• Servizio
  • Stampa
  • Servizi OnLine Servizi OnLine Attivi

Segnalazione certificata di Conformità Edilizia e di Agibilità (SCEA)

Segnalazione certificata di Conformità Edilizia e di Agibilità (SCEA) parziale (art. 25 LR 15/2013)

Di cosa si tratta?

La Segnalazione Certificata di Conformità Edilizia e Agibilità Parziale può essere presentata:
a) per singoli edifici e singole porzioni della costruzione, purché strutturalmente e funzionalmente autonomi, qualora siano state realizzate e collaudate le infrastrutture per l’urbanizzazione degli insediamenti relative all’intero edificio e siano state completate le parti comuni relative al singolo edificio o singola porzione della costruzione;
b) per singole unità immobiliari, purché siano completate le opere strutturali, gli impianti, le parti comuni e le opere di urbanizzazione relative all’intero edificio di cui fanno parte.

Nel caso di SCIA parziale, la comunicazione di fine lavori individua specificamente le opere edilizie richiamate dalle lettere a) e b) del comma 1, trovando applicazione per ogni altro profilo la tipologia della SCIA totale.

Quali sono i vincoli per l’accesso al servizio?

La Segnalazione Certificata di Agibilità viene presentata dal soggetto interessato entro 15 giorni dall’effettiva conclusione delle opere e comunque entro il termine di validità del titolo edilizio originario, per interventi abilitati con:
- SCIA;
- PDC o altri titoli edilizi equivalenti precedenti;
- Interventi privati previsti da Accordi di Programma ai sensi dell’art. 10 comma 1, lettera a) della L.R. 15/2013;

La stessa segnalazione è facoltativa nei casi di opere eseguite con CILA e titoli in sanatoria ed esclusa per interventi di urbanizzazione primaria e secondaria realizzati da soggetti diversi dal Comune e per gli interventi privati la cui realizzazione sia prevista da accordi di programma ai sensi dell’art. 10 comma 1 della L.R. n. 15/2013.

La tardiva o mancata  presentazione della SCEA comporta l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria prevista dall’art. 26 della LR 15/2013.

Modulistica

Qual è la documentazione necessaria?

non obbligatorio Non obbligatori obbligatorio Obbligatori condizionale Obbligatori sotto condizione

  • 01 ) Allegato Altri soggetti, altri tecnici, altre imprese
    da presentare se la segnalazione di CEA è presentata da più soggetti

    Scarica .pdf
  • 02 ) Relazione tecnica di asseverazione di CEA (“Modulo 4 “Asseverazione CEA”)
    Scarica .pdf
  • 03 ) Allegato “Altri dati di localizzazione dell’intervento”
    da presentare se la segnalazione di CEA e la relativa asseverazione si riferiscono a unità immobiliari/edifici aventi ulteriori indicazioni toponomastiche e catastali

    Scarica .pdf
  • 04 ) Allegato Dati geometrici di altri immobili/edifici
    da presentare  se la segnalazione di CEA e la relativa asseverazione sono presentate, senza la realizzazione di lavori, per più immobili o unità immobiliari esistenti privi di agibilità

    Scarica .pdf
  • 05 ) Copia fotostatica del documento di identità
    obbligatoria qualora la firma dell'intestatario non venga apposta alla presenza dell'incaricato del servizio di front office o la pratica venga inviata tramite posta.

  • 06 ) Certificato di conformità edilizia e di agibilità o certificato di abitabilità di cui è dotato l’immobile
    Se la segnalazione di CEA è presentata a seguito di lavori svolti su immobile già dotato di CCEA o di abitabilità

  • 07 ) SCIA per varianti in corso d’opera ai sensi dell’art.22 L.R. n. 15/2013
    Se nel corso dei lavori sono state realizzate varianti rispetto al progetto allegato al titolo abilitativo

  • 08 ) Elaborati grafici dello stato legittimo
    Se la segnalazione di CEA è presentata per immobile o unità immobiliare esistente privo/a di agibilità

  • 09 ) Quietanza di versamento diritti di segreteria
  • 10 ) Ricevuta di versamento della sanzione per il ritardo nella presentazione della segnalazione di agibilità
    Se la segnalazione di CEA è presentata dopo la scadenza del termine massimo previsto dalla legge

  • 11 ) Precedenti edilizi forniti al progettista dall’interessato anche a seguito di accesso agli atti (art. 27 della LR 15/2013 e art. 22 e seguenti della l. 241/1990)
    in caso di segnalazione presentata senza la realizzazione di lavori, per immobile o unità immobiliare esistente privo/a di agibilità

  • 12 ) Documentazione relativa alla sicurezza degli impianti
    se l’intervento edilizio ha riguardato gli impianti tecnologici, oppure se la segnalazione di CEA è presentata per immobili o unità immobiliare esistente, privo/a di agibilità

  • 13 ) Comunicazione di messa in esercizio di ascensori e montacarichi
    da presentare in caso di SCEA con valore ed effetti di comunicazione al Comune, ai sensi dell’art. 12, c.1, DPR n. 162/1999, ai fini dell’assegnazione della matricola all’impianto

  • 14 ) Certificato di collaudo statico.
    Da presentare per lavori che hanno interessato le strutture dell’immobile e siano iniziati dopo il 23 ottobre 2005, oppure per opere c.a., c.a.p. e s.m., di cui all’art. 53, comma 1, del D.P.R. n° 380/2001, oppure per lavori assoggettati a collaudo statico ai sensi della legge o della normativa tecnica vigente all’epoca della loro realizzazione.

  • 15 ) Attestazione di rispondenza del direttore dei lavori strutturali
    da presentare per lavori (iniziati dopo il 23 ottobre 2005) non soggetti a collaudo statico che hanno interessato le strutture dell’immobile (art. 19, comma 4 L.R. n. 19/2008)

  • 16 ) Certificato di idoneità statica per zone classificate sismiche, redatto ai sensi del DM 15 maggio 1985
    Se l'immobile o unità immobiliare, esistente o in corso di realizzazione al 23 ottobre 2005, sia comunque privo del certificato di collaudo statico (anche se prescritto dalla legge o dalla normativa tecnica vigente all’epoca della sua realizzazione) ovvero sia stato oggetto di condono edilizio

  • 17 ) Verifica tecnica
    Se IMM. o U.I., esistente o in corso di realizzazione al 23 ottobre 2005, sia comunque privo del certificato di collaudo statico (anche se prescritto dalla legge o dalla normativa tecnica vigente all’epoca della sua realizzazione) ovvero sia stato oggetto di condono edilizio 

  • 18 ) Valutazione di sicurezza
    Se IMM. o U.I., esistente o in corso di realizzazione al 23 ottobre 2005, sia comunque privo del certificato di collaudo statico (anche se prescritto dalla legge o dalla normativa tecnica vigente all’epoca della sua realizzazione) ovvero sia stato oggetto di condono edilizio

  • 19 ) SCIA per attivare i controlli dei Vigili del fuoco, ai sensi dell’art. 4, comma 1 del dPR n. 151/2011
    SE nell’immobile o unità immobiliare oggetto dell’intervento è prevista, oppure viene svolta una attività soggetta al controllo dei Vigili del Fuoco, ai sensi del dPR n. 151/2011, nei procedimenti di competenza del SUAP

  • 20 ) Attestazione dell’avvenuta presentazione di SCIA, ai sensi dell’art. 4, comma 2 del dPR n.151/2011
    SE nell’immobile o unità immobiliare oggetto dell’intervento è prevista, oppure viene svolta una attività soggetta al controllo dei Vigili del Fuoco, ai sensi del dPR n. 151/2011 e la  SCIA è stata presentata dagli interessati, nei procedimenti di competenza del SUE

  • 21 ) Certificato di prevenzione incendi
    Se rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, ai sensi dell’art. 4, comma 3, del dPR n. 151/2011, prima della presentazione della segnalazione di CEA

  • 22 ) Verbale positivo di visita tecnica
    Se rilasciato dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, ai sensi dell’art. 4, comma 2, del dPR n. 151/2011, prima della presentazione della segnalazione di CEA

  • 23 ) Attestato di qualificazione energetica (AQE),redatto da tecnico abilitato
    Se l'immobile o unità immobiliare è soggetto/a all’osservanza dei requisiti minimi di prestazione energetica (Allegato 2 alla DGR n.1715/2016 oppure in via transitoria punto 4.6. della DALn. 156/2008 e allegato 5, punto 1,della medesima DAL, come sostituito dalla DGR 1366/2011)

  • 24 ) Attestato di prestazione energetica, redatto da certificatore energetico iscritto all’albo regionale
    SE si presenta la segnalazione di CEA senza la realizzazione di lavori, per immobile o unità immobiliare esistente privo/a di agibilità

  • 25 ) Nulla osta all’allaccio alla fognatura pubblica rilasciato dal gestore del servizio idrico integrato
    Se l’intervento comporta l’allaccio di utenza domestica alla rete fognaria

  • 26 ) Autorizzazione allo scarico in fognatura delle acque reflue
    Per acque reflue industriali e per acque reflue industriali assimilabili alle domestiche che recapitano in pubblica fognatura

  • 27 ) Autorizzazione allo scarico delle acque reflue domestiche sul suolo
    Se l’immobile o unità immobiliare è situato/a in area non servita dalla rete fognaria

  • 28 ) Autorizzazione dell'Amministrazione provinciale
    per gli scarichi industriali o assimilati, su acque superficiali

  • 29 ) Autorizzazione Unica Ambientale (AUA)
    Nei casi previsti dal dPR.59/2013

  • 30 ) Concessione demaniale
    Se l’IMM. o U.I. è servito/a da pozzo, sorgente o corpo idrico superficiale (per assenza di acquedotto comunale)

  • 31 ) Certificato o autorizzazione attestante l’assolvimento degli obblighi in merito alla gestione delle acque meteoriche
    Se l’edificio e le aree esterne di pertinenza sono soggette agli obblighi di cui alla DGR n.286/2005

  • 32 ) Dichiarazione per l’iscrizione al catasto
    Se l’intervento realizzato richiede la modifica dei dati catastali

  • 33 ) Richiesta di assegnazione o aggiornamento di numerazione civica
    Se l’intervento comporta variazione di numerazione civica

    Scarica .doc

Modalità di presentazione

La SCEA e successive integrazioni, comprese quelle relative a pratiche avviate via PEC o in cartaceo (presentate prima del 01 settembre 2019), deve essere presentata:
-        Tramite servizio online sulla piattaforma digitale dedicata all’indirizzo: http://www.servizi.comune.parma.it/it-IT/SUAP-Telematico.aspx



Qual è la tempistica del procedimento?

Sulla completezza della documentazione allegata alla Segnalazione Certificata di Agibilità, lo sportello unico richiede agli interessati, per una sola volta, l’eventuale documentazione integrativa mancante; tale richiesta sospende il termine per il controllo della segnalazione il quale riprende a decorrere per il periodo residuo dal ricevimento degli atti.

Almeno il 20% delle Segnalazioni Certificate di Agibilità vengono sottoposte ad un controllo campione che consiste nell’ispezione dell’edificio oggetto della SCEA stessa entro un massimo di 90 giorni dalla presentazione.
 

Quali oneri e costi bisogna sostenere?

Per SCIA PARZIALE pagamento dei diritti di segreteria nella misura di:

€ 150,00 per le pratiche presentate tramite piattaforma(ONLINE)

da versare esclusivamente su conto corrente POSTALE (IBAN:  IT58 N 07601 12700  001041902626) intestato a COMUNE DI PARMA.

Nella causale di pagamento devono essere indicati:
o Tipologia di pratica edilizia  correlata al versamento (SCEA) ed eventualmente numero della pratica se già acquisito
o Intestatario della pratica
o Codice identificativo dell’entrata: DSED



Data inizio validità : 03/08/2020
Ultimo aggiornamento : 03/08/2020
Numero Unico 0521 40521
Logoonline
Box BANNER-Coronavirus LATO-300x200.jpg
Box banner rinnovo carta-didentita`-digitale.jpg
ci (ri)troviamo domani.jpg
Box Banner lotta zanzara.jpg
BOX BANNER giardino di casa 2.jpg
Lilly.e.il.vagabondo 2.jpg
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014