Comunicati Stampa

12.11.07 / SICUREZZA / Ufficio Stampa

PRESENTAZIONE DEL SITO WEB E CENTRO E-LEARNING DI PARMAALIMENTA

PRESENTAZIONE DEL SITO WEB E CENTRO E-LEARNING DI PARMAALIMENTA


L’associazione parmaalimenta si ispira al valore della responsabilità sociale e della cooperazione tra i territori del Nord e del Sud del mondo per l’affermazione del diritto all’alimentazione per tutti e per la lotta alla povertà. Parmaalimenta è un’associazione senza scopo di lucro costituita nel 2004 da Comune di Parma, Provincia di Parma, Legambiente, Lega delle Cooperative, CNA, Consorzio di Solidarietà Sociale, Banca Etica, Dipartimento di Economia dell’Università di Parma e Mani. Ad oggi hanno aderito anche il Comune di San Secondo Parmense, il Comune di Collecchio e lAzienda Ospedaliera di Parma. Lobiettivo di parmaalimenta è la promozione di uno sviluppo socio-economico più equo e sostenibile, attraverso l’attivazione di progetti di cooperazione decentrata, finalizzati al conseguimento dell’autosufficienza alimentare delle popolazioni di Paesi del Sud del Mondo, come strategia di lotta alla povertà, che si realizza attraverso la promozione di pratiche di responsabilità sociale da parte del territorio di Parma nei confronti del Sud del mondo. Il sito web di parmaalimenta costituisce un progetto di cooperazione decentrata Uno strumento semplice ed accessibile a tutti nel nostro territorio e in Africa, e un progetto di comunicazione attraverso le ICT, tecnologie di informazione e di comunicazione appropriate, inserito negli Obiettivi del Millennio per il superamento della povertà come lotta al digital divide. Il sito sarà uno strumento concreto a servizio del consolidamento del progetto centro agroalimentare “Maison Parma” e, grazie allo spazio dedicato alla formazione a distanza, sarà uno strumento fondamentale per le attività di cooperazione di parmaalimenta tra cui la formazione di capacità nel settore della microfinanza e delle piccole attività imprenditoriali per la generazione di reddito, la produzione agricola e laccesso al cibo nei mercati locali, le filiere agroalimentari eque con tecnologie appropriate e sostenibili. Il sito prevede inoltre di ospitare unimportante progetto di formazione a distanza e uno spazio per consulenze sanitarie nellambito della presa in carico delle endemie locali, dellAIDS, dellutilizzo dei farmaci essenziali, della malnutrizione, in collaborazione con lAzienda Ospedaliera di Parma. Il sito web si offre come strumento essenziale di partecipazione diretta per condividere informazioni, competenze, risorse e idee progettuali con i/le cittadini/e, le associazioni, le aziende, gli enti e le istituzioni del nostro territorio e dei territori africani con i quali stiamo cooperando. Si tratta di uno strumento che rafforza ulteriormente la presenza di Parma sul piano internazionale in quanto permetterà al nostro sistema economico e alle nostre aziende di rendere visibile e comunicare la loro partecipazione responsabile e concreta, insieme alle istituzioni e al mondo no-profit, alle buone pratiche di superamento della povertà per il diritto allalimentazione per tutti e per uno sviluppo equo e sostenibile. Visitando il sito anche gli attori locali e i cittadini potranno capire come partecipare concretamente alla realizzazione delle attività di parmaalimenta,enbspun semplice gesto per una grande speranza. I nostri progetti... Il progetto Maison Parma rappresenta la continuazione e lampliamento dellazione di parmaalimenta in Burundi e nel territorio di Parma. Si tratta di un progetto di cooperazione internazionale decentrata incentrato sullo sviluppo delle filiere agroalimentari con tecnologie appropriate a sostegno della sicurezza alimentare della popolazione burundese. Lo sviluppo delle filiere agroalimentari rappresenta la strategia più importante per garantire alla popolazione burundese la sicurezza alimentare. Questo sviluppo può avvenire soltanto attraverso ladozione di tecnologie appropriate alle esigenze della produzione ma anche al contesto culturale, economico ed ambientale in cui il progetto viene realizzato. Lo strumento per raggiungere questi obiettivi è la cooperazione internazionale decentrata, che impegna su un piano paritario il territorio di Parma ed il territorio burundese. In questa ottica, il territorio di Parma ha messo a disposizione le capacità e le competenze di parmaalimenta, della Fondazione Cariparma, del Consorzio Fitosanitario Provinciale, del Servizio Provinciale Agricoltura, di diversi studi professionali e aziende ed il territorio burundese ha messo a disposizione le capacità e le competenze di parmaalimenta Burundi, del governo burundese, delle associazioni locali, dellIstituto di Scienze Agronomiche del Burundi, del Centro Nazionale delle Tecnologie Alimentari, di diverse aziende. parmaalimenta, attraverso il progetto Maison Parma, intende agire sia sul fronte della sicurezza alimentare che su quello della lotta alla povertà, scegliendo il potenziamento qualitativo e quantitativo della produzione agricola come strumento per superare la malnutrizione e garantire alla popolazione laccesso a cibo in quantità e di qualità adeguate ed allo stesso tempo per rafforzare le capacità della popolazione di generare reddito. Linnalzamento dei livelli di reddito della popolazione è fondamentale, ma rimane un obiettivo subordinato al raggiungimento della sicurezza alimentare. In altre parole, il potenziamento della produzione agricola è sostenuto prioritariamente nellottica di aumentare laccesso al cibo della popolazione, agendo anche sui meccanismi di formazione dei prezzi dei prodotti. Il progetto Maison Parma coinvolge 1500 beneficiari diretti, di cui l80 % è rappresentato da donne. I beneficiari indiretti sono circa 300.000, cioè lintera popolazione della zona interessata dal progetto. La scelta di lavorare con le donne è in linea con le direttive dei vari organismi internazionali e si inserisce in unottica di valorizzazione e rafforzamento del ruolo delle donne nello sviluppo. Inoltre le donne rappresentano la parte di popolazione maggiormente vulnerabile in Burundi ed in particolare nella zona del progetto. Questa zona è situata nel nord-ovest del paese, a nord della capitale Bujumbura, ed interessa i comuni di Kinama, Cibitoke, Kamenge, Buterere, Ngagara nella provincia di Bujumbura Mairie, i comuni di Mutimbuzi, Mubimbi, Isale nella provincia di Bujumbura Rural ed i comuni di Rugazi e Mpanda nella provincia di Bubanza. Questa zona è tra le più colpite dalla guerra che ha distrutto il paese tra il 1993 ed il 2005. Il progetto si propone come obiettivo generale contribuire al raggiungimento della sicurezza alimentare e al superamento della povertà da parte della popolazione dei comuni a nord della capitale Bujumbura, attraverso la generazione di reddito derivante dalla produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, secondo i criteri della sostenibilità, della partecipazione e della salvaguardia delle risorse naturali. Lobiettivo specifico del progetto è che la popolazione dei comuni a nord della capitale Bujumbura sia in grado di migliorare qualitativamente e quantitativamente la produzione, la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli, in modo da avere un maggiore accesso al cibo e generare reddito attraverso la commercializzazione dei surplus. I risultati attesi attraverso cui si cerca il raggiungimento degli obiettivi sono sostanzialmente tre: 1.enbspCostruzione, organizzazione e attivazione del centro agroalimentare Maison Parma, centro di servizi per il territorio dei comuni nord a sostegno della produzione, trasformazione, conservazione e commercializzazione dei prodotti agricoli. 2.enbspAvviamento delle attività di produzione, trasformazione e commercializzazione del centro agroalimentare e contemporaneamente delle attività formative per il rafforzamento delle capacità delle beneficiarie e dei beneficiari. 3.enbspAccesso al microcredito. Lufficio di microcredito si occuperà da un lato di rafforzare e proseguire le attività già avviate da parmaalimenta negli anni precedenti e dallaltro di rendere disponibile fondi per il finanziamento delle filiere agroalimentari. Nello stesso tempo sarà avviato uno studio tecnico sulla trasformazione del servizio Microcredito del centro agroalimentare in un ente di microcredito autonomo a sostegno della Maison Parma e di progettualità future. E importante sottolineare la rilevanza data nella progettazione al consumo energetico, alle tecniche di coltivazione sostenibili, alla gestione del territorio, alle tecnologie appropriate, alla partecipazione e allequità dei meccanismi di formazione dei prezzi dei prodotti agricoli. I servizi della Maison Parma offrono sostegno tecnico, amministrativo e finanziario alla produzione, trasformazione e commercializzazione di diversi prodotti agricoli, identificati in base ai criteri complementari di garanzia alla sicurezza alimentare e di generazione di reddito. Così, nella prima fase del progetto verranno attivate le filiere del riso, dellolio di palma, dellortofrutta e della manioca. La realizzazione del presente progetto è rafforzata dagli elementi di sostenibilità che sono stati previsti fin dalle fasi di identificazione ed elaborazione. Innanzitutto la sostenibilità socio-istituzionale, data dallaccreditamento di parmaalimenta presso il governo burundese e dalla partecipazione al progetto dei cittadini, delle istituzioni, delle organizzazioni private e pubbliche del territorio di Parma e del Burundi nellottica di una cooperazione decentrata basata su uno sviluppo locale e globale partecipato, equo e sostenibile. Inoltre la sostenibilità ambientale, data dalla sperimentazione e diffusione di pratiche di agricoltura naturale, dalla gestione partecipata del territorio e delle risorse naturali, dallattenzione al risparmio energetico e alle fonti di energia rinnovabili.