Gestione diretta pubbliche affissioni

Di cosa si tratta?

Le pubbliche affissioni nell'ambito del territorio del Comune di Parma costituiscono servizio obbligatorio, di esclusiva competenza del Comune medesimo.

Chi intende fare pubblicità attraverso manifesti deve, prima di inoltrare la richiesta di affissione verificare, anche telefonicamente, la disponibilità degli spazi (cioè degli impianti affissivi), specificando sia il periodo richiesto per l'affissione che la quantità e il formato dei manifesti da affiggere.

Accertata la disponibilità degli spazi, per ottenere il servizio, cioè per un'effettiva prenotazione dell'affissione, occorre presentare apposita richiesta in carta libera (commissione) specificando a pena di nullità :
- le generalità del richiedente
- quantità e formato dei manifesti da affiggere
- indicazione, anche sintetica, del titolo della campagna pubblicitaria
- data di inizio e durata dell'affissione.

L'affissione si intende prenotata e pertanto iscritta nell'apposito registro cronologico, dal momento in cui la richiesta di affissione perviene alla sede di Parma Gestione Entrate S.p.A.

E' considerata valida, ai fini della prenotazione dell'affissione, anche la richiesta anticipata via fax con l'attestazione dell'avvenuto pagamento del diritto.

In caso di commissioni pervenute tramite posta nel medesimo giorno, verrà data la precedenza al committente che richiede l'affissione del maggior numero di manifesti in categoria speciale.

L'accettazione della commissione è in ogni caso subordinata all'accertamento della disponibilità degli spazi affissivi.

Le affissioni sono effettuate secondo l'ordine di prenotazione della commissione pervenuta all'ufficio, annotata sull'apposito registro cronologico.

La successiva integrazione del solo numero dei manifesti, di una commissione già presentata, non costituisce nuova o separata commissione. Tutte le altre variazioni, compresa la modifica del messaggio pubblicitario, sono considerate nuove e distinte commissioni e come tali verranno annotate nell'apposito registro cronologico. Eventuali variazioni o aggiunte da sovrapporre ai manifesti sono considerate nuove e distinte commissioni.


NOTIZIE UTILI

RIDUZIONI DEL DIRITTO (art. 20 D.Lgs. 507/93)

La tariffa per il servizio delle pubbliche affissioni è ridotta alla metà :
a) per manifesti riguardanti in via esclusiva lo Stato e gli Enti pubblici territoriali e che non rientrano nei casi per i quali è prevista l'esenzione ai sensi dell'art. 21 D.Lgs. 507/93;
b) per i manifesti di comitati, associazioni, fondazioni ed ogni altro ente che non abbia scopo di lucro;
c) per i manifesti relativi ad attività politiche, sindacali e di categoria, culturali, sportive, filantropiche e religiose, da chiunque realizzate, con il patrocinio o la partecipazione degli enti pubblici territoriali;
d) per i manifesti relativi a festeggiamenti patriottici, religiosi, a spettacoli viaggianti e di beneficenza;
e) per gli annunci mortuari.

ESENZIONI DAL DIRITTO (art. 21 D.Lgs. 507/93)

Sono esenti dal diritto sulle pubbliche affissioni:
a) i manifesti riguardanti le attività istituzionali del comune da esso svolte in via esclusiva esposti nell'ambito del proprio territorio;
b) i manifesti delle autorità militari relativi alle iscrizioni nelle liste di leva alla chiamata ed ai richiami alle armi;
c) i manifesti dello Stato, delle Regioni, e delle Province in materia di tributi;
d) i manifesti delle autorità di polizia in materia di pubblica sicurezza;
e) i manifesti relativi ad adempimenti di legge in materia di elezioni;
f) ogni altro manifesto la cui affissione sia obbligatoria per legge;
g) i manifesti concernenti corsi scolastici e professionali gratuiti regolarmente autorizzati.

RIMBORSO DEI DIRITTI (art. 22 D.Lgs. 507/93)

Nel caso di mancanza di spazi disponibili o di ritardo nell'effettuazione dell'affissione superiore a 10 giorni o di forza maggiore per avverse condizioni atmosferiche, il committente può annullare la commissione senza alcun onere a suo carico ed il Comune è tenuto a rimborsare le somme versate.
Il committente ha la facoltà di annullare la richiesta di affissione prima che venga eseguita e il Comune è tenuto a rimborsare la metà della somma versata.



Presso la sede di Parma Gestione Entrate S.p.A. sono esposti, per la pubblica consultazione:
- le tariffe del servizio
- l'elenco degli impianti affissivi con l'indicazione della categoria cui appartengono
- l'elenco delle località del territorio comunale in categoria speciale
- il registro cronologico su cui sono annotate le commissioni.

Struttura responsabile

Struttura: S.O. TRIBUTI ED ENTRATE
Referente: REVERBERI ESTER

Data inizio validità : 14/10/2019
Ultimo aggiornamento : 15/10/2019
Riferimenti normativi
  1. Delibera di Consiglio comunale 17 dicembre 2001, n. 372/8 "Regolamento comunale per l'applicazione dell'imposta sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni"
  2. Decreto legislativo 15 novembre 1993, n. 507 "Revisione ed armonizzazione dell'imposta comunale sulla pubblicita' e del diritto sulle pubbliche affissioni, della tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche dei comuni e delle province nonche' della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani a norma dell'art. 4 della legge 23 ottobre 1992, n. 421, concernente il riordino della finanza territoriale"
  3. Tariffe dell'imposta sulle pubbliche affissioni
Numero Unico 0521 40521
santilario 2020.jpg
Logoonline
limitazioni-traffico-parma-2019-2020.png
banner_200x203.jpg
BANNER PORTALE TUTTE LE APP
BANNER_PORTALE WEBCAM 20140714
PARMA-FUTURO-SMART-BANNER-WEB-HOME-COMUNE
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014