confermiamo le agevolazioni del 2014, con importo complessivo di 3 milioni e mezzo di minori entrate dovute a questa operazione”.

 

Agevolazioni TASI

 

Per la TASI (Tassa Servizi Indivisibili) resta in vigore l'addizionale dello 0,8 per mille per le sole abitazioni principali e pochi altri casi specifici, ma sono confermate le esenzioni e detrazioni nella stessa misura dell'anno precedente, legate al reddito e alla classe di rendita.

Inoltre sono previste ulteriori detrazioni per famiglie numerose (3 o più figli sotto i 26 anni) con reddito ISEE inferiore ai 40.000 euro, nella misura di 25 euro per ciascun figlio a carico.

Per le famiglie alluvionate, che hanno compilato la scheda regionale per la dichiarazione dei danni con importi superiori ai 500 euro, è prevista la deduzione della seconda rata (50% dell'imponibile TASI).

“Abbiamo volutamente circoscritto l'applicazione dell'addizionale alla prima casa esente da IMU – ha precisato Ferretti – anche per evitare complicate commistioni fra inquilini e proprietari che avrebbe determinato l'estendimento dell'aliquota alla seconda casa e oltre”.

 

Aliquote agevolate IMU

 

Per quanto riguarda l'IMU vengono confermate le aliquote agevolate introdotte nel 2014: 6 per mille per chi aderisce al progetto “Affitti Garantiti”, e 8 per mille per il canone concordato, per gli immobili affittati a studenti e per quelli concessi in comodato a figli o genitori.

 

In totale, detrazioni e sgravi comportano una riduzione su TASI e IMU pari a 3,5 milioni di euro.

 

Per i dettagli si vedano le slide allegate.

ALLEGATI |

>> Ferretti pdf (688 KiB)