NOTIZIE / 10.09.21 / CULTURA

«Città della Memoria»

Torna il progetto per la valorizzazione del patrimonio storico-artistico del Cimitero Monumentale della Villetta: da settembre a ottobre visite guidate, concerti, letture poetiche e commemorazioni.

Villetta (2) w

«Città della Memoria»: al via gli appuntamenti della quindicesima edizione tra, poesia, musica, scultura e architettura

Torna il progetto per la valorizzazione del patrimonio storico-artistico del Cimitero Monumentale della Villetta: da settembre a ottobre visite guidate, concerti, letture poetiche e commemorazioni sui “luoghi del ricordo”.

Torna a riaprirsi il “libro di pietra” del Cimitero Monumentale della Villetta: dopo la forzata pausa primaverile, prende il via sabato 18 settembre la quindicesima edizione di «Città della Memoria», il progetto per la valorizzazione del patrimonio storico-artistico conservato nei luoghi del ricordo di Parma, promosso da Ade SpA con la collaborazione del Comune di Parma e coordinato dallo storico Giancarlo Gonizzi.

«Anche nel 2021, e per il quindicesimo anno consecutivo – spiega Stefano Mendogni, nuovo amministratore unico della società di gestione dei cimiteri di ParmaAde S.p.A. ha voluto dare continuità a questo progetto, particolarmente apprezzato dai nostri utenti, che allinea la Villetta ai grandi cimiteri monumentali italiani ed europei. Soprattutto in un anno segnato in maniera particolare dalla pandemia le iniziative che valorizzano l’identità culturale della nostra comunità e che permettono di “leggere” la nostra storia assumono un significato del tutto distintivo e rilevante. Pur nella accorta gestione delle risorse pubbliche, l’obiettivo è offrire a tutti i cittadini una nuova conoscenza del cimitero avvicinandoli alle espressioni culturali e artistiche di cui questo è ricco, in particolare mediante l’arte, la storia, l’architettura, la musica... Abbiamo anche reso permanenti e quindi fruibili turisticamente, alcuni dei percorsi più significativi elaborati nel corso del tempo. Oltre a quelli sulla storia della Villetta e dei musicisti illustri, sono operativi i percorsi dedicati ai pittori famosi, ai Caduti della prima Guerra Mondiale, agli architetti e agli stili, tutti fruibili con smartphone a partire da questo anno in cui Parma è Capitale italiana della cultura».

«Il Monumentale di Parma – ricorda lo storico Giancarlo Gonizziè un vero e proprio “museo” all’aperto, che permette di scoprire l’evoluzione della comunità cittadina dai primi anni dell’Ottocento ad oggi, con attenzione non solo alla storia delle arti, dell’architettura e del mito, ma anche ai cambiamenti dei modi di condivisione delle emozioni, dei linguaggi e delle varie forme di rapporto tra la “città dei vivi” e la “città dei morti”. Il cimitero, quindi, oggi non è più solo il luogo dove si ricordano i propri cari, ma diventa lo spazio della memoria collettiva della città. Andando oltre, è il luogo dove la città riscopre la propria identità e si racconta».

IL PROGRAMMA 2021

Pur limitato ai mesi di settembre e ottobre, è particolarmente ricco il programma del 2021 – elaborato grazie alla collaborazione delle Guide di Parma e dell’Ensemble musicale Silentia Lunae – che propone, fra visite, commemorazioni e concerti, otto appuntamenti che coinvolgono diverse realtà cittadine. Tutti gli incontri sono programmati alle 10,30 ed è richiesto l’uso della mascherina.

Il programma parte sabato 18 settembre con il tradizionale appuntamento de “L’antica parlata”, sotto forma di percorso itinerante alle sepolture di poeti e scrittori che riposano in Villetta e che hanno tramandato negli anni l’antica parlata parmigiana, ritmato dalle letture di Enrico Maletti di alcune delle più belle pagine dialettali. Da Pezzani (di cui ricorre quest’anno il settantesimo anniversario della morte) a Zerbini, a Vicini, da Pedraneschi a Bertozzi a Tamburini un viaggio alle radici della parmigianità.

Sempre ai poeti, ma in lingua italiana, è dedicato il percorso “Infinita poesia” curato da Luca Ariano e Giancarlo Baroni con i brani musicali di accompagnamento eseguiti dall’Ensemble Silentia Lunae.

La musica sarà il filo conduttore anche degli incontri tra settembre e ottobre:

Sabato 25 settembre, in occasione del bicentenario della nascita di Giovanni Bottesini (1821-1889), presso la Galleria Sud, ove riposa il grande violoncellista che fu anche Direttore del Conservatorio di Parma, verrà proposto – su musiche originali di Bottesini eseguite dall’Ensemble Silentia Lunae – un concerto del tutto particolare e raffinatissimo. Verranno proposte: le Notti d'Oriente, di gusto particolarmente fantasioso, sul tema della notte, del mistero; l'oratorio The Garden of Olivet composto a Birmingham su testo inglese di Joseph Bennet, raramente eseguito, con arie di suggestiva bellezza; la romanza Il Fantasma, ispirata al celeberrimo Erlkoenig di Franz Schubert, e La cloche du village, in francese, insieme a liriche per soprano, pianoforte e contrabbasso, a comporre un mosaico che offra uno sguardo sul mondo intimistico di Bottesini e sull'evoluzione del gusto nella "musica da camera" attraverso tutto l'Ottocento. Il progetto nasce da una collaborazione con il Castello della Musica di Noceto e l'associazione Silentia Lunae e si propone di valorizzare e celebrare la figura di Bottesini attraverso un'incisione discografica di brani rari e diverse iniziative in ambito cittadino. “Parma e i fati del melodramma” farà scoprire domenica 26 settembre i personaggi del melodramma, ovvero le loro suggestioni, nel marmo e nel bronzo del Monumentale anche attraverso le note immortali eseguite da Silentia Lunae.

Domenica 3 ottobre, torna “Note della memoria”, un viaggio alla scoperta dei grandi musicisti e cantanti sepolti al Monumentale accompagnato dal suggestivo concerto itinerante dell’Ensemble Silentia Lunae, organizzato in occasione del Festival Verdi in collaborazione con la Fondazione Teatro Regio e le Guide Turistiche di Parma. Mentre domenica 10, alle 09.30 si terrà “La memoria degli eroi - Commemorazione dei Caduti di Russia”, organizzata in collaborazione con UNIRR Parma.

Il mese di ottobre prevede tre incontri accomunati dal tema “dalla terra al cielo” e legati al simbolismo: domenica 10 verranno approfonditi “universo maschile e universo femminile tra immagini e scritture” presenti nelle sepolture del Monumentale anche grazie alle note dell’Ensemble Silentia Lunae; domenica 17 un percorso alla scoperta delle più importanti “Famiglie religiose di Parma alla Villetta” lungo gli archi dell’ottagono, mentre domenica 24 ottobre il percorso conclusivo “la luce sulla pietra” ripercorrerà la simbologia della luce e della fiamma che accompagnano il defunto nel cammino verso l’eternità.

Un ricco calendario di appuntamenti che ci permette di riscoprire le nostre radici e di far tesoro di storie e di valori condivisi dai parmigiani per secoli e sempre attuali.

 Per informazioni sul programma di “Città della Memoria”:

www.adespa.it

Ade: 0521 964042

Ove non diversamente indicato, le manifestazioni hanno inizio alle ore 10,30 in punto. Si consiglia di arrivare dieci minuti prima dell’inizio e, per le visite, di indossare scarpe comode. Le visite si tengono anche in caso di maltempo su percorsi al coperto. È indispensabile la mascherina.


Per poter commentare devi essere residente nel Comune di Parma e registrato sul portale!
Effettua il Login oppure Registrati
Numero Unico 0521 40521
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014