Occupazione permanente di suolo pubblico per accessi carrai di cantiere (COSAP)

Nuova occupazione di suolo pubblico per accesso carraio di cantiere

Di cosa si tratta?

La domanda di nuova occupazione per l’apertura di un accesso carrabile ad un cantiere deve essere presentata in carta bollata esclusivamente sull’apposito modulo di domanda in cui il cittadino dichiara la sussistenza di tutte le condizioni dettate dal Nuovo codice della strada (art. 46) e dalla normativa comunale (dimensione dell’apertura e profondità del marciapiede). Alla domanda deve essere allegata ricevuta di pagamento del canone annuale.
Il canone annuale è calcolato sulla base della localizzazione del passo carrabile:
1.a Categoria  –  Strade e civici ubicati nel centro abitato delimitato dal cartello “Parma”: € 28,97 al metro quadro
2.a Categoria  – Strade e civici ubicati nei centri abitati delle frazioni delimitati da apposito cartello: € 16,10 al metro quadro
I passi carrai ubicati fuori dai centri abitati sono esenti da canone ma debbono ugualmente essere autorizzati.
Il canone del passo carrabile è commisurato alla superficie occupata, risultante dalla larghezza dell’accesso per la profondità convenzionale di un metro.

L’art. 49 del Regolamento per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche e l’applicazione del canone prevede le seguenti esenzioni:

Lettera a) - le occupazioni effettuate dallo Stato, dalle Regioni, Province, Comuni e loro Consorzi, da Enti religiosi per l'esercizio di culti ammessi nello Stato e connesse esclusivamente all'esercizio del culto medesimo, nonché le occupazioni realizzate dagli Enti pubblici, di cui all'art. 87, comma 1, lett. c), del T.U.I.R., approvato con D.P.R. n. 917 del 22.12.1986, per finalità specifiche di assistenza, previdenza, sanità, educazione, cultura e ricerca scientifica;
Lettera g) - gli accessi carrabili usati esclusivamente da veicolo trasportante soggetti portatori di handicap deambulatorio, finchè in possesso del relativo contrassegno;
Lettera h) - i passi carrai autorizzati ubicati fuori dai centri abitati;
Lettera k) - le occupazioni realizzate da Organizzazioni non lucrative di utilità Sociale-ONLUS, di cui all'art. 10 del Decreto Legislativo n. 460 del 4.12.97, a condizione che le stesse risultino iscritte nell'anagrafe unica delle ONLUS, istituita presso il Ministero delle Finanze, nonché quelle effettuate da Associazioni di volontariato e di promozione sociale iscritte nell'apposito albo, esclusivamente per le attività statutarie. In ogni caso, non rientrano tra le attività statutarie le attività di vendita e somministrazione, anche se organizzate dagli stessi soggetti di cui alla presente lettera, per le quali viene applicata la tariffa stabilita nel regolamento per le superfici occupate da tali attività;  
Lettera r) - le occupazioni effettuate con passo carrabile di accesso ai terreni agricoli in assenza di fabbricati;
Lettera s) - le occupazioni per le quali l’ammontare totale del canone dovuto è inferiore o pari ad euro 17,00, a meno che non trattasi di occupazioni abusive;

Lettera w) i passi carrai quando presentis u strada privata che già sia soggetta a canone di accesso su strada pubblica. 
Per beneficiare delle esenzioni di cui alle lettere a) o k) la concessione dovrà essere intestata all’Ente Pubblico o alla Onlus, oppure l’impresa esecutrice i lavori dovrà produrre la documentazione necessaria a certificare l’affidamento ottenuto da un soggetto esente
Il pagamento del canone deve essere effettuato:

• per il primo anno, all'atto del rilascio della concessione;
• per gli eventuali anni successivi, entro il 30 Aprile di ciascun anno.

La concessione ha la medesima durata dei lavori edilizi. Contestualmente alla fine lavori potrà essere richiesta la revoca della concessione.
Il concessionario deve esporre il cartello di divieto di sosta consegnato dal Comune in modo ben visibile, in corrispondenza del passo carrabile e possibilmente parallelo all’asse stradale (art. 120 comma 1 lettera e) del Regolamento del Codice della Strada).
Il cartello è consegnato dietro versamento di € 30 a titolo di rimborso del costo dello stesso.
In caso di mancata esibizione del cartello è applicata la sanzione prevista dall’art. 22 comma 12 del Codice della Strada.

Quali sono i vincoli per l’accesso al servizio?

La domanda di concessione può essere presentata alla presentazione della Denuncia di Inizio Attività o della domanda di Permesso di Costruire che costituiscono titolo abilitativo per l'effettuazione dei lavori edilizi.
La richiesta di concessione per l'apertura di un accesso carrabile al cantiere può essere presnetata anche successivamente all'ottenimento del titolo abilitativo edilizio, del quale occorrerà dichiarare gli estremi nel modulo di domanda.

Modulistica

  • Modulo di domanda (121 KiB)
    - La domanda deve essere presentata utilizzando l'apposito modello.

Qual è la documentazione necessaria?

non obbligatorio Non obbligatori obbligatorio Obbligatori condizionale Obbligatori sotto condizione

  • 01 ) Copia fotostatica del documento di identità
    qualora la firma dell'intestatario non venga apposta alla presenza dell'incaricato del servizio di front office o la pratica sia inviata tramite posta o fax

  • 02 ) Copia fotostatica permesso di soggiorno
    Solo per cittadini extracomunitari

  • 01 ) documentazione fotografica del cancello/serranda (le fotografie devono essere effettuate inquadrando il passo da punti di vista distanti in modo da consentire la visione della situazione viabilistica circostante)
  • 02 ) Ricevuta di versamento del costo del cartello di passo carraio
    € 30,00

  • 03 ) Planimetria in scala 1:2000 della zona circostante, riportante: ubicazione e dimensioni del passo/accesso carrabile; distanze dalla strada/larghezza marciapiede, stalli di sosta da destituire, larghezza della strada; individuazione di eventuali altre occupazioni di suolo pubblico, segnaletiche stradali, impianti di pubblica illuminazione, manufatti stradali o relativi impianti di sottoservizi, alberature ecc.
    qualora sia richiesta la destituzione di stalli di sosta

  • 04 ) Nulla osta dell'ente proprietario della strada

    in caso di strade provinciali o statali interne a centri abitati


  • 05 ) Ricevuta di versamento del canone annuale relativa all'occupazione di suolo pubblico
    ad eccezione dei casi di esenzione previsti dall'art.49 del Regolamento Comunale per  l'occupazione di spazi ed aree pubbliche e l'applicazione del canone

  • 06 ) Marca da bollo Euro 16,00 da apporre alla domanda
     da apporre sulla domanda di autorizzazione (sono esenti dal pagamento del canone le occupazioni realizzate da Enti Pubblici e ONLUS, di cui all'art. 10 del Dlgs. 4 dicembre 1997, n. 460, a condizione che le stesse risultino iscritte nell'anagrafe unica delle ONLUS, istituita presso il Ministero delle Finanze, nonchè quelle effettuate per le attività statutarie, da Associazioni di volontariato iscritte nell'apposito albo regionale)

Modalità di presentazione

La richiesta, compilata su apposito modulo prelevabile presso gli Uffici del Centro Servizi al Cittadino del Direzionale Uffici Comunali (DUC), Largo Torello de Strada 11/a, o scaricabile tramite internet all'indirizzo www.comune.parma.it, può essere presentata:
- Firmata digitalmente (allegati compresi) ed inviata all'account del Comune di Parma suap@pec.comune.parma.it utilizzando il proprio indirizzo o quello dell'intermediario di Posta Elettronica Certificata (PEC).



La richiesta, compilata su apposito modulo prelevabile presso gli Uffici del Centro Servizi al Cittadino del Direzionale Uffici Comunali (DUC), Largo Torello de Strada 11/a, o scaricabile tramite internet all'indirizzo www.comune.parma.it, può essere presentata:
- presso gli Sportelli Polifunzionali del DUC, Largo Torello de Strada 11/a;

Qual è la tempistica del procedimento?

Tutte le istanze sono a rilascio immediato, salvo sia necessaria una ordinanza sindacale per la modifica della viabilità o la destituzione di stalli di sosta.

Quali oneri e costi bisogna sostenere?

Il canone relativo all’anno corrente deve essere versato al momento di presentazione dell’istanza, salvo in caso di specifica esenzione.
Per il cartello di divieto di sosta è previsto il rimborso di € 30.00

Modalità di versamento del costo del cartello di passo carraio:
- bonifico sul c.c.p. n. IBAN IT-58-N-07601-12700-001041902626 (indicando nella causale COM – Intestatario della pratica – Diritti di segreteria)
- direttamente presso gli sportelli di Poste Italiane
- presso le casse automatiche presenti presso il DUC, in Largo Torello De Strada 11/a  Piano -1



Data inizio validità : 19/03/2019
Ultimo aggiornamento : 31/10/2019
Numero Unico 0521 40521
Logoonline
ci (ri)troviamo domani.jpg
banner generi alimentari 3 sito.png
Lilly.e.il.vagabondo 2.jpg
box-ecoconsigli
limitazioni-traffico-parma-2019-2020.png
ACCESSO2020 (2).jpg
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014