Esercizio per l'attività di commercio all'ingrosso

Di cosa si tratta?

L’attività di commercio all'ingrosso è definita dall’art. 4, comma1, lett. A) del D.L.gs 31 marzo 1998, n. 114 e s.m.i. come quell’ attività svolta da “chiunque professionalmente acquista merci in nome e per conto proprio e le rivende ad altri commercianti all'ingrosso o al dettaglio o ad utilizzatori professionali o ad altri utilizzatori in grande. Questa tipologia di commercio può configurarsi la forma di commercio interno, di importazione o di esportazione”.

Il commercio all’ingrosso può essere svolta anche congiuntamente al commercio al dettaglio (vedasi dettagli alla scheda descritta degli Esercizi di Vicinato) e in forma di e-commerce (commercio elettronico). In tal caso dovrà essere indicato nel modulo di presentazione della pratica e verranno applicati i regimi amministrativi richiesti per tali attività.

L’esercizio dell’attività di commercio all'ingrosso è riferita a due settori:

- ALIMENTARE - da presentare in regime amministrativo della Segnalazione Certificata di Inizio attività (SCIA Unica), contestualmente alla Notifica Sanitaria nel rispetto del Regolamento n. 852/2004/CE del Parlamento europeo del Consiglio sull’igiene dei prodotti alimentari. Dovrà essere indicata la presenza di un deposito in proprio o presso terzi ai fini della tracciabilità degli alimenti.

- NON ALIMENTARE - da presentare in regime di Comunicazione o in regime di SCIA Unica in caso di superficie lorda totale superiore a 400 mq. (comprensiva di servizi e depositi – es. magazzini) o comunque se l’attività ricade in uno qualsiasi dei punti dell’Allegato I al D.P.R. n. 151/2011.

In caso di vendita all’ingrosso di prodotti alcolici, assoggettati ad accise, con cui è reintrodotto l’obbligo di denuncia fiscale, (art. 13-bis del D.L. n. 34 del 2019) ripristinando l’originario campo di applicazione di cui all’art. 29, del D.Lgs. n. 504/95. Pertanto, in caso di inizio attività, la denuncia di vendita alcolici dovrà essere presentata contestualmente alla Scia Unica o come Comunicazione in caso di attività già avviata; il tutto verrà inviato, dal Suape, all’Agenzia delle Dogane competente al rilascio della licenza fiscale di esercizio

L’esercizio di commercio all’ingrosso è previsto per altre CASISTICHE RELATIVE ALLA VENDITA DI SPECIFICI PRODOTTI, indicati nella Tabella A, del D.Lgs. n. 222 del 25 novembre 2016, - punto 1.10 (quale parte integrante), a cui si applicano i regimi amministrativi ivi previsti e di seguito elencate:

·         Vendita al minuto di alcolici;

·         Comunicazione-Vendita di Farmaci da Banco e Medicinali Veterinari;

·         Comunicazione-Vendita al minuto di Gas di Petrolio Liquefatto (GPL) per combustione

·         Comunicazione-Vendita al minuto di Gas infiammabili in recipienti mobili compressi per combustione;

·         Comunicazione-Vendita al minuto di prodotti agricoli e zootecnici, mangimi, prodotti di origine minerale e chimico industriali destinati all’alimentazione animale;

·         Autorizzazione-Vendita al minuto di prodotti Fitosanitari;

·         Autorizzazione-Vendita di oggetti preziosi;

·         Autorizzazione-Vendita di armi diverse da quelle da Guerra;

·         Autorizzazione - Produzione, Trasformazione e distribuzione di prodotti di origine animale.

Qualora le stesse prevedano il pagamento di oneri o diritti di segreteria specifici, le modalità e i costi dovranno essere verificati con gli Enti competenti.

In caso di “Vendita delle cose antiche e/o usate”, di valore superiore a € 250, ai sensi dell’art. 128 del T.U.L.P.S., dovrà essere utilizzata la procedura della ”Autovidimazione”, mediante la presentazione della stessa, raggiungibile mediante il seguente percorso: https://www.servizi.comune.parma.it/it-IT/SUAP-Telematico.aspx - Gruppo C – Commercio, Turismo, Agricoltura e altre Attività Produttive - Attività Artigianali e di Servizio, tipologia intervento n. 77: 1. Dichiarazione vidimazione del registro delle operazioni giornaliere per il commercio delle cose antiche usate (tipologia n. 77). Per maggiori dettagli vedasi scheda informativa: Cose antiche e/o usate.

Nel caso di aggiunta o eliminazione di un settore merceologico deve essere effettuata apposita Comunicazione/Scia Unica. Nel caso di  vendita di prodotti del settore alimentare, l'attività è subordinato alla presentazione della "Notifica Sanitaria" ai fini della procedura di Registrazione di cui all'art. 6 del Regolamento (CE) n. 852/2004, da presentare contestualmente alla Comunicazione di variazione. 

 

Responsabile del procedimento

Referente: ROSI CRISTINA

Data inizio validità : 05/05/2020
Ultimo aggiornamento : 06/05/2020
Riferimenti normativi
  1. Decreto Legislativo n.222 del 25 novembre 2016 Individuazione di procedimenti oggetto di autorizzazione, segnalazione certificata di inizio di attività (SCIA), silenzio assenso e comunicazione e di definizione dei regimi amministrativi applicabili a determinate attività e procedimenti, ai sensi dell'art. 5 della Legge 7 agosto 2015 n. 124
  2. Decreto Legislativo n. 114/1998 e s.m.i Riforma della disciplina relativa al settore del commercio.
  3. Decreto Legislativo n. 59/2010 e s.m.i Attuazione della Direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno.
  4. Legge 7 agosto 1990, n. 241 e s.m.i. Norme sul procedimento amministrativo.
  5. Regolamento (CE) n. 852/2004 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 29 aprile 2004

    ·         (igiene dei prodotti alimentari)

  6. Legge Regionale Emilia-Romagna 26 luglio 2003 n. 14 e s.m.i.
  7. Decreto Legislativo 6 settembre 2011, n. 159 “Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia”
  8. Decreto Presidente Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445

    ·         Testo unico delle disposizioni legislative e regolamenti in materia di documentazione amministrativa”;

  9. D.P.R. 1 agosto 2011 n. 151

    ·         Regolamento recante semplificazione della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione degli incendi.

  10. Decreto Legge 30 aprile 2019, n. 34, art. 13.bis

    ·         Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi - reintroduzione obbligo denuncia fiscale per vendita prodotti alcolici;

  11. Delibera Consiglio Regionale Emilia Romagna 23 settembre 1999, n. 1253 e s.m.i

    ·         Disposizioni per merci ingombranti e commercio all'ingrosso e al dettaglio;

  12. Decreto legislativo 6 agosto 2012, n. 147 e s.m.i
  13. Legge Regionale Emilia-Romagna 26 luglio 2003 n. 14 e s.m.i.
  14. T.U.L.P.S. di cui al R.D. n. 773/1931

    ·         artt. 127, commi 1 e 128 - Vendita oggetti preziosi - art. 31 comma 1 - Vendita Armi.

Numero Unico 0521 40521
Logoonline
ci (ri)troviamo domani.jpg
banner generi alimentari 3 sito.png
Lilly.e.il.vagabondo 2.jpg
Box Banner lotta zanzara.jpg
box-ecoconsigli
ACCESSO2020 (2).jpg
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014