Comunicati Stampa

12.10.09 / FAMIGLIA E PERSONA / Ufficio Stampa

PARMA LANCIA IL QUOZIENTE FAMILIARE

PARMA LANCIA IL QUOZIENTE FAMILIARE


PARMA LANCIA IL QUOZIENTE FAMILIARE,PRIMO ESEMPIO INNOVATIVO DI “COEFFICIENTE CORRETTIVO A MISURA DI FAMIGLIA”. Il quoziente familiare di cui si è molto parlato in questi mesi in Italia - comincia da Parma: il Comune, infatti, ha messo a punto una proposta, il “Quoziente Parma”, sulla quale rimodulare il sistema di tariffazione e di accesso ai servizi comunali (nidi, scuole dell’infanzia, servizi socio-assistenziali ecc.) e i sistemi contributivi di sostegno, in una logica “a misura di famiglia”. L’obiettivo che si intende perseguire è quello di elaborare un “coefficiente correttivo a misura di famiglia”, rendendo più eque e omogenee le tariffe del Comune di Parma, rafforzando la capacità economica delle famiglie e promuovendo la capacità delle stesse di svolgere al meglio le proprie funzioni alla cura, all’educazione, al sostegno e all’accoglienza. La proposta è stata elaborata dall’Agenzia per la Famiglia del Comune, in collaborazione con vari Settori del Comune, la Consulta comunale delle Associazioni familiari, il Forum delle Associazioni familiari e grazie all’apporto tecnico dell’Università degli Studi di Parma. Dopo i dovuti passaggi in Commissione consiliare e in Consiglio comunale, a partire da dicembre 2009 prenderanno avvio le modifiche dei regolamenti dei servizi interessati. “Il Quoziente Parma è una grande novità – spiega il sindaco di Parma Pietro Vignali – non solo perché è il primo esempio in Italia, ma anche perché riconosce alla famiglia il lavoro che quotidianamente svolge in campo educativo, di cura, di dialogo tra le generazioni, di coesione sociale. È uno strumento necessario a una città che ha scelto di scelto di crescere a misura di famiglia”. “Il nuovo parametro – commenta la delegata all’Agenzia per la Famiglia Cecilia Maria Greci - valorizza la famiglia con figli, la condizione lavorativa, la presenza di invalidità, la condizione di genitori affidatari. E’ frutto del lavoro di tanti che, condividendo competenze ed energie, hanno dato una risposta concreta alle istanze delle nostre famiglie. Il Quoziente Parma ci permetterà di “confezionare tariffe su misura” per ognuna di esse, grazie a un coefficiente migliorativo di tariffa che terrà conto dei carichi di cura. E’ uno strumento che concorre nel riconoscere la famiglia risorsa fondamentale della comunità e nell’ambito delle politiche tariffarie locali è una “buona pratica” da condividere per promuovere tariffe più eque anche altrove”. “Il Quoziente Parma è un grande passo avanti – osserva l’assessore al Welfare Lorenzo Lasagna – perché, al di là di fredde logiche burocratiche, introduce un criterio di maggior equità anche nell’accesso ai servizi e al sistema di welfare. Tale criterio verrà progressivamente applicato a tutti i servizi alla persona”. Dal calcolo dell’ISEE al Quoziente Parma Il principio cui si ispira l’ISEE - consentire l’accesso ai servizi e alle agevolazioni in base all’effettiva situazione economica del richiedente - è senz’altro valido e universalmente accettato; tuttavia, alcuni meccanismi di calcolo, e in particolare la scala di equivalenza, risultano non essere equi e addirittura penalizzanti per le famiglie numerose. L’applicazione del Quoziente Parma alla tariffa stabilita con il tradizionale sistema di calcolo, determina la nuova Tariffa Parma o Tariffa “a misura di famiglia” (che avrà un valore più basso quanto più alto sarà il valore assoluto del Quoziente Parma). Il Quoziente Parma, quindi, in valore percentuale rappresenta lo sconto da applicare alla tariffa. QUOZIENTE PARMA La tabella che segue individua e riassume i punteggi di riferimento del Quoziente Parma, e illustra puntualmente il rapporto di miglioramento che si realizza rispetto alla “pesatura” della famiglia già derivante dall’applicazione dell’ISEE. Il quoziente Parma “peserà” maggiormente ogni componente familiare, determinando una riduzione dalla tariffa tanto maggiore quanti più saranno i componenti della famiglia e i carichi assistenziali che essa assorbe. CONFRONTO FRA SCALA DI EQUIVALENZA ISEE E QUOZIENTE PARMA Scala di Equivalenza ISEE “QUOZIENTE PARMA” Dichiarante (1^ componente) 1,00 1,00 Coniuge (o 2^ componente) 0,57 Con due adulti presenti 0,57 In nucleo monogenitoriale 0,60 3^componente (figlio o affidato) (altra persona) 0,47 A caricoelt;26anni 0,60 Non a carico o persona egt;=26 anni 0,50 4^componente (figlio o affidato) (altra persona) 0,42 A caricoelt;26anni 0,70 Non a carico o persona egt;=26 anni 0,62 5^componente (figlio o affidato) (altra persona) 0,39 A caricoelt;26anni 0,80 Non a carico o persona egt;=26 anni 0,67 6^componente (figlio o affidato) (altra persona) 0,35 A caricoelt;26anni 0,80 Non a carico o persona egt;=26 anni 0,67 Condizione lavorativa professionale dei genitori: Nel quoziente si compara il minore con figlio a carico o affidato elt;26 anni. Entrambi i genitori lavorano Monogenitoriale Presenza di entrambi i genitori, di cui solo 1 lavoratore Pensionati 0,10 Ogni coniuge 0,20 0,00 0,00 Dipendenti 0,230 Autonomi 0,175 Pensionati 0,195 Dipendenti 0,460 Autonomi 0,350 Pensionati 0,390 Dipendenti 0,130 Autonomi 0,075 egt;= 65 e elt;75 anni 0,095 egt;= 75 anni 0,100 Invalidità 0,50 egt;=67% e elt;74% 0,50 egt;=74% e =100% 0,85 Disabili con indennità di accompagn. 1,20 Minore disabile (egt;=67% e elt;=100%) 0,85 Affidamento etero - familiare 0,00 Per nucleo familiare con affidamento etero - familiare in corso. 0,30 L’applicazione del Quoziente Parma consente di non modificare la struttura dell’ISEE, ma riesce a migliorarne gli effetti, realizzando, attraverso un modello innovativo, un miglioramento del trattamento della singola famiglia in relazione ai componenti del nucleo familiare e alla situazione del singolo caso. La nuova modalità di calcolo matematico supera, inoltre, la parametrazione per scaglioni, come si vede dal grafico, a vantaggio di una curva lineare, più equa e proporzionale (non scaglioni, ma conteggi “caso per caso”; ciascuno con un proprio dato, diverso dagli altri). Prendiamo il caso di una famiglia composta da due genitori lavoratori dipendenti con figli minori a carico, le tabelle di seguito mettono a confronto vecchia e nuova tariffa, per l’accesso ai nidi d’infanzia, in relazione all’ISEE posseduto. Tariffa Tariffa ISEE Norma (Vecchia) Parma (Nuova) 6360,18 € 52,00 44,13 8900,00 € 94,40 80,11 11801,00 € 142,82 121,20 14544,00 € 188,61 160,06 18680,00 € 257,65 218,65 23936,00 € 345,39 293,10 29254,00 € 434,16 368,44 32000,00 € 467,00 396,31 CONFRONTO NUOVA/VECCHIA TARIFFA

ALLEGATI |
Numero Unico 0521 40521
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014