NOTIZIE / 20.07.20 / MOBILITÀ E TRASPORTI

Webinar: la riforma della Mobilità Elettrica

Parma sarà Capitale della Mobilità elettrica in arrivo una rete capillare di 60 colonnine per la ricarica, di cui 9 fast.

rete2fn.jpg

Illustrato oggi durante il webinar organizzato dal Comune di Parma l’ambizioso piano di installazione di una rete di ricarica elettrica capillare e all’avanguardia realizzato in collaborazione con Be Charge.  Webinar visibilie qui: https://drive.google.com/file/d/1lmjvarkYP37eIQs6aeGn5puNmIeXGQG9/view?usp=sharing 

Lo hanno annunciato oggi il Sindaco Federico Pizzarotti e l’Assessore alle politiche di sostenibilità ambientale del Comune di politiche di sostenibilità ambientale, Tiziana Benassi, ha illustrato come sia stato possibile dotarsi di importanti infrastrutture di ricarica senza il ricorso a fondi pubblici. Roberto Colicchio, Head of Business Development Be Charge, ha sottolineato il ruolo determinante dei Comuni negli scenari presenti e futuri della mobilità elettrica post Covid-19.

Il Comune di Parma, con la collaborazione di Be Charge, ha dato il via alla realizzazione di una rete di ricarica per veicoli elettrici che prevede 30 stazioni per 60 punti di ricarica, anche Fast Charge a 100 kW. Lo hanno annunciato oggi il Sindaco Federico Pizzarotti e l’Assessore alle politiche di sostenibilità ambientale del Comune di Parma, Tiziana Benassi, che hanno illustrato durante una conferenza stampa telematica come sia stato possibile dotarsi di questa importante e capillare infrastruttura di ricarica in tempi brevi e senza il ricorso a fondi pubblici. Questa rappresenta la prima fase attuativa di un progetto di elettrificazione che vedrà la luce nei prossimi mesi per un totale di 51 nuove stazioni per 102 nuovi punti di ricarica da aggiungersi alle 10 stazioni già funzionanti sul territorio comunale, così come approvato con Delibera di Giunta n.342 del 23/10/2019 a cui è seguito opportuno Bando per manifestazione di interesse pubblico, che ha visto l’aggiudicazione a due operatori economici del settore – Be Charge per 30 stazioni ed Enermia per 21 stazioni. Nessun costo per il Comune di Parma, frutto di un lavoro progettuale e amministrativo che è durato più di 1 anno.

Be Charge parte per primo e installerà entro fine ottobre 2020 n.9 stazioni a ricarica superapida (FAST charge da 50 Kilowatt) e n.21 stazioni a ricarica media (Normal). Le stazioni FAST, che coprono i principali parcheggi scambiatori, ricaricano un’auto media in mezzora mentre le Normal richiedono due/tre ore. Già alcune di queste prime 30 stazioni sono posizionate nelle principali frazioni del territorio comunale (Corcagnano, San Prospero, Baganzola, Vicofertile), a seguire anche le altre minori.

«Siamo orgogliosi di essere uno tra i primi Comuni Emiliani – ha dichiarato Tiziana Benassi, Assessore alle politiche di sostenibilità ambientale del Comune di Parma – a dotarci di una così capillare rete di ricarica per veicoli elettrici. Nella riforma della mobilità che il Comune di Parma sta attuando, l’elettrico ha un ruolo importante. È una valida soluzione per ridurre l’inquinamento atmosferico e acustico, migliorando qualità dell’aria e vivibilità. È una valida soluzione per chi si muove in città (i veicoli elettrici hanno accesso al centro storico, anche nelle domeniche ecologiche, possono transitare nelle corsie preferenziali dei bus e non pagano le sosta nelle righe blu) ed è un’opportunità per rendere il nostro territorio una meta più appetibile per il turismo, anche internazionale».

«Il nostro piano di sviluppo– ha commentato Paolo Martini, A.D. di Be Charge – è ambizioso: contiamo di installare circa 30.000 punti di ricarica sull’intero territorio nazionale nei prossimi 3-5 anni che erogheranno energia al 100% proveniente da fonti rinnovabili, per un investimento complessivo superiore ai 150 milioni di euro. Non a caso, abbiamo anche ottenuto un finanziamento di 25 milioni di euro dalla Banca Europea per gli Investimenti (BEI), ma il ruolo dei Comuni resta centrale per consentire tale sviluppo perché soltanto con la collaborazione delle amministrazioni territoriali potremo realizzare l’infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici necessaria al nostro Paese».

Localizzazione delle stazioni di ricarica Be Charge nel Comune di Parma


Località

Indirizzo

Stazioni di ricarica

Punti di ricarica

Parma

Via la Spezia, 138/A       - PARK SCAMBIATORE CAVAGNARI 100KW

1

2

Parma

Viale della Villetta, 29B – parcheggio scambiatore

1

2

Parma

Viale Antonio Fratti

1

2

Parma

Via Pò - via Langhirano – parcheggio scambiatore

1

2

Parma

Via Toscana – Polo scolastico / Auditorium

1

2

Parma

Strada Argini, 10

1

2

Parma

Via Emilia Ovest / Largo Remo Coen – parcheggio scambiatore

1

2

Parma

Via Volturno – parcheggio Ospedale

1

2

Parma

Strada dei Mercati

1

2

Parma

Via Silvio Pellico – Palasport  - PARK SCAMBIATORE 100KW

1

2

Parma

Via Sandro Pertini, 14/A – Parcheggio Esselunga –  100KW

1

2

Parma

Piazzale Volta

1

2

Carignano

Carignano FRAZIONE CORCAGNANO 100KW

1

2

SanProspero

SanProspero – FRAZIONE SAN PROSPERO

1

2

Baganzola

Baganzola – FRAZIONE BAGANZOLA

1

2

Vicofertile

Vicofertile – FRAZIONE VICOFERTILE

1

2

Parma

Via Emilio Lepido – Parcheggio scambiatore Est

1

2

Traversetolo

Str. Traversetolo – Centro Eurosia

1

2

Langhirano

Str. Martinella – Parcheggio Scambiatore Sud 100KW

1

2

Parma

Via Worms – Tangenziale nord SS62

1

2

Parma

Imbocco Tangenziale nord – parcheggio scambiatore

1

2

Parma

Via S. Leonardo, 69/A – area ingresso Rugby

1

2

Parma

Via Scola – parcheggio scambiatore

1

2

Parma

Largo Benito Jacovitti, 11/A - Loc Str. Ugozzolo

1

2

Parma

Via Emilia est / Strada Quarta

1

2

Parma

Via Rocco Bormioli, 33/A – 100KW

1

2

Parma

Via Emilia Est, 7B – Barilla Center La Galleria 100 KW

1

2

Parma

Piazza Ghiaia

1

2

Parma

Viale Antonio Gramsci, 26

1

2

Parma

Via Jacopo Zanguidi, 2

1

2

TOTALE

30

60


Come dotarsi di una rete di ricarica pubblica – I vantaggi per i Comuni e i cittadini

Dotarsi di una rete di ricarica per veicoli elettrici è per il Comune uno strumento ideale per diventare un polo attrattore per la «comunità elettrica», in costante crescita nel nostro Paese. La realizzazione di una rete di ricarica capillare non richiede alcun ricorso a fondi pubblici in quanto gli investimenti sono effettuati dall’operatore privato partner del Comune, così come i costi operativi.

La rete di ricarica diventa un «hub» intorno al quale è possibile sviluppare nuove attività economiche tradizionali e/o innovative (ad es. servizi di car sharing, turismo sostenibile, attività commerciali). Il Comune potrà inoltre monitorare l’utilizzo e lo stato delle colonnine ed utilizzare i dati di ricarica (anonimi) per conoscere meglio i propri flussi di traffico, miglioramento così la «pagella di sostenibilità ambientale» sul suo territorio e migliorando la qualità dell’aria.

Per il cittadino, una rete di ricarica capillare costituisce un forte incentivo ad acquistare un veicolo elettrico che potrà ricaricare – senza ansia da autonomia – in modo semplice e veloce grazie al servizio altamente digitalizzato ed integrato con servizi di navigazione. Il cittadino potrà muoversi con maggiore facilità sul territorio nazionale utilizzando una rete di ricarica compatibile con quella del proprio Comune di residenza, beneficiando anche delle scontistiche/promozioni che le attività commerciali in prossimità delle colonnine vorranno offrire sotto forma di coupon digitali da utilizzare durante il tempo di ricarica.

Dopo un primo sopralluogo del distributore di energia, parte il processo di progettazione (SCIA) e l’installazione delle stazioni di ricarica, il relativo allaccio alla rete elettrica per arrivare al collaudo e all’attivazione dei punti di ricarica. Dalla sottoscrizione del protocollo d’intesa, l’intero processo richiede 60 – 120 giorni.

Come effettuare la ricarica

Per effettuare una ricarica alle stazioni di ricarica Be Charge è sufficiente installare e registrarsi sull’App «BeCharge» scaricabile gratuitamente dagli AppStore Google Play e Apple App Store. Attraverso l’App è inoltre possibile visualizzare la mappa di tutte le stazioni di ricarica Be Charge sul territorio, verificare la disponibilità in tempo reale e la tipologia di presa dei vari punti di ricarica, oltre che il prezzo in €/kWh erogato. Il costo della ricarica verrà direttamente addebitato sulla carta di credito associata all’account dell’utente. Se il dispositivo è dotato di navigatore (Google Maps o Mappe di Apple) è inoltre possibile ottenere le istruzioni di guida per raggiungere le singole stazioni di ricarica. Una volta attivata la ricarica è possibile monitorarne l’avanzamento direttamente dall’App. Il call center  è sempre disponibile 24/7 al numero 02-87119401.

A tutela dei propri clienti Be Charge raccomanda di seguire tutte le indicazioni e le prescrizioni previste da ISS in attività simili, sia prima di avviare una sessione di ricarica sia quando si è terminato il rifornimento, come ad esempio l’utilizzo di guanti mono-uso.

Be Charge presente in modo capillare in tutta Italia

Be Charge interloquisce su tutto il territorio nazionale sia con amministrazioni pubbliche sia con soggetti privati (grandi e piccoli) con parcheggi ad accesso pubblico come la grande distribuzione organizzata (GDO), catene di ristorazione, hotel, centri sportivi, ecc. Seguendo i principi di affidabilità, interoperabilità, capillarità e resilienza, Be Charge punta ad installare la colonnina giusta nel posto giusto: Quick Charge da 22 kW nelle aree urbane e Hyper Charge fino a 300 kW DC nelle aree extraurbane di scorrimento.

Tra le varie installazioni Be Charge sta realizzando numerose stazioni di ricarica (anche fast charge) in alcuni grandi comuni italiani come Torino (oltre 300 punti di ricarica), Milano (309), Roma (320) e Rimini (100). Nei parcheggi di interscambio dell’ANM di Napoli Be Charge installerà 120 stazioni di ricarica (240 punti di ricarica) con un bando privato-pubblico. I primi 30 punti di ricarica sono stati istallati a Bologna ed altri progetti sono stati approvati o sono in fase di approvazione per l’installazione di ulteriori punti di ricarica. Treviso può contare su 94 Punti di ricarica installati e operativi.

A testimonianza della capillarità della rete Be Charge, i comuni interessati dall’installazione di punti di ricarica comprendono realtà territoriali di grandi, medie e piccole dimensioni, dal Centro-Nord (Parma, Tortona, Pesaro, Chieti, Pescara, Sassuolo) al Sud (Termini Imerese, Marsala, Monopoli, Cerignola), oltre che consorzi di comuni come il Consvipo, Consorzio per lo sviluppo del Polesine, I borghi più belli della Sicilia e i Comuni della Valle d’Aosta.

Nel proprio piano di sviluppo Be Charge ha trovato l’appoggio di varie utilities territoriali quali, ad esempio, Ascotrade (Veneto) e CVA (Valle d’Aosta) con le quali sono state strette delle forti partnership per la copertura dei territori di riferimento con lo sviluppo attivo della rete, così come con gestori di grandi flotte elettriche come, ad esempio, E-Vai in Lombardia e Sicily by Car in Sicilia. L’attività di sviluppo della rete sta proseguendo con l’obiettivo di coprire tutto il territorio. Be Charge ha già raggiunto accordi per la fornitura di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici con i comuni di Biella e provincia (106), Cesenatico (20) e Piacenza.

Be Charge è una società del Gruppo Be Power S.p.A. dedicata alla diffusione delle infrastrutture di ricarica per la mobilità elettrica. Be Charge sta sviluppando uno dei maggiori e più capillari network di infrastrutture di ricarica pubblica per veicoli elettrici in Italia per dare un contributo decisivo allo sviluppo di un sistema di mobilità sostenibile. Grazie ad una piattaforma sviluppata internamente e tecnologicamente avanzata Be Charge è in grado di offrire un servizio di ricarica efficiente a tutti i possessori di veicoli elettrici, e di ricaricare su tutto il territorio nazionale. Nell’ambito della filiera di settore, Be Charge riveste sia il ruolo di gestore e proprietario della rete di infrastruttura di ricarica (CPO – Charge Point Operator) che quello di fornitore di servizi di ricarica e mobilità elettrica che si interfaccia con gli utilizzatori di veicoli elettrici (EMSP - Electric Mobility Service Provider). Tutte le stazioni di ricarica sono smart ed user-friendly, monitorate 24 ore su 24 da un help desk e accessibili tramite l’applicazione per dispositivi mobili BeCharge. Le stazioni di ricarica Be Charge sono di tipo Quick (fino a 22 kW) in corrente alternata, Fast (fino a 150 kW) o HyperCharge (superiori a 150 kW) in corrente continua Il piano industriale di Be Charge prevede l'installazione nei prossimi anni di circa 30 mila punti di ricarica che erogheranno energia al 100% green, proveniente da fonti rinnovabili.

ALLEGATI |

>> rete2.jpg (176 KiB)


Per poter commentare devi essere residente nel Comune di Parma e registrato sul portale!
Effettua il Login oppure Registrati

ordina per

|
Spettabile Comune,
Ho letto con interesse questa notizia. Purtroppo da cittadino di Parma mi sento il dovere di non condividere affatto la scelta.
Innanzitutto esistono oggi alcuni punti di ricarica che sono inutilizzati totalmente ( accetto smentite...ma ad esempio quello di lidl in zona Cavagnari è sempre vuoto).
La mobilità elettrica purtroppo non è affatto green: si sposta nel tempo e nello spazio il problema , ma non lo si riduce.
Inoltre all'interno delle nostre città, viste le percorrenze medie dei cittadini, l'ansia da ricarica mi sembra proprio l'ultimo dei problemi: i mezzi elettrici oggi disponibili, a 4 ruote, hanno autonomia sufficiente per coprire l'utilizzo giornaliero.
Mi sembra una scelta vecchia e poco rispettosa dell'ambiente, sopratutto non è volta a disincentivare l'utilizzo dell'auto o dei mezzi privati o della bici.
Questo è il mio parere , di cittadino che cerca faticosamente tutti i giorni di lasciare l'auto in garage ( con scarsissimo successo) .
Numero Unico 0521 40521
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014