Prima nazionale Lenz Fondazione: NUMERI con Marcello Sambati alla Galleria San Ludovico

Debutto nazionale il 25 novembre prossimo per NUMERI, di Maria Federica Maestri e Francesco Pititto, nuova creazione ispirata alle Sacre Scritture, allestita presso la Galleria San Ludovico di Parma, nell’ambito della XXVI edizione del festival Natura Dèi Teatri. Interprete di NUMERI è Marcello Sambati, raffinato poeta e autore teatrale, tra gli attori più affermati e affascinanti della scena teatrale contemporanea.  Repliche fino al 3 dicembre e, il 26 novembre, lo spazio di approfondimento e dialogo aperto con il pubblico LENZ ROOM.

Continua la riflessione estetica sulla letteratura del sacro nella religione cristiana, avviata da Lenz nel 2021 con un progetto pluriennale dedicato alle Sacre Scritture, composto da creazioni visive, installative, teatrali, musicali e coreografiche in stretto concatenamento con ricerche filosofiche, scientifiche, filmiche, sociali e politiche, al fine di attivare un campo ampio di messa in scena del presente.

Dopo l’apparire dell’uomo e della donna sulla terra, dopo aver ascoltato la Scienziata e la Teologa gettate nel mondo a vivere il loro tempo presente con LA CREAZIONE, prima parte della ricerca sulle Sacre Scritture e progetto vincitore del bando Vivere all’italiana sul palcoscenico promosso dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il progetto SACRE SCRITTURE continua come momento topico della XXVI edizione dello storico festival Natura Dèi Teatri: dal 25 novembre al 3 dicembre 2022 Lenz presenterà NUMERI, nuova creazione di Maria Federica Maestri e Francesco Pititto, interprete Marcello Sambati e musiche originali di Andrea Azzali, installata presso la galleria San Ludovico, chiesa originariamente romanica, ricostruita in forme neoclassiche tra il XVIII ed il XIX secolo, sconsacrata nel 1860 e da alcuni anni spazio del Comune di Parma dedicato all’arte contemporanea.

Idealmente riferito al Libro dei Numeri come quarto libro dell’Antico Testamento, NUMERI è una riflessione/azione sull’essere umano al tempo della sua massima crisi e delle sue minime prospettive di sopravvivenza, al termine di un progressivo deteriorarsi del suo spazio vitale, nell’era geologica attuale, denominata Antropocene, in cui l’omeostasi dell’ecosistema è stata compromessa. La numerazione degli esseri, il censimento che elenca e denomina corpi da ri-conoscere, i viandanti nel deserto come testimoni alla prova del dolore e del riscatto, sono la materia prima da cui scaturisce  la potenza visiva dell’installazione scenica di NUMERI e della sua emblematica imagoturgia, realizzata sugli spiaggioni del Po in secca durante i torridi  mesi estivi, nei quali l’esile corpo dell’attore si perde, in una trasfigurazione della sofferenza, delle disillusioni, delle rivolte del popolo d’Israele errante nel deserto, dopo la fuga dall’Egitto e le diverse prove alle quali viene sottoposto per dimostrare la propria fedeltà e aderenza alle promesse divine di una nuova terra da abitare.

Diverse sono le immagini imponenti contenute nei capitoli: la nube sopra la tenda di Dio, le trombe d’argento, la giovenca rossa, il serpente di bronzo, l’asina, le conseguenze contenute nelle nuove leggi - immagini e situazioni che configurano diverse affinità con il nostro presente, precario sul rispetto della terra, timoroso delle diversità e propenso più a chiudersi che ad aprirsi al rischio del nuovo.

Interprete di NUMERI è Marcello Sambati - autore, performer, regista, fondatore di Dark Camera e del teatro Furio Camillo di Roma, punto di riferimento di attori, scrittori e critici teatrali fin dagli anni ’80.  Marcello Sambati, di origine salentina ma da tempo stabilitosi a Roma, è un raffinatissimo poeta che, dall’inizio di Frantoio e latte materno del 1975 a Koto Ba del 1995, porta avanti un rarefatto processo di smaterializzazione e svuotamento, dove la poesia è sostanza teatrale e peripezia del fare artistico, che si racconta nell’ostinazione delle pratiche.

Il 26 novembre alle ore 19 la direzione artistica di Lenz e Marcello Sambati incontrano il pubblico per LENZ ROOM, un dialogo aperto sull’opera e sulle sue rifrazioni intellettuali ed emozionali.

Nel 2023 e 2024 il punto di arrivo della ricerca sulle Sacre Scritture sarà rappresentato dall’APOCALISSE e dalle APOCALISSI GNOSTICHE come riflessione/azione sullo svelamento, come possibilità di verità delle cose.  Per poi ripartire, avendo aggiunto all’eterno ritorno del sempre uguale, un istante di diversità, di mutamento, di rivoluzione nel presente dell’arte teatrale. 

Con il sostegno di: MiC Ministero della Cultura, Regione Emilia-Romagna, Comune di Parma, AUSL Parma DAI SM-DP Dipartimento Assistenziale Integrato di Salute Mentale Dipendenze Patologiche, Università degli Studi di Parma, MAECI Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

NUMERI
dal quarto libro dell’Antico Testamento
Creazione | Francesco Pititto, Maria Federica Maestri
Drammaturgia, imagoturgia | Francesco Pititto
Regia, installazione, costumi | Maria Federica Maestri
Musica | Andrea Azzali
Interprete | Marcello Sambati
Produzione | Lenz Fondazione

Biglietti: 12 euro intero; 8 euro ridotto (under 30, over 60, studenti, insegnanti carta DOC)
Info e prenotazioni: 0521 270141; WhatsApp 335 6096220; info@lenzfondazione.it