NOTIZIE / 30.03.22 / WELFARE

Azioni a sostegno della domiciliarità

Sportello CLISSA e Albo comunale di assistenti famigliari al servizio dei bisogni delle famiglie: le azioni di sostegno a favore dei caregiver di persone anziane e con disabilità.

sportello clissa e domiciliarità

Sono state presentate questa mattina dall’Assessora al Welfare Laura Rossi, da Gianluca Borghi, Amministratore Unico di ASP Parma, e da Elisabetta Scoccati, Direttrice generale Asp, le azioni di sostegno a favore dei caregiver delle persone anziane e con disabilità che vanno ad ampliare gli interventi già attivi, partendo dalla consapevolezza che le famiglie ritengono la casa il luogo di elezione per la cura dei propri famigliari e considerando che la situazione pandemica ha inoltre generato una ulteriore spinta in questa direzione. 

Il Comune di Parma, in qualità di capofila del Distretto socio sanitario, ha rinnovato fino al 30 novembre 2023 la convenzione con ASP Parma per la realizzazione di Servizi integrati per la domiciliarità, a partire dallo Sportello Assistenti Familiari CLISSA.

Negli anni lo Sportello ha sviluppato diversi interventi per rispondere ai bisogni che si andavano evidenziando, in particolare rispetto alla formazione delle Assistenti Familiari.

“In questi anni – ha esordito l’assessora Laura Rossi – abbiamo innovato i servizi, investendo sulla formazione, incrementando e migliorando le opportunità e le offerte, al di là dell’assistenza domiciliare professionale, con l’obiettivo di far sì che le persone anziane e con disabilità possano rimanere a casa, in un ambiente di qualità di vita sicuramente migliore. Un impegno che portiamo avanti da anni e che guarda al futuro, grazie all’intensa collaborazione con Asp ma anche con le realtà del privato e delle associazioni”.

Negli anni lo Sportello ha sviluppato diversi interventi per rispondere ai bisogni che si andavano evidenziando, in particolare rispetto alla formazione delle Assistenti Familiari.

Come hanno spiegato Gianluca Borghi, Amministratore Unico di ASP, e Elisabetta Scoccati, Direttrice generale Asp, negli anni sono stati 20 i corsi di base attivati, di cui 2 relativi all’ambito della disabilità intellettiva, formando 344 assistenti familiari di base e qualificando per la disabilità 20 persone.

Negli anni sono stati 20 i corsi di base attivati, di cui 2 relativi all’ambito della disabilità intellettiva, formando 344 assistenti familiari di base e qualificando per la disabilità 20 persone.

Le famiglie di persone anziane che si sono rivolte allo Sportello per avere una consulenza sono più di 600 e quasi due terzi quelle che hanno richiesto di individuare una assistente familiare.

Oltre 400 i monitoraggi degli inserimenti delle badanti sia telefonici che a domicilio.

I percorsi formativi sono già stati programmati anche per l’anno 2022: il primo dei corsi di base si è concluso il 28 marzo mentre il corso di approfondimento sulla demenza inizierà il prossimo 21 aprile.

Da novembre 2021, lo sportello Clissa ha potenziato il proprio intervento sul territorio essendo presente, una volta alla settimana, presso il punto Unico ospedaliero (PUD), con l’obiettivo di essere vicino ai cittadini nel momento della dimissione ospedaliera che rappresenta un evento molto delicato per le famiglie, che a volte si ritrovano improvvisamente a dover ripensare la propria organizzazione.

Per consolidare l’accompagnamento e il sostegno alle famiglie nei momenti di maggiore difficoltà a partire dal mese di aprile 2022 sarà attivo un ulteriore intervento, ovvero un Albo di Agenzie di somministrazione lavoro per assistenti famigliari.

ASP Parma, nel mese di marzo 2022, ha pubblicato un avviso per l’individuazione delle agenzie interessate a offrire, a una tariffa agevolata, assistenti famigliari con diversi pacchetti orari, consentendo così di rispondere a diverse tipologie di bisogno, dalla convivenza a tariffe orarie settimanali. 

Due le agenzie selezionate: UMANA SpA e FAMILYrl che hanno dimostrato di possedere tutti i requisiti previsti dall’avviso in particolare l’esperienza pluriennale in quest’ambito.

La costituzione dell’albo consentirà quindi di sostenere le famiglie / caregiver / amministratori di sostegno, con tempestività nei momenti critici, per organizzare un progetto assistenziale a tutela della persona fragile e/o non autosufficiente e/o con disabilità, rivolgendosi ad Agenzie qualificate per usufruire di pacchetti assistenziali predefiniti, di breve durata.

I pacchetti assistenziali sono destinati ai cittadini, residenti nel Distretto di Parma, che ne facciano richiesta direttamente all’Agenzia Interinale.

Per i cittadini in condizione di fragilità economica sono previsti contributi economici in base a una valutazione effettuata dagli operatori del Polo Sociale di riferimento del Comune di Parma.

Le agenzie hanno proposto percentuali di sconto diversificate, anche in base all’impegno orario richiesto.

ASP garantirà, con il suo personale, un monitoraggio dell’idoneità delle/degli Assistenti Familiari fornite dalle Agenzie e la collaborazione con le Assistenti Sociali dei Poli Sociali per la valutazione del bisogno assistenziale e l’individuazione degli adeguati pacchetti di intervento.

La collaborazione con le Agenzie di somministrazione consentirà inoltre di intraprendere un ulteriore azione a carattere sperimentale relativa alle “badanti di condominio” che potranno essere inserite nei servizi di housing sociale a supporto delle persone residenti.

L’attenzione dell’Amministrazione Comunale, e di ASP Parma come interlocutore primario nella individuazione e gestione di modelli innovativi dei servizi, si è quindi rivolta in questi anni all’obiettivo di ricercare interventi innovativi, flessibili e di prossimità, inseriti nei contesti comunitari, per accompagnare le famiglie di persone anziane e con disabilità nel mantenere i propri familiari nei contesti di vita, con interventi qualificati e adeguati.

Partecipano | Rossi Laura