Esercizio dell'attività di tintolavanderia

Nuova apertura di esercizio dell'attività di tintolavanderia (SCIA)

Di cosa si tratta?

La Segnalazione Certificata di  Inizio Attività (S.C.I.A.) per l'apertura di una struttura dedicata all’attività professionale di tintolavanderia deve essere effettuata utilizzando l'apposita modulistica (Sezione A), che viene compilata in regime di autocertificazione.
Le dichiarazioni false, la falsità negli atti e l'uso di atti falsi comportano l'applicazione delle sanzioni penali previste dall'art. 76 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445 e delle pene previste dall’art. 19 comma 6 della L. 241/90 e s.m.i. (reclusione da 1 a 3 anni) ove il fatto non costituisca più grave reato.

Quali sono i vincoli per l’accesso al servizio?

Morali : di cui all’art. 67 del D.Lgs 06 settembre 2011, n. 159 e s.m.i. (antimafia)  da autocertificare da parte del dichiarante e di altre persone (amministratori e soci) indicate all'art. 2 del D.P.R. 252/98 e s.m.i., in caso di società: in caso di snc, tutti i soci; in caso di S.a.s., i soci accomandatari, in caso di Società di capitali (S.p.A., S.r.l.) tutti i componenti del Consiglio di Amministrazione;

Professionali: di cui all'art. 2, comma 2, della legge 22 febbraio 2006, n. 84 e Deliberazioni di Giunta Regione Emilia Romagna n. 969/2013 e n. 780/2015: idoneità professionale, comprovata dal possesso di almeno uno dei requisiti di cui alla precitata normativa nazionale e regionale e posseduta da parte di un responsabile tecnico designato nella persona del titolare, di un socio partecipante al lavoro, di un collaboratore familiare, di un dipendente o di un addetto all'impresa.
Detti requisiti non sono richiesti per le lavanderie self-service.

Oggettivi:
rispetto delle norme urbanistiche e di quelle relative alla destinazione d'uso dei locali ed ai regolamenti edilizi, di polizia urbana, annonaria ed igienico-sanitaria .

Qual è la documentazione necessaria?

non obbligatorio Non obbligatori obbligatorio Obbligatori condizionale Obbligatori sotto condizione

  • 1 ) Copia fotostatica del documento d’identità del firmatario
    da presentare qualora il modello non sia firmato digitalmente

  • 2 ) Copia del permesso di soggiorno o carta di soggiorno del firmatario
    per cittadini extracomunitari, anche per chi è stato riconosciuto rifugiato politico

  • 3 ) Procura speciale
    per le pratiche  presentate on-line da un soggetto intermediario

    Scarica .pdf
  • 01 ) Quietanza di versamento diritti di segreteria
  • 2 ) Accettazione di designazione del responsabile dello svolgimento dell’attività professionale di tintolavanderia – come da Quadro A parte integrante del modello
    (ad esclusione dell’attività di self-service)

  • 2 ) Planimetria quotata dei locali oggetto della SCIA in scala 1:100, riportante le quote della superficie dei singoli locali, i rapporti aeranti ed illuminanti, le destinazioni d'uso, la superficie, le altezze dei locali e degli spazi funzionali con indicazione dell’utilizzo, degli arredi e delle attrezzature, sottoscritta da tecnico abilitato
    [da presentare quando trattasi di nuova apertura esercizio, modifiche dei locali/aree]

  • 4 ) Relazione tecnica descrittiva e dettagliata, in carta semplice e sottoscritta dal diretto interessato, in cui risultano indicati: tipologia dell’attività svolta, numero degli addetti con indicazione della competenza professionale, e informazioni sul ciclo produttivo
    ad esclusione dell’attività di self-service

  • 5 ) Autorizzazione di carattere generale
    [per impianti a ciclo chiuso di pulizia a secco di tessuti e di pellami, escluse le pellicce, e le pulitintolavanderie a ciclo chiuso]

  • 6 ) Dichiarazione redatta da professionista abilitato attestante il rispetto delle normative vigenti in materia edilizia e che costituisce certificato provvisorio di conformità / agibilità edilizia, come indicato dall'art. 22, punto 7 bis, della Legge Regione Emilia Romagna 25 novembre 2002, n. 31 e s.m.i.
    [qualora non sia stata compilata la dichiarazione del possesso del CCEA o l’avvenuta presentazione in Comune della dichiarazione redatta di cui al paragrafo 5 del modello]

  • 7 ) Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà relativa agli scarichi di acque reflue domestiche recapitanti in pubblica fognatura
    [qualora non sia stata compilata la dichiarazione del possesso dell'autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche fuori pubblica fognatura del paragrafo 5 del modello]

  • 8 ) dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà relativa alle emissione in atmosfera
    [qualora non sia stata compilata la dichiarazione del possesso dell'autorizzazione alle emissioni in atmosfera del paragrafo 5 del modello]

  • 9 ) dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà relativa alla certificazione della conformità dell’impianto elettrico
    [qualora non sia stata compilata la dichiarazione del possesso della certificazione della conformità dell’impianto elettrico del paragrafo 5 del modello]

  • 10 ) dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà relativa al certificato di prevenzione incendi in caso di installazione di impianti per la produzione del calore (es. essiccatoi a gas combusti ect) di potenzialità termica superiore a 116 Kw,
    [qualora non sia stata compilata la dichiarazione del possesso del certificato di prevenzione incendi del paragrafo 5 del modello]

  • 11 ) dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà relativa ai contratti stipulati con ditte autorizzate allo smaltimento dei rifiuti speciali e/o tossici prodotti dall’attività
    [qualora non sia stata  compilata la dichiarazione del possesso dei contratti con ditte autorizzate smaltimento rifiuti  del paragrafo 5 del modello]

  • 12 ) Dichiarazione di altre persone (amministratori, soci) indicate all’art. 2 D.P.R. n. 252/1998 relativa al possesso dei requisiti morali e copia fotostatica del documento di identità di ogni firmatario - come da Quadro B parte integrante del modulo - ogni amministratore o socio deve compilare il Quadro
    [da presentare quando trattasi di società, associazioni, organismi collettivi già costituiti]

Modalità di presentazione

La SCIA / SCIA Unica / SCIA Condizionata o Comunicazione deve essere presentata tramite Piattaforma Regionale Accesso Unitario accedendo al sito http://www.servizi.comune.parma.it/it-IT/SUAP-Telematico.aspx utilizzando le proprie credenziali


Qual è la tempistica del procedimento?

L’inizio dell’attività può avvenire subito dopo la presentazione al Comune della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.), a condizione che la stessa sia compilata in ogni sua parte e completa degli allegati previsti.
Qualora, in sede di controllo delle Segnalazioni e dei relativi allegati,  emergano carenze dei requisiti e presupposti previsti dalle normative vigenti, il Comune, entro il termine di 60 gg. dal ricevimento della S.C.I.A., adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa, salvo che, ove ciò sia possibile, l’interessato provveda a conformare alla normativa vigente detta attività ed i suoi effetti entro il termine fissato dall’Amministrazione, in ogni caso non inferiore a 30 gg.. E’ fatta salva, comunque, l’applicazione delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. 445/2000 e dall’art. 19 comma 6 della L. 241/90 e s.m.i..

Quali oneri e costi bisogna sostenere?

L'interessato è tenuto alla iscrizione all’Albo delle Imprese Artigiane di cui all’art. 5 della legge 8 agosto 1985 n. 443 e s.m.i. ovvero nel Registro delle Imprese di cui all’articolo 8 della legge 29 dicembre 1993, n, 580 e s.m.i..
Copia della SCIA deve essere presentata alla C.C.I.A.A., entro i termini consentiti dalla vigente normativa, per gli adempimenti connessi al Registro Imprese.

 



Diritti di Segreteria dovuti per SCIA:
- Euro 30,00 per la presentazione tramite piattaforma online

Diritti di Segreteria dovuti per SCIA UNICA:
- Euro 40,00 per la presentazione tramite piattaforma online

Diritti di Segreteria dovuti per SCIA CONDIZIONATA:
- Euro 50,00 per la presentazione tramite piattaforma online

Modalità di versamento dei Diritti di Segreteria:
- bonifico sul c.c.p. n. IBAN IT-58-N-07601-12700-001041902626 (indicando nella causale COM – Intestatario della pratica – Diritti di segreteria)
- direttamente presso gli sportelli di Poste Italiane
- presso le casse automatiche presenti presso il DUC, in Largo Torello De Strada 11/a  Piano -1

Data inizio validità : 30/08/2019
Ultimo aggiornamento : 31/10/2019
Numero Unico 0521 40521
limitazioni-traffico-parma-2019-2020.png
Logoonline
Corsi motoria over 55 box banner
banner_200x203.jpg
BANNER PORTALE TUTTE LE APP
BANNER_PORTALE WEBCAM 20140714
PARMA-FUTURO-SMART-BANNER-WEB-HOME-COMUNE
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014