Amministrazione Trasparente

Costi e fabbisogni standard

 

“Il Decreto Legislativo 26 novembre 2010, n. 216 riguardante le “Disposizioni in materia di determinazione dei costi e dei Fabbisogni Standard di Province, Città metropolitane e Comuni” ha la finalità di disciplinare la determinazione dei Fabbisogni Standard per Comuni e Provincie al fine di assicurare un graduale e definitivo superamento del criterio della spesa storica.
Tale processo punta a soddisfare le esigenze dei cittadini promuovendo un uso più efficiente delle risorse pubbliche, in modo da consentire un graduale e virtuoso processo di miglioramento dell’efficienza dei servizi dell’Ente Locale.
L’indagine rivolta ai Comuni ha analizzato le seguenti Funzioni fondamentali:
• Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo;
• Funzioni di polizia locale;
• Funzioni di istruzione pubblica;
• Funzioni nel campo della viabilità e dei trasporti;
• Funzioni riguardanti la gestione del territorio e dell’ambiente;
• Funzioni del settore sociale.
Il Comune di Parma, nel corso del triennio 2011/2013, ha adempiuto alla richiesta di compilazione e trasmissione nel rispetto dei termini di legge.
Nel Supplemento Ordinario n. 26 alla Gazzetta Ufficiale n. 80 del 5 aprile 2013 è stato pubblicato il DPCM del 21.12.2012 recante "Adozione della nota metodologica e del fabbisogno standard per ciascun Comune e Provincia, relativi alle funzioni di polizia locale (Comuni), e alle funzioni nel campo dello sviluppo economico - servizi del mercato del lavoro (Province), ai sensi dell'art. 6 del decreto legislativo n. 216/2010". Ai sensi dell’articolo 2 del predetto decreto i comuni devono dare adeguata pubblicità dello stesso sul proprio sito istituzionale, nonché attraverso le ulteriori forme di comunicazione del proprio bilancio.
L’adottata Nota Metodologica, per quanto riguarda i Comuni, ha per oggetto la determinazione dei Fabbisogni Standard per le Funzioni di Polizia Locale. Si precisa che i Fabbisogni Standard stimati non hanno diretta valenza dal punto di vista finanziario, ma sono solo di ausilio al calcolo dei coefficienti di riparto relativamente alle Funzioni di Polizia Locale.”

“Il Decreto Legislativo 26 novembre 2010, n. 216 riguardante le “Disposizioni in materia di determinazione dei costi e dei Fabbisogni Standard di Province, Città metropolitane e Comuni” ha la finalità di disciplinare la determinazione dei Fabbisogni Standard per Comuni e Provincie al fine di assicurare un graduale e definitivo superamento del criterio della spesa storica.Tale processo punta a soddisfare le esigenze dei cittadini promuovendo un uso più efficiente delle risorse pubbliche, in modo da consentire un graduale e virtuoso processo di miglioramento dell’efficienza dei servizi dell’Ente Locale.


L’indagine rivolta ai Comuni ha analizzato le seguenti Funzioni fondamentali:

• Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo;

• Funzioni di polizia locale;• Funzioni di istruzione pubblica;

• Funzioni nel campo della viabilità e dei trasporti;

• Funzioni riguardanti la gestione del territorio e dell’ambiente;

• Funzioni del settore sociale.Il Comune di Parma, nel corso del triennio 2011/2013, ha adempiuto alla richiesta di compilazione e trasmissione nel rispetto dei termini di legge.


Nel Supplemento Ordinario n. 26 alla Gazzetta Ufficiale n. 80 del 5 aprile 2013 è stato pubblicato il DPCM del 21.12.2012 recante "Adozione della nota metodologica e del fabbisogno standard per ciascun Comune e Provincia, relativi alle funzioni di polizia locale (Comuni), e alle funzioni nel campo dello sviluppo economico - servizi del mercato del lavoro (Province), ai sensi dell'art. 6 del decreto legislativo n. 216/2010".

Ai sensi dell’articolo 2 del predetto decreto i comuni devono dare adeguata pubblicità dello stesso sul proprio sito istituzionale, nonché attraverso le ulteriori forme di comunicazione del proprio bilancio.

L’adottata Nota Metodologica, per quanto riguarda i Comuni, ha per oggetto la determinazione dei Fabbisogni Standard per le Funzioni di Polizia Locale. Si precisa che i Fabbisogni Standard stimati non hanno diretta valenza dal punto di vista finanziario, ma sono solo di ausilio al calcolo dei coefficienti di riparto relativamente alle Funzioni di Polizia Locale.”