Interventi di assistenza economica per nuclei esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus COVID - 19

Di cosa si tratta?

 

NEWS FASE 2 – buoni spesa

Per coloro che non sono riusciti a presentare domanda nella FASE 1, si riapre la possibilità di inserire solo on line le domande di buoni spesa da martedì 28 aprile a mercoledì 29 fino alle ore 13.30

Potranno fare domanda le persone e i nuclei che non hanno fatto domanda nella prima fase.

Chi non può accedere online potrà richiedere telefonicamente ai poli un pacco spesa sostitutivo.

I buoni saranno erogati seguendo un ordine cronologico fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

E’ importante che i nuclei in possesso di smartphone che presenteranno nuova domanda indichino correttamente il numero dello smartphone al fine di non creare disguidi nell’invio degli SMS che riporteranno le indicazioni per l’utilizzo dei buoni.

In relazione alle domande già validate che hanno ricevuto il buono, si procederà come segue:

·          nuclei che hanno ricevuto buono quindicinale su Smartphone, avranno un secondo accredito sempre sull’APP di € 40 per i nuclei unipersonali, € 60 per i nuclei di due persone, € 100 per tutti gli altri;

·         Tutti i nuclei che hanno ricevuto buono quindicinale cartaceo, avranno un pacco spesa a domicilio;

Rimangono attivi i numeri 0521/ 218970 - 339/ 6859982 prioritariamente per i cittadini che si trovano in condizioni di bisogno alimentare (o di farmaci) e non possono muoversi da casa per fare spesa e necessitano quindi di un servizio di spesa/generi alimentari a domicilio.

Per emergenze alimentari estreme è possibile fare riferimento a questi stessi numeri o ai poli territoriali a partire dal mese di maggio.

 

DESCRIZIONE

Gli Interventi di assistenza attraverso l’erogazione di Buoni spesa e alimentari  per i nuclei esposti agli effetti economici derivanti dall’emergenza epidemiologica da virus COVID-19 rispondono alle disposizioni previste dall’Ordinanza 658 della Presidenza del Consiglio del Ministri che prevede “ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili” del 29.03.2020.

 

I Destinatari delle proposte di contributo sono tutti i cittadini che si rivolgono agli uffici comunali, nuclei monoreddito e nuclei familiari, residenti nel Comune di Parma o anche solo domiciliati e presenti “necessariamente” nel nostro Comune (perché già legati da motivi di lavoro o studio) che a causa della emergenza sanitaria e dell’impossibilità di spostarsi (nel proprio Comune di residenza), si trovano in condizione di bisogno.

 

I requisiti di accesso alle proposte di contributo sotto forma di Buono Alimentare si possono riassumere nella presenza di una o più condizioni come di seguito elencate:

1.       riduzione della prestazione lavorativa o perdita dell’occupazione con effetti significativi sul reddito familiare

2.       ammontare del conto corrente non superiore a euro 3.000

3.       essere in carico ai servizi sociali, con una condizione economica critica e in assenza di un intervento di sostegno economico per il periodo relativo all’erogazione dei buoni spesa

Qualora le risorse finanziarie lo consentano, gli interventi potranno essere estesi anche ai beneficiari di misure di sostegno economico comunali e/o di altra provenienza pubblica (es. Reddito o Pensione di Cittadinanza), in funzione del valore economico mensile di tali misure, con precedenza per i percettori di importi più bassi. Tale valutazione sarà effettuata a partire dalla quarta settimana di erogazione, tenendo in sospeso le domande fino ad allora.

 

Gli interventi si sostanziano con l'erogazione di Buoni spesa e alimentari. L’entità del Buono Spesa sarà commisurato al numero dei componenti del nucleo, riservando comunque particolare attenzione anche ai nuclei monoreddito che, per assenza di reti di prossimità, potrebbero trovarsi in condizione di maggiore difficoltà. La proposta potrà essere modulata tenendo conto di eventuali altre forme di aiuto già erogate nel mese. L’autorizzazione delle proposte potrà essere sottoposta a limitazioni o trovare possibilità di proroga a seconda delle risorse disponibili. 

 

 

 

Nucleo

Contributo settimanale

Contributo quindicinale

Contributo mensile

 

 

 

 

1 persona

50

100

200

2 persone

60

120

240

3 persone

80

160

320

4 persone

100

200

400

5 o + persone

130

260

520

 

 

Modalità presentazione domanda:

Al fine di soddisfare le esigenze di celerità e di non incentivare gli spostamenti fisici della popolazione, i cittadini devono inviare le domande on-line con le modalità meglio illustrate sul sito  www.servizi.comune.parma.it accedendo alla pagina dei "servizi sociali

L'assegnazione avverrà previa istruttoria da svolgersi con la modalità del colloquio telefonico a cura delle Assistenti Sociali dei Poli territoriali del Settore Sociale (o altri operatori incaricati) e la domanda consisterà in un'autodichiarazione del richiedente che sarà acquisita con modalità on line garantendo comunque un accesso, previo appuntamento telefonico, per le famiglie che non hanno la disponibilità di strumenti informatici. 


I buoni alimentari saranno concessi fino ad esaurimento delle risorse disponibili. 

 

 

 

Struttura responsabile

Struttura: SETTORE SOCIALE
Referente: SQUERI LUIGI

Responsabile del procedimento

Referente: CARLI LORELLA

Data inizio validità : 27/04/2020
Ultimo aggiornamento : 28/04/2020
Riferimenti normativi
  1. ordinanza 658 del 29 marzo Protezione Civile atto completo
  2. Delibera Giunta 81 del 01 04 2020 Approvazione linee indirizzo buoni spesa covid 19
  3. Linee indirizzo operative modulo guida
Numero Unico 0521 40521
Logoonline
Box BANNER-Coronavirus LATO-300x200.jpg
Box banner rinnovo carta-didentita`-digitale.jpg
BANNER-REFERENDUM
BOX BANNER FONDO AFFITTO 2020 .jpg
ci (ri)troviamo domani.jpg
Lilly.e.il.vagabondo 2.jpg
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014