Somministrazione di alimenti e bevande mediante distributori automatici

Apertura di un nuovo esercizio di somministrazione di alimenti e bevande mediante l’installazione di distributori automatici in locali esclusivamente adibiti a tale attività in zona soggetta a tutela (Autorizzazione)

Di cosa si tratta?

L'apertura di un nuovo esercizio di somministrazione di alimenti e bevande mediante distributori automatici in locali esclusivamente adibiti a tale attività al di fuori della zona soggetta a tutela, di cui ai Criteri di programmazione esplicitati nell'allegato B) del Regolamento per l'esercizio delle attività di somministrazione di alimenti e bevande approvato con Deliberazione di C.C. n. 1 del 20/01/2015, è subordinata alla presentazione della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) al Comune di Parma, utilizzando l'apposita modulistica che viene compilata in regime di autocertificazione.
Le dichiarazioni false, la falsità negli atti e l'uso di atti falsi comportano l'applicazione delle sanzioni penali previste dall'art. 76 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445 e delle pene previste dall’art. 19 comma 6 della L. 241/90 e s.m.i. (reclusione da 1 a 3 anni), ove il fatto non costituisca più grave reato.
L’attività di somministrazione di alimenti e bevande è altresì subordinata alla preventiva presentazione "Notifica" ai fini della Registrazione ai sensi art. 6 Reg. CE 852/2004 .
 

Quali sono i vincoli per l’accesso al servizio?

Requisiti soggettivi (morali):
-  di cui all’art. 71 del Decreto Legislativo 26 marzo 2010 n. 59 e s.m.i., agli artt. 11, 92 e 131 del TULPS (Regio Decreto n. 773/1931 e s.m.i.), all'art. 10 della Legge 31/5/1965 n. 575 e s.m.i. e all'art. 67 del D.Lgs 6 settembre, n. 159 (legge antimafia) da autocertificare da parte del dichiarante ed eventuale delegato alla somministrazione di alimenti e bevande, nonché di altre persone (soci e amministratori indicati all'art. 2 del D.P.R. 3 giugno 1998, n. 252 e s.m.i.).

Requisiti soggettivi (professionali):
-  di cui all’art. 71 comma 6  del Decreto Legislativo 26 marzo 2010 n. 59 e s.m.i. da parte del rappresentante legale di Società o del titolare di ditta individuale o da altra persona delegata.

Requisiti oggettivi (locali):
- rispetto delle vigenti norme, in materia di edilizia, urbanistica, destinazione d’uso dei locali, igienico-sanitaria, inquinamento acustico, di sicurezza (anche nei luoghi di lavoro), e prevenzione incendi e, qualora trattasi di esercizi aperti al pubblico, di sorvegliabilità.
 

Modulistica

Qual è la documentazione necessaria?

non obbligatorio Non obbligatori obbligatorio Obbligatori condizionale Obbligatori sotto condizione

  • 01 ) Copia fotostatica del documento d’identità del firmatario
    da presentare qualora il modello non sia firmato digitalmente

  • 02 ) Copia del permesso di soggiorno o carta di soggiorno
    per cittadini extracomunitari, anche per chi è stato riconosciuto rifugiato politico

  • 03 ) Procura speciale
    per le pratiche  presentate on-line da un soggetto intermediario

    Scarica .pdf
  • Modulo compilato per la "Autocertificazione criteri di sorvegliabilità dei pubblici esercizi del D.M. 17/12/1992, n. 564 e successive modifiche"
    Scarica .doc
  • 02 ) Documentazione concernente il titolo di disponibilità dei locali
  • 03 ) Planimetria quotata dei locali in scala 1:100 riportante la destinazione d’uso, la superficie, le altezze dei locali e degli spazi funzionali alla somministrazione con indicazione degli arredi e delle attrezzature e l'area in cui si effettua la somministrazione, sottoscritta dal richiedente o da tecnico iscritto all’Albo
  • 04 ) Quietanza di versamento diritti di segreteria
  • 05 ) Modulo Impegno pagamento prestazione ARPAE
    Scarica .pdf
  • 06 ) Autorizzazione/DIA/SCIA precedente

    in caso di trasferimento di sede - da inoltrare tramite posta/consegna a mano


  • 07 ) Relazione di previsione di impatto acustico redatta da un tecnico abilitato in acustica ambientale
    qualora siano presenti impianti di diffusione sonora ovvero si svolgeranno manifestazioni ed eventi con diffusione sonora di musica o utilizzo di strumenti musicali

  • 08 ) Dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà ai sensi del DPR 445/2000 e s.m.i. che dà conto del non superamento dei predetti limiti, fondata su valutazioni tecniche e/o misurazioni e, pertanto, necessariamente resa da tecnico specializzato in acustica
    qualora siano presenti impianti di diffusione sonora e/o impianti o macchinari rumorosi il cui funzionamento non comporti il superamento dei limiti acustici di cui al Documento di classificazione acustica del territorio comunale

  • 09 ) Dichiarazione redatta da professionista abilitato attestante il rispetto delle normative vigenti in materia edilizia e che costituisce certificato provvisorio di conformità / agibilità edilizia, come indicato dall'art. 22, punto 7 bis, della Legge Regione Emilia Romagna 25 novembre 2002, n. 31 e s.m.i.
    qualora non sia stata compilata la dichiarazione dell'intestazione del certificato di conformità edilizia/agibilità - parte integrante del modulo

  • 10 ) Dichiarazione requisiti professionali e morali del delegato - Quadro A parte integrante del presente modello
    in caso di nomina

  • 11 ) Autocertificazione requisiti morali di altre persone (soci e amministratori indicati all'art. 2 DPR 252/98 e s.m.i.) - Quadro B parte integrante del presente modello
    in caso di società

Modalità di presentazione

La SCIA / SCIA Unica / SCIA Condizionata o Comunicazione deve essere presentata tramite Piattaforma Regionale Accesso Unitario accedendo al sito http://www.servizi.comune.parma.it/it-IT/SUAP-Telematico.aspx utilizzando le proprie credenziali


Qual è la tempistica del procedimento?

L’inizio dell’attività può avvenire subito dopo la presentazione al Comune della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA), a condizione che la stessa sia compilata in ogni sua parte e completa degli allegati previsti. Qualora, in sede di controllo della SCIA e dei relativi allegati, emergano carenze dei requisiti e presupposti previsti dalle normative vigenti, il Comune, entro il termine di 60 giorni dal ricevimento della SCIA, adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell’attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa, salvo che, ove ciò sia possibile, l’interessato provveda a conformare alla normativa vigente detta attività ed i suoi effetti entro il termine fissato dall’Amministrazione, in ogni caso non inferiore a 30 giorni. E’ fatta salva, comunque, l’applicazione delle sanzioni penali previste dall’art. 76 del D.P.R. n. 445/2000 e dall’art. 19 comma 6 della Legge n. 241/90 e s.m.i..

Quali oneri e costi bisogna sostenere?

Diritti di Segreteria dovuti per Autorizzazione:
- Euro 100,00 per la presentazione tramite piattaforma online

Modalità di versamento dei Diritti di Segreteria:
- bonifico sul c.c.p. n. IBAN IT-58-N-07601-12700-001041902626 (indicando nella causale COM – Intestatario della pratica – Diritti di segreteria)
- direttamente presso gli sportelli di Poste Italiane
- presso le casse automatiche presenti presso il DUC, in Largo Torello De Strada 11/a  Piano -1


 

Data inizio validità : 30/08/2019
Ultimo aggiornamento : 31/08/2019
Struttura del servizio
Scheda generale del servizio
  1. Apertura di un nuovo esercizio di somministrazione di alimenti e bevande mediante l’installazione di distributori automatici in locali esclusivamente adibiti a tale attività in zona soggetta a tutela (Autorizzazione)
  2. Apertura di un nuovo esercizio di somministrazione di alimenti e bevande mediante l’installazione di distributori automatici in locali esclusivamente adibiti a tale attività al di fuori della zona soggetta a tutela (SCIA)
  3. Apertura di un nuovo esercizio di somministrazione di alimenti e bevande mediante l’installazione di distributori automatici in locali non esclusivamente adibiti a tale attività in tutte le zone (SCIA)
  4. Trasferimento di sede di attività di somministrazione di alimenti e bevande mediante l’installazione di distributori automatici in locali esclusivamente adibiti a tale attività in zona soggetta a tutela (Autorizzazione)
  5. Trasferimento di sede di attività di somministrazione di alimenti e bevande mediante l’installazione di distributori automatici in locali esclusivamente adibiti a tale attività al di fuori della zona soggetta a tutela (SCIA)
  6. Trasferimento di sede di attività di somministrazione di alimenti e bevande mediante l’installazione di distributori automatici in locali non esclusivamente adibiti a tale attività in tutte le zone (SCIA)
  7. Cessazione di attività di somministrazione di alimenti e bevande mediante l’installazione di distributori automatici in tutte le zone (Comunicazione)
Numero Unico 0521 40521
Logoonline
ci (ri)troviamo domani.jpg
banner generi alimentari 3 sito.png
Lilly.e.il.vagabondo 2.jpg
Box Banner lotta zanzara.jpg
box-ecoconsigli
ACCESSO2020 (2).jpg
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014