NOTIZIE / 11.06.21 / PARMA CITY OF GASTRONOMY UNESCO

Trattorie come una volta

Un nuova guida che raccoglie e custodisce le storie delle trattorie a conduzione famigliare che hanno superato il mezzo secolo di attività.

fototrattorie.jpg

In Emilia, ancor più a Parma, le vecchie trattorie sono un luogo dell’anima. Quelle che ancora sopravvivono anche autentiche custodi di una tradizione culinaria che affonda nelle radici dell’identità e del patrimonio culturale di un luogo così speciale come la Food Valley. L’agile volume “Trattorie come una volta” di Irene Fossa le ha percorse tutte con l’intento di raccogliere testimonianze, profumi, e vicende di quelle che hanno gloriosamente superato il mezzo secolo. Scorrono tra le pagine tempo e profumi con un corredo fotografico di ritratti che si rincorrono dagli esordi alla contemporaneità delle attività.   Lungo i chilometri dei tornanti d’Appennino e dello scorrere lento della Bassa scorrono resistenti tavole veraci. Dalla più antica a Solignano, Alba della famiglia Giovanelli che aprì i battenti nel 1874 alle più recenti, frutto dell’effervescenza del boom che negli anni ’70 si concretizzo’ con tavole apparecchiate dalla trattoria Eletta a Sala Baganza, da Sincero a Medesano e dal ristorante Alpino a Tornolo.

“Un libro che è frutto del viaggio appassionato della una giovane curatrice, Irene Fossa, che si è specializzata in un cultura gastronomica del nostro territorio grazie al Master Comet” sottolinea l’Assessore a Turismo e Progetto Unesco Cristiano Casa “attraverso il racconto di un patrimonio culturale fondamentale. Una ricerca che ci aiuta a preservare la conoscenza storica di competenze che vengono trasmesse di generazione in generazione che il Comune di Parma ha voluto promuovere nell’ambito delle iniziative di Parma Capitale Italiana della Cultura e che sarà un presidio, un possibile custode aperto ai parmigiani, ai gourmet e ai turisti ”.

E’ ancora mantenuta, in ogni tappa di questo viaggio, la promessa di un pranzo senza fronzoli, ma generoso, ricco di cura e di sapori. Un viaggio intrapreso tra curve e tornanti, poiché “gran parte degli esercizi che vengono raccontati nel libro si trovano in località di alta collina, relativamente lontani dalla città. Oasi che meno hanno risentito del rinnovamento dei costumi dal Dopoguerra in poi e dove è stata favorita la conservazione di tradizioni culturali, sociali e, appunto.

“36 trattorie, 36 famiglie di generazione in generazione, 36 modi di accogliere ed interpretare” racconta la curatrice Irene Fossa “E’ stato un viaggio in lungo e in largo attraverso Parma e la sua provincia che mi ha consentito di entrare nelle ricette tradizionali delle trattorie storiche a conduzione famigliare di un territorio che non smette di affascinarmi. 36 incursioni in una storia che spazia dagli Appennini, alla Bassa e alla via Emilia in uno straordinario intreccio di gastronomia, cultura ed identità”.

Un viaggio che racconta trattorie e gestori con competenza e passione tanto da coinvolgere anche Gazzetta di Parma che con entusiasmo lo proporrà da domani in acquisto in abbinamento al quotidiano (prezzo 10 euro). Il titolo “Trattorie come una volta” è la promessa di una storia, non di una fiaba. Una storia che fa parte di un territorio, di una memoria collettiva, di un rito e di un toponimo veracemente parmigiano.

Partecipano | Casa Cristiano

Per poter commentare devi essere residente nel Comune di Parma e registrato sul portale!
Effettua il Login oppure Registrati
Numero Unico 0521 40521
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014