NOTIZIE / 28.01.16 / CULTURA

“Che non abbiano fine mai…”

Sabato 30, alla Casa della Musica, lo spettacolo di e con Eyal Lerner, nell'ambito delle celebrazioni della Giornata della Memoria.

casa della musica

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma, in stretta collaborazione con il Liceo Classico G.D. Romagnosi e il Liceo Scientifico Musicale A. Bertolucci celebrerà la Giornata della Memoria 2016 con uno spettacolo che vedrà protagonista il flauto e la voce di Eyal Lerner e la musica e le parole di giovani studenti.

Una messa in scena inedita, come prevede il “progettomemoria” del maestro Lerner: ogni città contribuisce con giovani talenti alla proposta di un recital dedicato a tramandare quella cultura ebraica che voleva essere annientata e a figure di ebrei che si sono distinti nell’opporsi alla Shoah. A Parma saranno una decina musicisti (clarinettisti, un chitarrista, un mandolinista, un percussionista) del Liceo Scientifico musicale A. Bertolucci e le voci narranti degli studenti dei corsi di Teatro del Liceo Classico G.D. Romagnosi.

“Che non abbiano fine mai…” è il verso di una poesia di Chana Senesh. Saranno gli scritti della giovane poetessa ungherese e quelli di Enzo Sereni che tracceranno la strada per una Giornata della Memoria fra musica e racconti in programma presso la Sala dei Concerti della Casa della Musica sabato 30 Gennaio alle 17. Le note gioiose della tradizione popolare ebraica e del klezmer dell’est Europa, le voci di giovani testimoni concretizzeranno un percorso di vita e memoria, che vince sulle atrocità della storia.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.