NOTIZIE / 29.10.19 / LAVORI PUBBLICI

I Chiostri del Correggio

Progetto di rigenerazione urbana dell'ex convento di San Paolo, sopralluogo di Sindaco, Assessori e Presidente Bonaccini.

Pizzarotti Alinovi Casa Guerra Chiostri w1.jpg

Prende forma “I Chiostri del Correggio”, progetto di rigenerazione urbana con importanti risvolti in ambito culturale, turistico e per l'innovazione tecnologica.

Prende forma“I Chiostri del Correggio”: progetto di rigenerazione urbana dell'ex convento di San Paolo, con importanti collegamenti trasversali ai temi della cultura, del turismo, dell'enograstranomia e dell'innovazione tecnologica.

Lo stato di avanzamento dei lavori è stato illustrato dall'Assessore ai Lavori Pubblici, Michele Alinovi, questa mattina, durante un sopralluogo, alla presenza del Presidente Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini; del Sindaco, Federico Pizzarotti; di Cristiano Casa, Assessore al Turismo e Progetto Unesco del Comune di Parma e di Michele Guerra, Assessore alla Cultura del Comune di Parma. Con loro anche l'architetto Paola Madoni, funzionario della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Parma e Piacenza.

Il Presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, ha così commentato il sopralluogo al cantiere: “Si tratta di un progetto di rigenerazione urbana di grandissima rilevanza che dimostra, ancora una volta, come sia importante usare bene, e nella loro totalità, i Fondi europei. E questo per noi è sempre stato un obiettivo prioritario, perché si traduce poi in opportunità e occasioni di qualificazione delle nostre comunità. E l’intervento messo in campo a Parma va direttamente in questa direzione. Tutto questo consente anche di contribuire allo sviluppo sostenibile delle nostre città, un obiettivo che si raggiunge anche ridando vita a luoghi di grande valore storico, rafforzando, come è in questo caso, l’identità culturale di Parma. Obiettivo ancor più importante alla vigilia di Parma capitale italiana della cultura”.

“Siamo orgogliosi di come stanno procedendo i lavori – ha aggiunto il Sindaco, Federico Pizzarotti, - che permetteranno il recupero di un luogo che attraversa la storia della città e che abbiamo intenzione di far rivivere”.

“Il progetto di recupero dell'ex convento di San Paolo – ha sottolineato l'Assessore ai Lavori Pubblici, Michele Alinovi - restituisce alla città un patrimonio storico monumentale che era da anni in stato di abbandono. I lavori in corso, nell'ambito del progetto “I Chiostri del Correggio”, costituiscono il secondo stralcio degli interventi messi in atto dall'Amministrazione per dare un futuro al complesso di San Paolo, grazie ai finanziamenti regionali che ammontano ad oltre 3 milioni e 200 mila euro. Il complesso, una volta ristrutturato, ospiterà funzioni legate alla cultura, al l'enogastronomia con il Parma Gastronomy Hub e laboratori. La conclusione degli interventi è prevista per l'autunno del prossimo anno. A questo si aggiunge la scoperta, durante i lavori, di una pregevole serie di affreschi, proprio grazie ai restauri in corso”.

Paola Madoni, funzionario della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Parma e Piacenza, è intervenuta proprio sul tema degli affreschi ritrovati. “Il restauro del chiostro della fontana – ha spiegato – va considerato nell'ambito del storia del complesso di San Paolo ed ha portato al rinvenimento di interessanti novità legate agli affreschi in parte di origine risalente in parte al millequattrocento ed in parte al milleseicento”.

“Si sta per realizzare uno dei Distretti Socio Culturali a cui si è ispirato il progetto di candidatura di Parma Capitale Italiana della cultura per il 2020 – ha rimarcato l'Assessore alla cultura, Michele Guerra - . Si tratta di un progetto in cui convergono saperi diversi: da quello della ricerca universitaria a quello della promozione gastronomica, fino al recupero ed alla valorizzazione della storia artistica e culturale di questi luoghi”.

Soddisfazione è stata espressa dall'Assessore al Turismo e Progetto Unesco del Comune di Parma, Cristiano Casa, che ha dichiarato: “L'obiettivo è che questo luogo straordinario diventi la città della gastronomia, ovvero uno spazio in cui il progetto di candidatura di Parma Città Creativa per la Gastronomia Unesco trovi il proprio sviluppo”.

Si tratta di uno degli interventi di maggior rilievo messi in atto dal Comune di Parma nel tessuto urbano della città, grazie al finanziamento di 3.270.000 euro nell'ambito dei fondi regionali (Regione Emilia Romagna) PorFESR – Piano Operativo Regionale Fondi Europei – Asse 6 Città Attrattive e Partecipate 2014 – 2020 – fondi stanziati a livello europeo per progetti di strategie di sviluppo urbano sostenibili. Il progetto rientra nella politica dei Distretti socio-culturali attivata dal Comune di Parma con l’obiettivo strategico dell’innalzamento del livello di attrattività della città. Il riconoscimento di Parma Città Creativa per la Gastronomia Unesco, la realizzazione a Parma del Parma Gastronomy Hub ed il riconoscimento di Parma Capitale Italiana della Cultura per il 2020, sono tutti temi che entrano appieno negli interventi messi in atto per fare dell'ex Complesso di San Paolo un polo culturale e di aggregazione sociale. Al momento si è concluso il primo stralcio del lavori, finanziati direttamente dal Comune, per un importo pari a 500 mila euro, con il rifacimento di una porzione importante dei tetti che sovrastano il vasto reticolo di collegamenti del complesso. A questo si aggiunge l'importante restauro che ha interessato la torre campanaria del complesso.

Il secondo stralcio, in corso di realizzazione, è quello più consistente con costi pari a 3.270.000 euro. Gli interventi sono attuati da Parma Infrastrutture Spa. I lavori interessano il restauro del Chiostro della Fontana, dei locali afferenti ai suoi percorsi perimetrali sia a piano terra che al piano primo, nonché il recupero dei vani del primo piano sovrastanti la Biblioteca Guanda. I lavori nell’antica cappella del primo piano ne prevedono la trasformazione in caffè letterario con un affaccio sul giardino di San Paolo. Sempre al primo piano, i locali saranno suddivisi tra Open Labs e Fondazione Parma Unesco Creative City of Gastronomy. Il restyling interessa anche i perimetri esterni con un intonaco omogeneo, la sistemazione delle crepe, delle colonne in arenaria al piano terra, degli elementi lapidei, delle cornici delle finestre e la sostituzione dei vetri. Il caffè letterario ha una posizione baricentrica, tra biblioteca Guanda, Open Labs, uffici Fondazione Parma Unesco Creative City of Gastronomy e il parco. La rifunzionalizzazione dei locali ha comportato l’installazione di un ascensore accessibile anche alle persone con disabilità. Il progetto di recupero è stato approvato dalla Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici, è stato curato per quanto riguarda il restauro architettonico dallo studio Bordi Rossi Zarotti e per la parte strutturale dallo studio Ar.Tec ingegneria e architettura Srl, entrambi di Parma.

Il progetto “ I Chiostri del Correggio – Parma Cultura dell’eccellenza agroalimentare” è stato declinato attraverso l’individuazione di una strategia di sviluppo urbano sostenibile, così come richiesto dalla Regione, nell’ambito dei finanziamenti indiretti europei. In particolare la Regione ha richiesto di individuare una strategia che si basi sull’innalzamento di attrattività della città, rafforzando le identità culturali ed agendo in modo integrato sulla messa a disposizione di servizi avanzati e competenze innovative (ICT – Information Communciation Technology), attraverso la creazione di “laboratori aperti” e sulla valorizzazione degli attrattori culturali, che rappresentano una leva di nuova identità territoriale. In questo senso la strategia che sottende il progetto per il recupero funzionale del complesso monumentale dell'ex monastero si fonda sull’obiettivo di fare del San Paolo il nucleo centrale di un nuovo sistema culturale integrato.


Per poter commentare devi essere residente nel Comune di Parma e registrato sul portale!
Effettua il Login oppure Registrati
Numero Unico 0521 40521
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014