Matrimoni

Atto di matrimonio

Di cosa si tratta?

L'atto di matrimonio viene redatto: se celebrato con rito civile, al momento della celebrazione; se celebrato con rito concordatario o altri Culti ammessi dallo Stato, viene trascritto dall'Ufficiale di Stato Civile in seguito alla trasmissione degli atti da parte del Ministro di Culto Cattolico o di altro Culto che lo ha celebrato (entro 5 giorni).
Dall'atto di matrimonio è possibile ricavare i certificati, gli estratti e le copie integrali. Inoltre a richiesta viene rilasciato il libretto internazionale di famiglia.
Gli sposi potranno ottenere il rilascio del libretto internazionale di famiglia richiedendolo all'ufficiale di Stato Civile, anche successivamente al matrimonio. Nel libretto sono riportate le dichiarazioni originarie e le ulteriori annotazioni degli atti di stato civile che riguardano gli sposi, la nascita dei loro figli nonchè il decesso degli sposi e dei loro figli.
L'atto di matrimonio per il rito civile, viene registrato nel Comune ove è stato celebrato e trascritto nel Comune di residenza degli sposi, per il rito religioso viene registrato presso l'Ufficio di Stato Civile del Comune nel cui territorio è situata la Chiesa e nel Comune di residenza degli sposi diverso da quello di celebrazione.

Quali sono i vincoli per l’accesso al servizio?

1) Aver compiuto il 18° anno d'età per entrambi; tale età può essere abbassata a 16 anni con decreto del Tribunale dei Minori a condizione che il giudice abbia accertato la maturità psichica del minore e che incorrano gravi motivi.

2) La sanità mentale per cui l'interdetto per infermità di mente non può contrarre matrimonio.

3) La libertà di "status" cioè la mancanza di un vincolo derivante da un precedente matrimonio che abbia effetti civili.

4) L'inesistenza di rapporti di parentela o affinità, affiliazione o adozione tra gli sposi.

5) Il matrimonio è vietato tra chi è stato condannato per omicidio consumato o tentato ed il coniuge della persona offesa dal delitto stesso.

Sulla base di quanto previsto dalla legge n. 94/2009, al momento della celebrazione del matrimonio il cittadino straniero deve presentare la documentazione che attesti la regolarità del soggiorno in Italia. 

Qual è la tempistica del procedimento?

Trascorsi i tre giorni successivi alla pubblicazione di cui all'articolo 99 del codice civile senza che sia stata fatta alcuna opposizione, l'ufficiale dello stato civile può procedere alla celebrazione del matrimonio. Il matrimonio deve essere celebrato entro i 180 giorni successivi alla pubblicazione.

Data inizio validità : 28/02/2020
Ultimo aggiornamento : 29/02/2020
Numero Unico 0521 40521
Logoonline
ci (ri)troviamo domani.jpg
banner generi alimentari 3 sito.png
Lilly.e.il.vagabondo 2.jpg
box-ecoconsigli
limitazioni-traffico-parma-2019-2020.png
ACCESSO2020 (2).jpg
Scopri i canali tematici
del Comune di Parma
Paes >> PAES_PORTALE2014