Autorizzazione alla installazione degli impianti pubblicitari a carattere permanente

Autorizzazione per l'istallazione di cartelli, insegne di esercizio ed altri mezzi pubblicitari, a carattere permanente ("escluse le preinsegne")

Di cosa si tratta?

Per installare qualsiasi mezzo pubblicitario ("escluse le preinsegne" ) a carattere permanente, all'interno dei centri abitati o comunque lungo o in vista delle strade di proprietà del Comune, è necessario richiedere una preventiva autorizzazione amministrativa.

NOTIZIE UTILI
I cartelli, le insegne d'esercizio e gli altri mezzi pubblicitari devono avere sagoma regolare e la loro collocazione deve rispettare i criteri di un corretto ed equilibrato inserimento, sia ambientale che architettonico. Devono inoltre essere rispettate le dimensioni massime previste nell'allegato A, tabella A e B del Piano Generale degli Impianti.

Centro Storico nei negozi soggetti a nuova sistemazione:
- le insegne possono essere illuminate solo indirettamente tramite faretti;
- le insegne a bandiera sono consentite solo per gli esercizi di pubblico interesse (farmacie e tabaccherie), secondo tipologia RUE, disciplina particolareggiata Centro Storico;
- le targhe devono essere realizzate in materiale ligneo, lapideo, vetroso e metallico con eventuale utilizzo di plexigas come supporto a lettere metalliche ( se inferiore a 1.000 cmq sono esenti da richiesta)

Le seguenti tipologie di impianti sono assoggettati a presentazione C.I.A. previa autorizzazione da allegare alla richiesta del Servizio Tributi :
1. insegne di esercizio, a tetto o a pensilina, per superfici superiori a 5 mq per faccia;
2. insegne di esercizio su palina per superfici superiori a 2 mq per faccia;
3. le iscrizioni che identificano l'attività o l'esercizio cui si riferiscono realizzate con tecniche pittoriche direttamente su muro, di superficie superiore a 5 mq;
4. cartelli e cartelloni pubblicitari, di cui all'art. 6 del Piano Generale degli Impianti;
5. impianti di pubblicità o propaganda a messaggio variabile, di cui all'art. 10, comma 2, lettera d) del Piano Generale degli Impianti.

Sono assoggettate alla sola presentazione C.I.A.:
1. tende o tendoni, anche se riportanti scritte o luoghi pubblicitari;
2. bacheche.

Qual è la documentazione necessaria?

non obbligatorio Non obbligatori obbligatorio Obbligatori condizionale Obbligatori sotto condizione

  • 01 ) Copia fotostatica del documento di identità
    da presentare qualora il modello non sia firmato digitalmente

  • 02 ) Marca da bollo di Euro 16,00
  • 03 ) Copia del permesso di soggiorno
    per cittadini extracomunitari

  • 04 ) Iscrizione all'anagrafe unica delle ONLUS, istituita presso il Ministero delle Finanze
    da presentare in caso di ONLUS

  • 05 ) Iscrizione all'Albo regionale
    da presentare in caso di associazioni di volontariato

  • 01 ) Pianta in scala opportuna con indicata l'esatta collocazione dell'impianto e la sua distanza da strade, intersezioni, segnaletica stradale, altri mezzi pubblicitari esistenti ed edifici protetti.

     


  • 02 ) Progetto quotato in scala 1:20 o 1:50 del manufatto pubblicitario, completo di sezione laterale di sporgenza.

     


  • 03 ) Relazione tecnica descrittiva del mezzo pubblicitario e del luogo di inserimento dello stesso comprensiva delle caratteristiche di realizzazione, dei materiali impiegati, dell'eventuale supporto, dei colori dominanti e della qualità della luce emessa.

     


  • 04 ) Bozzetto a colori del messaggio pubblicitario da esporre. Se la domanda riguarda impianti pubblicitari a messaggio variabile, devono essere allegati i bozzetti di tutti i messaggi previsti.

     


  • 05 ) Documentazione fotografica panoramica a colori (non polaroid) per valutare il contesto ambientale nel quale l'opera andrà ad inserirsi (è ammesso uno studio di impatto ambientale realizzato anche con tecniche digitali).

     


  • 06 ) Documentazione fotografica a colori (non polaroid) della porzione dell'edificio o dell'area di pertinenza interessato all'intervento con indicato il posizionamento del mezzo pubblicitario.
    solo per le insegne di esercizio

  • 07 ) Richiesta di nulla osta alla Provincia di Parma
    se l'Ente proprietario è la Provincia di Parma o l’impianto è visibile da una strada di proprietà della Provincia di Parma - una copia

    Scarica .docx
  • 08 ) Nulla osta dell’Ente proprietario della strada

    se l'Ente proprietario non è né il Comune né la Provincia o l’impianto è visibile dalla strada - una copia


  • 09 ) Parere della Soprintendenza ai Beni Ambientali e Architettonici.
    da presentare solo se dovuto.

  • 11 ) Quietanza di versamento diritti di segreteria

     


Modalità di presentazione

IMPIANTI PUBBLICITARI INSTALLATI ALL'INTERNO DEI CENTRI ABITATI:

La domanda deve essere presentata tramite Piattaforma Regionale Accesso Unitario accedendo al sito http://www.servizi.comune.parma.it/it-IT/SUAP-Telematico.aspx

IMPIANTI PUBBLICITARI INSTALLATI FUORI DAI CENTRI ABITATI:

La domanda deve essere inoltrata all'Ente proprietario della strada: A.N.A.S., Provincia, Comune.



Qual è la tempistica del procedimento?

L'autorizzazione è rilasciata dal Comune all'interessato, o a persona da esso delegata, di norma entro 60 giorni dalla data di presentazione della relativa domanda.
Il mancato rispetto del suddetto temine non comporta l'applicazione del silenzio/assenso (art. 20 della L. 241/90 ed artt. 3 e 4 del D.P.R. 300/92) in quanto l'attività non rientra tra quelle individuate ai sensi dei suddetti articoli ed elencate nella tabella allegata al citato D.P.R.; nè peraltro, può applicarsi quanto previsto dall'art. 19 della L. 241/90 in quanto il rilascio dell'autorizzazione è subordinato all'esperimento di prove che comportano valutazioni tecniche discrezionali
Il termine rimane sospeso nel caso in cui l'Amministrazione comunale inviti il richiedente, a mezzo di comunicazione scritta, a produrre ulteriore documentazione o ad integrare quella depositata, che dovrà essere prodotta entro 60 giorni. In caso di mancato ricevimento di quanto richiesto, la domanda presentata si intende respinta, con comunicazione all'interessato.
L'autorizzazione decade, se non viene ritirata presso lo Sportello Unico Edilizia/Imprese entro 60 giorni dal ricevimento dell'avviso.

Quali oneri e costi bisogna sostenere?

Domanda di autorizzazione:
- marca da bollo di Euro 16,00 
- versamento diritti di istruttoria, come da Piano Tariffario 2020 consultabile al seguente link: http://edilizia.comune.parma.it/fileUpload/Cms/files/e38Lc54Bbv_1794.pdf

Modalità di versamento dei Diritti di Istruttoria:

- collegandosi al sito https://pagopa.comune.parma.it e generare l’avviso di pagamento PagoPA corrispondente alla  pratica da presentare o pagare direttamente online

Per il ritiro dell'autorizzazione occorre produrre:
- marca da bollo di Euro 16,00 (da applicare sull'autorizzazione)
- marca da bollo di Euro 1,00 per ogni elaborato tecnico (all. A) che verrà restituito al richiedente



Data inizio validità : 30/11/2021
Ultimo aggiornamento : 30/11/2021
Numero Unico 0521 40521
Logoonline
Box BANNER-Coronavirus LATO-300x200.jpg
amministrazione-trasparente.jpg
Se vai in bici.png
SUPER_BONUS_110_logo_rosso_914x619.jpg
sant-ilario2021.png
BANNER_ALERT-SYSTEM
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014