MEDICINA DI GENERE

Di cosa si tratta?

Medicina di genere generale 1202x950 px.jpg

Prima di definire la medicina di genere è necessario distinguere due concetti:

Sesso: dato da caratteristiche biologiche (genetiche, anatomiche, endocrine)

Genere: è un riferimento sociale, di comportamenti, di attività, di attributi che una società considera specifici per gli uomini e per le donne.

Medicina di Genere: è una scienza multidisciplinare che studia l’influenza del sesso e del genere sulla fisiologia, fisiopatologia e clinica delle malattie per arrivare a decisioni diagnostiche e terapeutiche basate sull’evidenza sia nell’uomo che nella donna.

Uomini e donne sono diversi in salute e in malattia. Proprio di queste differenze si occupa la medicina di genere, una recente branca della medicina a cui la prestigiosa rivista scientifica The Lancet ha dedicato, a febbraio 2019, un intero numero. Come si ricava dalla lettura dei vari articoli, l'equità di genere nella scienza non è solo una questione di giustizia e diritti. I due generi, maschile e femminile, proprio per le differenze anatomiche e fisiologiche, pur soffrendo delle stesse malattie, si ammalano in modo differente e rispondono in modo diverso ai farmaci. Un esempio lampante riguarda i disturbi cardiovascolari. Infarto e ictus hanno ucciso, nel 2012, in Italia, 13.000 donne in più rispetto agli uomini (37.000 contro 24.000 maschi).

I dati, dell'Istituto Nazionale di Statistica (Istat) sono simili a quelli osservati per la prima volta, quasi trent’anni fa, dalla cardiologa Bernardine Healy, fondatrice della Medicina di genere. Nell'articolo "The Yentl Syndrome", pubblicato nel 1991 nella rivista medica “New England Journal of Medicine”, la Healy, allora a capo dell'agenzia americana per la salute (NIH, National institute of Health), denunciava la disparità di trattamento tra i sessi.

In base a due importanti studi clinici, osservava che le donne erano meno sottoposte a esami rispetto agli uomini, subivano più errori diagnostici e venivano ricoverate e curate in modo minore per le malattie cardiache.

È importante chiarire che la medicina di genere non riguarda solo la salute delle donne, né è limitata alle malattie che colpiscono gli organi della riproduzione, ma si interessa delle malattie che possono colpire entrambi i sessi. Non è una nuova area della medicina, ma rappresenta un nuovo livello di analisi da inserire in tutte le aree della medicina già esistenti.

La conoscenza delle differenze, infatti, è fondamentale per una corretta prevenzione, un migliore accertamento (diagnosi) della malattia e per l'identificazione della terapia più appropriata per ciascuno.

Una migliore comprensione delle differenze biologiche tra maschi e femmine è il primo passo per ridurre il livello di errore medico, promuovere l’appropriatezza terapeutica, migliorare e personalizzare le terapie.

Link:

THE LANCET https://www.thelancet.com/journals/lancet/issue/vol393no10171/PIIS0140-6736(19)X0006-9

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA’ https://www.iss.it/genere-e-salute

ITALIAN JOURNAL OF GENDER-SPECIFIC MEDICINE  http://www.gendermedjournal.it/

Vedi il file allegato QUADERNI DEL MINISTERO DELLA SALUTE “Il genere come determinante di salute”

File allegati

  • 2,05 MB -
    Il genere come determinante di salute.pdf