NOTIZIE / 15.07.11 / FAMIGLIA E PERSONA

Musica e beneficenza in ricordo del “menestrello” Barigazzi

Domenica, ai campi sportivi di Moletolo è in programma una giornata all’insegna della musica e della beneficenza in ricordo di Pier Giovanni Barigazzi, il “menestrello” delle serate parmigiane scomparso quasi un anno fa. “Lo sapevo che andava a finire così” è il titolo della manifestazione, che inizierà alle 17.
conferenza stampa

Domenica, ai campi sportivi di Moletolo è in programma una giornata all’insegna della musica e della beneficenza in ricordo di Pier Giovanni Barigazzi, il “menestrello” delle serate parmigiane scomparso quasi un anno fa.
“Lo sapevo che andava a finire così” è il titolo della manifestazione, che inizierà alle 17 con l’apertura di un mercatino e degli stand di varie associazioni del territorio che operano nell’ambito del sociale. In programma anche giochi per bambini a cura di Ludobimbo.it e Gommaland.
Alle 21 invece musica dal vivo con Barbara Barbieri e BBBand e Ma Noi No, che proporranno un tributo ai Nomadi. Presenterà la serata Rose Ricaldi. Il ricavato della giornata verrà devoluto all’associazione Accoglienza, che da anni si occupa di bambini in affido.

La manifestazione è promossa dall’associazione di promozione sociale “Portos” assieme agli Amatori Parma Rugby, con il patrocinio e la co-organizzazione del Comune e in collaborazione con: Associazione Accoglienza, Croce Rossa Italiana Comitato Provinciale di Parma, Gruppo Medaglie d’Oro Bormoli, AGD- Associazione Giovani Diabetici, Jacoland, Accademia Italiana Shiatsu Do, Musica & Vita.

“E’ molto importante il contributo che questa festa riuscirà a dare all’associazione Accoglienza, un’associazione che da anni lavora in modo silenzioso e attivo nel campo del volontariato”, ha spiegato Ferdinando Sandroni, delegato del sindaco all’Associazionismo e alla Cooperazione Internazionale.

“Il nostro intento è di unire l’aspetto delle beneficenza al ricordo di una persona speciale come Pier Giovanni Barigazzi. Questa sarà una giornata dedicata alle famiglie” ha detto Rose Ricaldi.

“Il progetto nasce dalla volontà di ricordare una persona speciale che ha dato tanto a Parma” ha aggiunto Andrea Corò, presidente dell’associazione Portos.

“L’affido è un impegno bellissimo dal quale si riceve molto di più di quanto si dà” ha concluso Anita Gratland, presidente dell’associazione “Accoglienza”.